Antonio Fioretto
No Comments

Calciomercato Serie A: Inter e Fiorentina svendono, Nainggolan-Juve e Kolarov-Napoli

Nel calciomercato invernale, le cessioni la faranno da padrona. L'Inter cede Guarin e Kovacic e sfida la Juve per Nainggolan. Fiorentina: via Pizzarro, arriva Lodi. Napoli: Kolarov obiettivo numero uno

Calciomercato Serie A: Inter e Fiorentina svendono, Nainggolan-Juve e Kolarov-Napoli
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Nainggolan e Kolarov, rispettivamente vicini a Juve e Napoli

  Nainggolan e Kolarov, rispettivamente vicini a Juve e  Napoli

Vedere una squadra in finale di Champions, da qui a molti anni, sarà molto dura“. Parole di fuoco pronunciate da Antonio Conte, tecnico della Juventus, subito dopo la recente e cocente eliminazione dalla Champions League 2013-14. Parole, tuttavia, che ben rappresentano il momento del calcio italiano. In questo senso, i movimenti e le trattative di cui vive il calciomercato sono emblematici. Nessuno dei nostri club riesce a fare concorrenza ai top team europei, che espandono in lungo e in largo il proprio strapotere economico. La stessa Juventus, prima in Italia per fatturato, nonostante una gestione oculata dei fondi (colpacci a parametro zero o a basso costo), si è vista costretta a sacrificare uomini chiave, su tutti Giaccherini, pur di non minare l’ andamento societario. Il limite della Penisola è proprio questo: per comprare, prima c’è bisogno di vendere.

INTER-VENTI Il calciomercato invernale che si appresta ad aprire i battenti, purtroppo sarà tutt’altro che un’eccezione. Anche a Gennaio i nostri club, dalle grandi alle piccole squadre. si vedranno costretti a vendere, in certi casi addirittura a svendere. L’Inter, per esempio, pur avendo effettuato un cambiamento societario radicale, sancirà l’inizio dell’era Thohir con due illustri cessioni. Fredy Guarin è da considerarsi praticamente un giocatore del Chelsea di Mourinho, che lo acquisterà per la “modica” cifra di circa 30 milioni di euro. Nonostante la notevole plusvalenza, è inutile dire che i nerazzurri si priveranno di uno dei giocatori più forti della rosa.

Ma i tifosi del biscione non disperino. Le vendite, infatti, passeranno a due. Voci dell’ ultim’ora confermano un passaggio pressoché imminente al Manchester United di Mateo Kovacic, campioncino croato poco impiegato da Mazzarri. La Premier League, quindi, fa la spesa a Milano, con anche il difensore Ranocchia accostato all’Arsenal.

CORSA A NAINGGOLAN E in entrata? I nomi, al momento, sono soprattutto due. Il problema è che per entrambi c’è un’ acerrima concorrenza. Per Radja Nainggolan, principale indiziato per il dopo-Guarin, la trattativa somiglia a una vera a propria volata, che vede attualmente i nerazzurri dietro rispetto alla Juventus. I bianconeri sembrerebbero vicinissimi all’ ingaggio del campione belga, avendo sia il si del giocatore che quello di Cellino, cosa mai avvenuta in una trattativa di calciomercato. Il patron sardo ha asserito che “se Nainggolan mi chiedesse di partire, non potrei dirgli di no” e anche che “la Juve me lo ha chiesto varie volte, per cui hanno la precedenza“. L’impressione è che Branca abbia bisogno di un vero colpo di genio per strappare Radja alla Vecchia Signora, ed è un dato di fatto che nell’arco della propria carriera il ds ne abbia avuti ben pochi.

L’alternativa a Nainggolan si chiama Lavezzi, con i dovuti cambiamenti a livello tattico. Mazzarri adora El Pocho, e viceversa. Il prezzo del cartellino non è proibitivo, ma anche per il fantasista argentino c’è da battere la concorrenza del Manchester City. Altro obiettivo del mercato interista è D’Ambrosio, terzino sinistro in forza al Torino che sta vivendo una stagione da assoluto protagonista sotto la Mole. La Roma, però, è nettamente avvantaggiata sul giocatore.

Mario Gomez, attaccante della Fiorentina

Mario Gomez, potrebbe rivelarsi l’acquisto migliore per la Fiorentina

IL VIOLA PORTA MALE Dal CdA tenutosi giovedi scorso, è emerso che la Fiorentina ha un debito in bilancio di 10 milioni di euro, risanato dall’ intervento di Andrea Della Valle, che ha poi dichiarato: “Il mercato di gennaio si baserà sulla fantasia di Pradè e Macia”. Morale della favola: cedere, cedere, cedere. Innanzitutto, gli esuberi. Gente come Wolski, Olivera, Bakic, Munua, Roncaglia e Rebic dovrà per forza di cose cercarsi una nuova sistemazione. Non è da escludere nemmeno una partenza importante, come quella di Ilicic o di Pizarro. Il bottino che arriverà da cotante vendite servirà per un paio di colpi in entrata. I nomi che circolano con maggiore insistenza sono quelli di Lodi e Ralf, già cercato in estate. Tenendo conto che il miglior acquisto per Montella potrebbe essere Mario Gomez.

KOLA(ROV) IL VESUVIO Ad oggi, l’unica squadra insieme alla Juve che non sembra aver bisogno di fare cassa è il Napoli. Aurelio De Laurentiis ha promesso tre colpi importanti a gennaio, per puntare decisi allo Scudetto e colmare il gap dai bianconeri. Arriveranno, o dovrebbero arrivare, un esterno e un centrale di difesa e un mediano. Benitez non è tipo da accontentarsi, per cui ci sono tutte le premesse per assistere a botti di mercato. Kolarov sembra essere l’obiettivo primario per la difesa. In Inghilterra Aleksander non è mai esploso e, giunto all’età di 28 anni, cerca un’esperienza da protagonista. Napoli potrebbe essere la piazza perfetta. Bigon, inoltre, è pronto a calcare la falsa riga percorsa in passato, sfruttando gli ottimi rapporti col Villareal per arrivare a Mateo Musacchio, 23enne argentino con già 125 presenze all’attivo. Il giocatore andrà in scadenza nel 2014 e il rischio di perderlo a parametro zero potrebbe spingere il sottomarino giallo ad accettare la proposta azzurra.

L’ALTRA SERIE A Giro di portieri in vista. Bardi potrebbe passare al Cagliari nella trattativa comunque difficile Nainggolan-Inter. In tal caso Agazzi passerebbe al Livorno. Il Chievo sembra in procinto di tentare l’assalto a Padelli, provando un difficile scambio con Puggioni.

Antonio Fioretto (@FiorettAntonio)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *