Enrico Cunego
No Comments

Fiba World Cup, Girone B: la Croazia doma l’Argentina, bene Grecia e Senegal

Scola non basta, Argentina ko con la Croazia. Il Senegal batte Porto Rico, mentre la Grecia fatica ma supera le Filippine

Fiba World Cup, Girone B: la Croazia doma l’Argentina, bene Grecia e Senegal
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

ARGENTINA – CROAZIA 85-90

Seconda giornata del gruppo B a Siviglia e pesantissimo successo croato per la leadership del raggruppamento. I balcanici, infatti, superano 90-85 l’Argentina in un fondamentale scontro diretto tra due formazioni che ambiscono alla conquista del girone. Ai sudamericani non basta un super Luis Scola da 30 punti: l’ala grande degli Indiana Pacers, leader indiscusso di un gruppo orfano di Manuel Ginobili, si carica sulle proprie spalle la squadra, ma non basta, perchè gli avversari mettono in mostra un grande affiatamento che alla fine si rivela decisivo per le sorti dell’incontro. Già nel primo quarto gli uomini di Repesa dimostrano di essersi messi alle spalle la negativa prestazione contro le Filippine grazie ad un pesante parziale di 7-0 propiziato dalle giocate della guardia del Lokomotiv Kuban Krunoslav Simon, autore a fine gara di 18 punti. Primo quarto che si chiude sul 28-20. Alla ripresa del gioco i bianco-celesti si trasformano ed attuano il sorpasso grazie a un micidiale parziale di 9-0 in cui sale in cattedra Luis Scola. Ma grazie ai punti del pivot di Barcellona Ante Tomic i croati ritornano al comando per restarci fino alla fine. Nel terzo quarto, dopo una prima parte di sostanziale equilibrio, i croati dilagano grazie ai vari Saric, Bogdanovic, Simon e Lafayette, volando sul 75-63 che chiude il periodo. Nell’ultimo quarto l’indomabile Scola prova a dare la carica ai suoi ma è tutto inutile: i croati continuano a giocare in modo impeccabile e portano a casa una vittoria che vale oro.

TABELLINO

Argentina: Pablo Prigioni (8 punti), Marcos Mata (2), Walter Herrmann (11), Andrés Nocioni (11), Luis Scola (30) -quintetto iniziale-, Leo Gutiérrez (9), Marcos Delia (-), Selem Safar (3) y Facundo Campazzo (13)

Croazia: Oliver Lafayette (11 punti), Krusnoslav Simon (18), Bojan Bogdanovic (16), Dario Saric (16), Ante Tomic (5) -cinco inicial-, Damjan Rudez (6), Roko Ukic (8) y Luka Zoric (10)

TOP E FLOP

Top: Andres Nocioni e Krunoslav Simon

Flop: Pablo Prigioni

Enrico Cunego

SENEGAL – PORTO RICO 82-75
Match da dentro o fuori quello in scena a Siviglia tra Senegal e Porto Rico. Entrambe le compagini hanno, infatti, esordito nel Mondiale di Spagna con pesanti sconfitte – rispettivamente contro Grecia ed Argentina – e solo vincendo possono tener vive le speranze di accesso agli ottavi di finale. Porto Rico parte decisamente meglio, con Renaldo Balkmann che prende per mano i suoi e li porta avanti fino al 10-19, ma il Senegal rimane in scia chiudendo il primo quarto sotto 20-29. L’incisività offensiva dei centramericani cala di intensità con l’inizio della seconda frazione di gara e il Senegal ne approfitta per piazzare il suo primo pesantissimo break del match (15-3). Mattatori sono Dieng, Ndour e Faye, cui risponde un arcigno Barea: all’intervallo lungo siamo 41-40 per la nazionale africana.
Le note liete del match arrivano sempre dai soliti noti; Faye e Balkmann danno spettacolo e la gara diventa piacevole e ricca di spunti interessanti. Il Senegal prova a fuggire, chiudendo sul +5 il terzo quarto (63-58), ma l’affondo decisivo giunge solo nell’ultima frazione, quando Diop porta i suoi sul +10 (79-69). Porto Rico, alla seconda sconfitta consecutiva, esce con le ossa rotta e vede decisamente ridimensionate le proprie ambizioni di qualificazione, mentre il Senegal – sfrontato e bello da vedere – adesso sogna l’impresa.SENEGAL: Niang, Dalmeida 9 (3 assist), Thomas 2, Mamadou Ndoye, Diop 10, Malaye Ndoye 8, Thiam ne, Faye 20, Ndour 8, Ndiaye 6, Dieng 18 (13 rimbalzi), Badji 1.
PORTO RICO: Clemente 2, Barea 15, Franklin 4, Arroyo 11, Vassallo 6, Rivera 6 (5 assist), Diaz ne, Sanchez 2, Huertas, Balkman 21, Galindo 6, Santiago 2 (7 rimbalzi).TOP E FLOP
TOP: Faye e Dieng per il Senegal, Balkman per Porto Rico
FLOP: Franklin per Porto Rico.Antonio Guarino (@GuarinTony)
FILIPPINE-GRECIA 70-82Che le Filippine fossero ostiche l’avevamo già intuito, grazie alla splendida prova – anche se terminata con una sconfitta – contro la Croazia. Nel secondo match del girone gli asiatici sfiorano ancora l’impresa, ma la Grecia riesce comunque a portare a casa una preziosa vittoria. L’inizio di partita è tutto per gli ellenici, che riescono adoppiare fin da subito i punti degli avversari (10-20). Zizis è sugli scudi e Printezis caldo già dalla palla a due, ma le Filippine rimangono sempre li. Alla fine del primo tempo sono sempre 10 i punti di vantaggio per gli europei, sul 27-37. Grazie all’impegno di Blatche le Filippine riescono ad evitare la fuga della Grecia, tornando intorno alla decina di punti di svantaggio. Nel finale è Printezis a trovare il parziale decisivo, impedendo una clamorosa rimonta e regalando il secondo successo ai suoi. Per le Filippine tanti applausi, ma ancora nessun punto.FILIPPINE: Alapag 3, Tenorio 3, Chan 3, Willian 5, David 2, De Ocampo 4, Norwood 5, Blatche 21 (14 rimbalzi), Fajardo 10, Dalistar 5, Aguilar 2, Pingris 7.GRECIA: Mantzaris, Bourousis 12 (10 rimbalzi), Zisis 8, Vasileiadis 6, Calathes 9, Glyniadakis ne, Papanikolaou 9 (4 assist), Sloukas 3, Kaimakoglou 5, Antetokounmpo 3, Vougioukas 2, Printezis 25.

Simone Viscardi (simojack89)

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *