Jacopo Bertone
No Comments

Dortmund annichilito, ma dove arriverà questa Juve?

Il 3-0 del Signal Iduna Park potrebbe essere il punto d'arrivo oppure l'inizio di una grande cavalcata: dove può arrivare la Juve di Allegri?

Dortmund annichilito, ma dove arriverà questa Juve?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

L’immensità di Tevez, il talento di Morata e l’acume di Allegri hanno portato la Juventus dove voleva essere ovverosia tra le prime 8 d’Europa, ma all’indomani della leggendaria vittoria in Germania è inevitabile chiedersi: quale sarà il prossimo traguardo della Vecchia Signora?

Allegri, la sua Juventus aspetta di conoscere l'avversario nei quarti di Champions

Max Allegri, uno dei motivi per cui questa Juve sta facendo così bene

DI DOMAN NON V’E’ CERTEZZA – Va detto prima di tutto che la squadra di Klopp ha deluso le aspettative e il passaggio del turno era doveroso, però questo non toglie nulla all’impresa che hanno compiuto i bianconeri che è fondamentale non tanto e non solo sotto l’aspetto dell’economia e del prestigio, ma soprattutto dal punto di vista psicologico in quanto era PALESE che dopo la batosta subita contro il Bayern 2 anni fa qualcosa fosse entrato nella testa del gruppo impedendogli di rendere al meglio al di fuori dei confini dell’italico stivale. Il piglio e la garra mostrati all’ex Westfalenstadion fanno intendere che questo tabù sia stato superato e archiviato, ma allora cosa c’è nel mirino della Juve? quali sono i margini di miglioramento? Dal punto di vista istituzionale, come detto prima, l’obiettivo prestabilito è stato raggiunto, ma dal ghigno di Marotta e dallo sguardo di Chiellini si è potuto evincere che un pensierino nascosto e innocente al bersaglio grosso lo si è fatto, ovviamente senza troppe pretese, ma sognare non costa nulla. Tutto dipenderà dal sorteggio di domani, si perchè al di là delle congetture e della pancia bisogna affidarsi al raziocinio e ammettere che le due spagnole e i predetti bavaresi sono inarrivabili, tuttavia l’impressione è che con le altre ci sia più di una possibilità per questa Juve, specie contro Porto e Monaco, le meno attrezzate della pista, e poi ci sarebbero anche il Psg alle prese col terremoto Ibrahimovic e il balbettante Atletico Madrid, compagini pericolose e al contempo potabili. Comunque vada ci sarà da divertirsi, dopo ieri sera NESSUNO vorrebbe incontrare Buffon&Co , inoltre in questi casi sarebbe bene ricordarsi le parole di quel tale che agli scarpini e ai parastinchi preferiva canotta e mutandoni che una volta disse che i limiti, come le paure, spesso sono solo un’illusione…

Jacopo Bertone (@JackSpartan92)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *