Riccardo Raffa
No Comments

ATP Parigi Bercy: Djokovic demolisce Nishikori, la finale sarà con Raonic

Il numero uno del mondo piega senza problemi la resistenza del giapponese. Il canadese batte Berdych al terzo set.

ATP Parigi Bercy: Djokovic demolisce Nishikori, la finale sarà con Raonic
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

ATP Parigi Bercy, semifinali: un monumentale Novak Djokovic sconfigge Kei Nishikori in poco più di un’ora di gioco con il punteggio di 6-2 6-3. Questa volta il giapponese non è riuscito neppure ad impensierire il numero uno del mondo, probabilmente stanco dopo le battaglie dei giorni precedenti contro Robredo, Tsonga e Ferrer. Il primo set è senza storia, Nishikori fatica maledettamente a tenere i suoi turni di servizio, mentre il serbo perde solamente quattro punti alla battuta. Nel secondo set l’equilibrio permane solamente nei primi game, quando Djokovic cala la percentuali di prime in campo, ma il giapponese è falloso e lento negli spostamenti e cede di schianto alla solidità e alla potenza del serbo. Terza finale a Parigi Bercy per Djokovic, settima nel 2014 e 69esima in carriera: proverà ad impedirgli di conquistare il suo 47esimo titolo Milos Raonic che ha vinto l’altra seminale contro Tomas Berdych con il punteggio di 6-3 3-6 7-5. Il match, come facilmente prevedibile, si gioca molto al servizio e anche se il canadese non mantiene le stesse percentuali del giorno prima con Federer riesce ad aggiudicarsi il primo set strappando il break decisivo all’avversario a metà partita. Il giocatore ceco si riprende nella seconda frazione, diminuisce gli errori gratuiti ed inizia ad avere il controllo degli scambi da fondo campo: conquista subito un break e riesce a mantenerlo fino alla fine portando la partita al terzo set. L’ultima parte di match è molto equilibrata e l’epilogo al tie break sembra inevitabile, ma al dodicesimo game il braccio di Berdych trema inesorabilmente provocando due doppi falli e un brutto errore gratuito: Raonic ringrazia e chiude l’incontro qualificandosi per la sua seconda finale in carriera ad un Masters 1000.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *