Connect with us

TransferMarket

Il Milan che verrà non vuole prescindere da Donnarumma, ma serviranno sforzi da entrambe le parti

Pubblicato

|

Donnarumma

Donnarumma rinnova? C’è uno Scudetto da acciuffare, con le unghie e con i denti. Da sognare, restando lì in alto, tenendo botta a sportellate, malgrado i limiti e i bastoni tra le ruote della sorte. Il Milan è ancora lì, è primo a febbraio e quello che prima sembrava un caso, poi un miracolo, ora è una reale possibilità. E se alla fine i rossoneri finiranno sconfitti, non avranno rimpianti: sono partiti per un piazzamento Champions, tutto ciò che viene dopo è guadagnato. Negli uffici invece dovranno già adoperarsi per mettere a punto il Milan che verrà, quello del triplo impegno, dell’Europa che conta. Serviranno non solo i rinforzi, ma una programmazione degna di questo nome.

🔴 Donnarumma rinnova? Le ultime sulla trattativa

A partire dai casi intricati che popolano il quotidiano negli uffici di Casa Milan. Sono punti di domanda più grandi di quanto sembrino e non possono essere nascosti o minimizzati in preda all’euforia di questa stagione. In primis, il rinnovo di Donnarumma: sarà lui il portiere del Milan il prossimo anno?

Sembrava un’operazione in discesa e invece a quattro mesi dalla naturale scadenza del contratto l’accordo ancora non c’è. Le ultime cronache raccontano di un’operazione resa difficile dalla distanza tra le parti. Da un lato il Milan, con la sua offerta da 7.5 milioni a stagione per 5 anni. Un contratto lunghissimo che farebbe di Gigio una vera e propria bandiera del Milan.

🔴 LEGGI ANCHE Milan a caccia di un terzino

Dall’altro, le richieste di Raiola: uno stipendio a doppia cifra, oltre i 10 milioni, per appena due stagioni. I calciatori del noto agente di Ibra e Haaland non sono soliti legarsi ad una realtà a lungo. L’intenzione, in questo senso, sarebbe quella di parcheggiarlo a Milano per poi sperare che nel 2023 gli effetti del covid sul mercato siano svaniti. “Spostarlo” questa estate sarebbe deleterio: acquirenti scarseggiano. Sarà allora decisiva la volontà di Donnarumma, propenso a restare in rossonero.

Ma le due parti dovranno inevitabilmente rivedere le loro posizioni e venirsi incontro. Il Milan non vuole perdere Gigio e Gigio non vuole lasciare il Milan: la premessa c’è, manca il resto. Intanto, iniziano i contatti con il Real Madrid per il riscatto di Brahim Diaz. Ma non solo: il Milan ha intavolato anche i primi discorsi per le permanenze di Diogo Dalot e Fikayo Tomori. Per consolidare le situazioni incerte e porre le prime basi della squadra che verrà.

Vittorio Perrone

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SPORTCAFE24.COM

FACEBOOK & TWITCH

I NOSTRI CLIENTI

BETCAFE24