Connect with us

Tg Sport

Caso plusvalenze, intercettati i dirigenti della Juve! Il Sassuolo fissa il prezzo di Raspadori

Pubblicato

|

juventus plusvalenze

Nelle scorse ore la Guardia di Finanza ha effettuato un blitz nella sede della Juventus per aprire un’indagine sulla questione plusvalenze. Un vero e proprio terremoto che ha scosso il mondo bianconero.

Come attestato dai pubblici ministeri della Procura di Torino nel decreto di perquisizione che ha fatto emergere l’inchiesta sui bilanci della Juve, si è: “avuta espressa conferma in merito alla ‘gestione malsana delle plusvalenze‘, voce di ricavo caratteristica della gestione sportiva, talvolta utilizzata quale autentico strumento ‘salva bilanci’, cioè in modo distorto“.

⚪⚫ Indagine sulle plusvalenze: le intercettazioni che fanno paura alla Juventus

Inoltre, il Corriere di Torino ha riportato alcune intercettazioni dove la Juve arriva ad essere paragonata ad una “macchina ingolfata. Proprio gli investimenti oltre le previsioni del budget e gli “ammortamenti e tutta la m**. che sta sotto che non si può dire” sono stati tra le cause dello squilibrio economico e finanziario che ha portato la società Juventus spa ad essere appunto paragonata “a una macchina ingolfata“.

In altre intercettazioni, viene inoltre identificato il “meccanismo Paratici“: “Sono emersi, in più casi, riferimenti alla gestione Paratici, artefice della pianificazione preventiva delle plusvalenze“, si legge. Anche qui altre intercettazioni: “Hanno chiesto di fa’ plusvalenze” e ancora: “Che almeno Fabio, dovevi fa’ plusvalenze e facevi plusvalenze“.

🆕 LEGGI ANCHE: Un anno di me***: Agnelli spara a zero su Sarri! Colpo Milan e i no-vax della Serie A

❌💶 Plusvalenze gonfiate: Agnelli sapeva tutto

Ma il sistema, secondo le indagini del nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza, era noto ai vertici del club: “Per quanto emerso dalle attività di ascolto, i vertici del cda della società bianconera, in primis il presidente Andrea Agnelli, appaiono, di fatto, ben consapevoli della condotta attuata dall’ex manager bianconero e delle conseguenze estremamente negative sotto il profilo finanziario, non certo derivanti solo dal contesto pandemico in atto“.

Anche qui un’intercettazione: “Sì, ma non era solo il Covid e questo lo sappiamo bene!“. Intanto l’indagine prosegue, con sotto osservazione in particolare il passaggio di Pjanic al Barcellona e Arthur alla Juventus. Per la dirigenza bianconera la posizione si fa sempre più complessa.

⚫🔵 L’Inter spinge per Raspadori: il Sassuolo fissa il prezzo per la cessione in estate

Intanto l’Inter è concentrata sul calciomercato, mettendosi alla ricerca di un attaccante giovane che possa garantire serenità anche in ottica futura. Da tempo i nerazzurri seguono con interesse Giacomo Raspadori, attaccante del Sassuolo, ma le richieste del club neroverde sono alte.

La richiesta iniziale del Sassuolo – che comunque rimanda ogni discorso di cessione alla prossima estate – è di circa 30 milioni di euro, cifra molto alta per le casse dell’Inter. Per questo motivo i nerazzurri sperano di abbassare le pretese del Sassuolo sfruttando soprattutto la volontà del calciatore di giocare in un grande club.

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

FACEBOOK & TWITCH

SPORTCAFE24.COM

I NOSTRI PARTNERS