Connect with us

Esclusive

Il Toro compie 115 anni di storia. Mazzola: “È indelebile”. Sulla Juve: “Non potevo mettere quella maglia”

Pubblicato

|

115 anni di Toro, Sandro Mazzola

Oggi, 3 dicembre, è una data importante per i cuori granata. Il Toro compie 115 anni di storia e passione. Data segnante per i tifosi, per chi ha indossato la maglia e – in particolare modo – per gli invincibili. Qualcuno ha detto che chi ama il calcio ama anche il Toro, ed è proprio così.

La tragedia di Superga, avvenuta il 4 maggio 1949, che si è portata via l’intera squadra del Grande Torino, resta una ferita sempre aperta. Un evento doloroso che ha unito – in particolare modo – tutti i club del mondo. Il tempo passa, ma la storia resta. Per sempre, indenne. Ogni squadra ha una storia, ma un vero cuore granata risponderà sempre che il Torino è leggenda.

In questo giorno importante la redazione di SportCafe24 non poteva perdere l’occasione di coinvolgere un vecchio e fedele cuore granata, Sandro Mazzola.

Sandro Mazzola con suo padre Valentino

Sandro Mazzola con suo padre Valentino

Alessandro Mazzola, figlio di Valentino Mazzola – capitano, leader e simbolo del Grande Toro – è stato protagonista con la maglia della Nazionale italiana, laurendosi campione d’Europa nel 1968 e vicecampione del mondo nel 1970. Mazzola, considerato uno dei migliori calciatori italiani di sempre, ha indossato la maglia granata nelle giovanili dal 1957 al 1961. Successivamente, dal ’61 al ’77, ha vestito la maglia dell’Inter. Molti i premi ottenuti durante la sua carriera calcistica. Ricordiamo quello come miglior marcatore della massima competizione europea per club nel 1964 e miglior marcatore del campionato italiano nel 1965.

A seguire l’intervista a Sandro Mazzola.

Oggi il Toro spegne 115 candeline, quanto è stato importante giocare a Torino e – soprattutto – diventare l’emblema del Grande Toro, perché ricordiamo che lei è il figlio del capitano Valentino Mazzola. Mi racconta l’emozione di quegli anni?

“Che dire, è stato bellissimo. Il mio papà mi portava sempre agli allenamenti ed io stavo seduto in panchina, poi alla fine dell’allenamento, quando facevano i tiri in porta, li facevo anche io e mi divertivo un sacco. Erano momenti bellissimi, per me indimenticabili. Questo è quello che ricordo meglio”.

Mi può raccontare un aneddoto sul Grande Toro?

“Quello che ricordo principalmente è quando c’era il derby, perché all’epoca il capitano della Juve portava il figlio in campo e il mio papà portava me. Il bello è che ci mettevamo a metà campo quando loro salutavano il pubblico e, noi che eravamo proprio lì al centro, ci facevamo le boccacce l’uno con l’altro. – spiega ridendo, Sandro Mazzola -. Ricordo come se fosse ieri, perché era più forte di noi. Questa cosa succedeva ogni volta che c’era il derby”.

Ricordiamo il suo famoso “no” alla Juventus. Come fu quel momento?

“Ci pensai molto sinceramente. Ad un certo punto, però, parlando anche con mia mamma non potevo mettere quella maglia. Avrei cancellato tante cose, a partire da quello che è successo a Superga. Non dormii per qualche notte, devo dire la verità, però alla fine ebbi la forza di decidere”.

Si è mai pentito di questa scelta?

“Assolutamente no, mai. Il Toro lo seguo sempre, è una cosa che ho dentro il cuore.”

Ritornando alla fondazione del Torino, avvenuta il 3 dicembre 1906, qual è il suo augurio ai tifosi granata?

L’augurio per i tifosi del Toro è di vedere, prima o poi, un campionato con il Torino in testa e tutti gli altri dietro. Chiaramente anche quello di vincere un derby. Il derby è sempre quella cosa che ti fa venire proprio il nodo alla gola, specialmente quando non hai vinto”.

Parole sincere e profonde quelle di Sandro Mazzola, che onorano al meglio la gloriosa maglia granata. Così come la forza di questa grande società, con la speranza che il Torino possa rimettersi in corsa e portare a casa lo Scudetto. Mazzola ha messo in luce il fatto che, nonostante il passare degli anni, un vero grande amore non si scorda mai.

Buon compleanno Toro!

 

 

 

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

FACEBOOK & TWITCH

SPORTCAFE24.COM

I NOSTRI PARTNERS