Connect with us

Podcast

Emergenza Covid per la Lazio. Juventus sperimentale contro il Barça | Podcast TG Sport

Pubblicato

|

Dopo la prima ondata di partite del martedì sera, la Champions League delle italiane prosegue oggi con due impegni fondamentali per Lazio e Juventus. Proviamo a vedere come arrivano all’incontro le due italiane.

Emergenza Covid per la Lazio

È una Lazio in piena emergenza quella che si appresta ad affrontare, questa sera alle 21.00, la compagine belga del Bruges. Immobile, Luis Alberto, Lazzari, Djavan Anderson e Andreas Pereira non saranno dell’incontro e alla lista, già lunga di suo, si aggiungono adesso anche Cataldi, Strakosha e Armini, per febbre e disturbi gastrointestinali. “Si tratta di una vigilia diversa rispetto alle altre, ma dobbiamo andare a fare una gara importante contro una squadra che ha vinto la prima” ha spiegato il tecnico Simone Inzaghi in conferenza stampa, continuando così: “Il problema principale è non avere rotazione, facciamo di necessità virtù, ho pochi conti da fare. Abbiamo giocato tre giorni fa con il Bologna, questo è il momento, andiamo avanti“.

Di fronte ci sarà una squadra tutt’altro che facile: gli uomini di mister Philippe Clement sono riusciti a imporsi sul campo dello Zenit per 1 a 2 e in campionato sono in seconda posizione, a solo un punto dalla capolista Anversa. L’entusiasmo della Lazio è ancora a mille dopo la vittoria con il Borussia Dortmund, ma in queste notti europee è sempre meglio andarci cauti.

Juventus, difesa da rifare

Stesso morale e stessa situazione infortunati per Andrea Pirlo, pronto a sfidare il Barcellona per la prima volta dalla panchina. Chiellini sarà out, Bonucci non è ancora al meglio e De Ligt non ha ancora ricevuto l’ultimo ok da parte dell’ortopedico. Scatta l’emergenza, quindi, nella retroguardia bianconera. “Qualcuno dovrà sacrificarsi – ha detto il campione del mondo ai giornalisti – McKennie è rientrato da due giorni, non penso che possa ricoprire un ruolo da difensore“. In attacco invece si va sul sicuro: Dybala e Morata sono sicuri del posto da titolare, con Kulusevski pronto a subentrare e a cercare di bissare il gol contro il Verona. Se in campionato, a parte la vittoria a tavolino col Napoli, sono arrivati due pareggi di fila, in Europa non c’è tempo da perdere: c’è subito da schiacciare sull’acceleratore.

Occhi puntati sul milanista, ma si valutano anche altre strade.

Pubblicato da SportCafe24 su Martedì 27 ottobre 2020

SPORTCAFE24.COM

Facebook

BETCAFE24