Connect with us

Prima Pagina

Hakimi, dall’infanzia povera alla serie A: storia del nuovo esterno dell’Inter

Pubblicato

|

Gli amici lo chiamano Arra ma il suo vero nome è Achraf Hakimi ed è l’ultimo colpo di mercato dell’Inter, ingaggiato per rafforzare la rosa di Antonio Conte.

ACHRAF HAKIMI, LA STORIA

Achraf Hakimi Mouh, classe 1998, è nato in Spagna da genitori marocchini. I suoi genitori hanno cercato fortuna a Madrid, a causa delle difficoltà economiche legate alla mancanza di lavoro. Il giocatore ha poi dichiarato: “Sono venuti da zone in cui non c’è quasi nessun lavoro. Hanno dovuto combattere duramente. Non ho parole per descrivere i miei genitori”. La mamma avrebbe voluto che Achraf praticasse judo o nuotasse, ma lui era innamorato del calcio.

Una scelta che si rivelò giusta, visto che nel 2006, quando aveva solo sette anni, arrivò la chiamata del Real Madrid. Gli osservatori del Real lo avevano visto in azione con la squadra del Colonia Ofigevi e decisero di contattare la sua famiglia per un provino. A soli sette anni, la carriera di Hakimi cambiò, con il papà che stentava a credere che quella lettera con carta intestata del Real Madrid non fosse uno scherzo.

Seguiranno 17 presenze e 2 gol in stagione, con tanto di Champions in bacheca e Mondiale con il Marocco. Nel suo cuore, vicino alle sue origini, alla sua famiglia che non ha mai cambiato stile di vita nonostante i successivi ingaggi milionari del ragazzo. “E soprattutto, l’Africa mi eccita dentro: mi rende triste, ma allo stesso tempo mi incoraggia a combattere e a pensare alla fortuna che ho”, ha dichiarato.

Ma a fine stagione Zidane, che gli ha sempre dato fiducia, lascia Madrid. A ruota tocca ad Hakimi: destinazione Dortmund, prestito pluriennale con diritto di riscatto. Anche lì  si trova a meraviglia. 28 presenze e 3 gol nella prima stagione, 45+9 la seconda. Oggi, è un calciatore nerazzurro.

Legato alla sua fede, l’Islam, e al valore della famiglia, Hakimi è sentimentalmente legato all’attrice Hiba Abouk, attrice spagnola con origini turche. I due hanno avuto anche un bambino lo scorso febbraio.

Vero, forse agli esordi lo avranno pagato anche in palloni, ma oggi l’Inter ha investito per lui ben 40 mln. Il difensore sembra avere le caratteristiche ideali per fare al caso di Conte. Come andrà ce lo dirà il campo, ma il ragazzo ha tutte le carte in regola affinchè i tifosi dell’Inter possano tenere alta l’asticella delle aspettative.

SPORTS AGENCY SC24

Facebook

BETCAFE24

Trending