Connect with us

Focus

Alé, torna in pista il Tourist Trophy, la mattanza su due ruote

Pubblicato

|

Anello al naso? Nessun problema: basta dargli una lucidata e le macchie di sangue se ne vanno in un baleno. Ecco lo spirito del Tourist Trophy, il famigerato rollerball motociclistico che dal lontano 1907 si disputa ogni anno (guerre mondiali escluse) sull’isola di Man – fra Irlanda e Inghilterra – lungo il tortuoso Snaefell Mountain Course, un circuito stradale di quasi 61 km che si snoda fra centri abitati e pericoli di ogni tipo (per la cronaca, la gara d’apertura dell’edizione 2014 è stata vinta dal pilota nord-irlandese Michael Dunlop in sella a una BMW S 1000 RR ufficiale. Per la casa tedesca è il ritorno alla vittoria dopo ben 75 anni di astinenza).

Yoshinari Matsushita, il pilota giapponese della Tyco Suzuki morto l'anno scorso durante la sessione di qualifica del Tourist Trophy

Yoshinari Matsushita, il pilota giapponese della Tyco Suzuki morto l’anno scorso durante la sessione di qualifica del Tourist Trophy

NONCICLOPEDIA DOCET – Per descrivere la gara motociclistica più sciagurata che la mente umana sia mai riuscita a concepire sono stati versati fiumi di inchiostro, ma la definizione proposta da Nonciclopedia – la fortunata parodia della benemerita Wikipedia – è davvero calzante: “Il Tourist Trophy dell’isola di Man o più semplicemente TT è l’evento cardine per quanto concerne la disciplina del suicidio di massa agonistico, anche se a prima vista sembrerebbe una “normale” corsa motociclistica. Ogni anno centinaia di aspiranti suicidi migrano sulla famosa Isola di Man per dare vita a una delle carneficine istituzionalizzate più truculente della storia. (…) Il regolamento prevede che il vincitore sia il primo a morire contro i muretti delle case che cingono le strade su cui si snocciola il percorso, anche se, normalmente, si organizza una finta premiazione per chi ha completato per quattro volte di fila il percorso prestabilito nel minor tempo (fraintendendo quindi completamente lo spirito della manifestazione)”.

SE QUESTO E’ SPORT – Fiumi di sangue, infatti, sono stati versati per provare sulla propria pelle l’emozione di quel brivido che solo il “leggendario” TT può garantire: 253 morti (fra piloti, spettatori, ufficiali di gara, ecc.) e centinaia di feriti, di cui molti gravissimi (invalidità permanenti, mutilazioni, ecc.). Il bilancio, naturalmente, si aggrava ogni anno, e se nel 1970 persero la vita ben 6 centauri – record assoluto della pista – nel 2013 si rischiò una vera e propria carneficina quando la moto di Jonathan Howarth si schiantò contro un muro e andò in mille pezzi in mezzo al pubblico provocando 11 feriti: “La benzina è finita addosso alla gente appostata a bordo strada, è stata una scena da panico”. “…Ho fatto appena in tempo ad abbassarmi, e sono stato colpito da alcuni frammenti”. “Ho pensato di essere spacciato, mio Dio è stato orribile!”

Souvenir dall'isola di Man

Souvenir dall’isola di Man

SNAEFELL “BLOODY” COURSE – Corsa nel “mito”? Adrenalina pura? Desiderio insopprimibile di andare oltre ogni limite? Ma và… Basta grattare la sottile crosta di retorica, e il TT appare in tutta la sua stomachevole realtà: una fabbrica di morti, ecco che cos’è lo Snaefell Mountain Course, un rituale tragico e indecente cui prendono parte centinaia di piloti affetti da un malinteso senso del coraggio (“Questi sono pazzi… ho fatto bene nella mia carriera a non accettare mai un invito a correre qui” disse l’ex campione del mondo della 500 Marco Lucchinelli) per la gioia degli sponsor, dei costruttori e di un carrozzone che produce un sacco di soldi in cambio di un po’ di carne umana.

“Ho fatto un giro dell’Isola di Man, e capisco perché la gente ama questa gara, perché è davvero impressionante” dichiarò Valentino Rossi dopo un giro di prova. “E’ un percorso incredibile, fantastico. Ma, purtroppo, è troppo pericoloso. A volte, i piloti sono pazzi. L’Isola di Man è molto difficile. Se si commette un errore, forse è l’ultimo errore.” Già, ma questo al business non interessa: morto un “eroe”, c’è n’è subito un altro. E lo chiamano sport.

Enrico Steidler

Continue Reading
2 Comments

2 Comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SPORTCAFE24.COM

Facebook

I NOSTRI CLIENTI

BETCAFE24