Redazione

Luca Belingheri lancia il Livorno verso la A. La copertina della serie B

Luca Belingheri lancia il Livorno verso la A. La copertina della serie B
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

BelingheriLIVORNO, 15 APRILE – Belingheri sempre più decisivo nel Livorno lanciato verso la promozione nella massima serie. E’ questo il verdetto principale che ha emesso la giornata del torneo cadetto disputata nell’ultimo fine settimana e che ha visto i labronici portarsi a sole 4 lunghezze dalla capolista Sassuolo.

LA CARRIERA – Belingheri nasce a Lovere in provincia di Bergamo e muove i primi passi nel settore giovanile dell’Alzano con il quale fa il debutto in prima squadra nel 2001/2002 nel campionato di serie C1. Le ottime prestazioni del giovane centrocampista non passano inosservate e al termine della stagione va al Siena in serie B dove disputa però solamente 3 gare prima di ritornare in Lombardia a Gennaio per accasarsi al Como con il quale fa l’esordio nella massima serie collezionando 2 presenze nella seconda parte del 2002/2003. Si ferma nella compagine lariana anche l’anno successivo in serie B mentre nell’estate del 2004 si trasferisce all’Ascoli dove scende in campo in 20 occasioni senza tuttavia mettere a segno nessuna rete. Nella sessione estiva di mercato del 2005 ritorna alle origini firmando per l’Albinoleffe dove rimane per due stagioni nelle quali disputa 63 incontri realizzando 7 reti in campionato. Nel 2007 altro cambio di casacca ed altro ritorno al passato dal momento che Belingheri ritorna all’Ascoli dove gioca con continuità trovando anche una discreta confidenza con la porta avversaria. Nelle Marche si ferma per un biennio, nel quale va a segno 11 volte in 57 apparizioni sul terreno di gioco, al termine del quale si trasferisce al Torino che cerca il ritorno in serie A dopo la retrocessione avvenuta al termine del campionato 2008/2009. In maglia granata le cose non vanno benissimo anche a causa del suo utilizzo come centrocampista centrale in una zona del campo non consona alle sue caratteristiche. L’esperienza in Piemonte termina nel Gennaio del 2011, dopo 29 presenze e 3 reti, con il passaggio al Livorno con il quale sta tuttora giocando. In Toscana Belingheri diventa subito un punto fermo dello scacchiere amaranto fino a diventare decisivo nella stagione attuale nella quale ha già superato 11 volte i portieri avversari, con anche 7 assist all’attivo nelle 29 gare finora disputate. Il centrocampista di origini bergamasche è diventato un riferimento imprescindibile dietro alle punte nello schema del tecnico Davide Nicola come dimostrato dalle 2 reti realizzate Sabato sul campo del Varese venute entrambe da due tocchi da distanza ravvicinata su invito dei compagni del reparto avanzato. Due goal che hanno fruttato una vittoria fondamentale nella rincorsa alla serie B della compagine labronica ed hanno confermato ancora una volta l’importanza di Belingheri nei risultati esaltanti ottenuti fino a questo momento nell’attuale stagione.

LE CARATTERISTICHE TECNICHE – Belingheri è un trequartista che può giocare anche come centrocampista centrale anche se quest’ultima posizione penalizza le sue doti di incursore limitando la pericolosità dei suoi inserimenti. Il suo piede naturale è il destro ma se la cava discretamente anche con il sinistro mentre il colpo di testa è forse il suo punto debole nonostante sia alto più di 1.80 metri. Possiede una buona confidenza con la porta avversaria, come dimostrano le quasi 40 reti realizzate in carriera nei campionati professionistici, mentre difetta nella fase di copertura che non rappresenta propriamente il suo pezzo forte. Contrattualmente legato al Livorno fino al termine dell’attuale stagione il desiderio è quello di rinnovare il contratto che lo lega alla società toscana non prima di averla però trascinata nella massima serie grazie alle reti e agli assist sfornati per i compagni.

Mauro Leone

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *