Connect with us

Champions League

Zenit-Milan: le pagelle di SportCafe24, top e flop del match

Pubblicato

|

Abbiati, protagonista contro l’Ajax

SAN PIETROBURGO, 3 OTTOBRE – Un buon Milan nei primi venti minuti, ed un maestoso Abbiati nei restanti settanta, bastano per battere lo Zenit di Spalletti, grazie a due autoreti ed un gran gol di El Shaarawy. Ecco i top e flop della serata:

TOP MILAN

ABBIATI 9 – Tutti si ricordano di lui per la parata di Perugia all’ultima giornata, stagione 1998/99, che consegnò lo scudetto ai rossoneri. Da oggi, questa diventa la partita della carriera del n.32 milanista. Para tutto, anche l’impossibile. Si contano almeno 8 parate, alcune miracolose: fenomenale!

EL SHAARAWY 7 – Ormai cliente fisso della speciale classifica post-partita. Un gol favoloso, e quel lavoro alla Eto’o sottolineato già da Galliani nel nuovo 4-2-3-1 che lo fa apprezzare per generosità e sacrificio. E’l’uomo del momento, anzi, il ragazzino. Non dimentichiamoci, classe 92′.

BONERA 6.5 – Negli ultimi venti minuti è lui a reggere la difesa rossonera nell’arrembaggio finale russo. Dà tranquillità e sicurezza ad una difesa che ne ha tanto bisogno. Esperienza, serenità e temperamento a servizio della retroguardia.

FLOP MILAN

ABATE 5 -In grande difficoltà per tutta la partita, soffre Hulk e le discese di Criscito, senza mai riuscire a spingere come suo solito. Protagonista negativo in occasione di entrambi i gol della squadra di Spalletti. E domenica torna il suo incubo peggiore: Diego Milito!

BOATENG 5.5 – Ancora non c’è il Boa. La squadra gira, lui no. Eppure il nuovo modulo sembra disegnato a sua misura, per inserimenti e capacità di fare da unione tra centrocampo ed attacco. Spreca un’incredibile occasione-gol sul 2-2.

TOP ZENIT

HULK 7 – Il solo a crederci, e a provarci anche sotto di 2 gol. Prima piega le mani ad Abbiati con un tiro da 30 metri, poi su punizione ravvicinata. Riaccende le speranze con un diagonale proprio sul finire del primo tempo, e ricama l’assist su corner per il 2-2. Devastante!

ANYUKOV 6.5 – Spinge come un matto, grande potenza fisica e buoni piedi per il terzino russo. Non è assistito in area da un ariete che finalizzi le sue preziose discere, ma lui fa il suo e alla grande. Da appuntare sul taccuino per chiunque necessiti di un terzino.

FLOP ZENIT

HUBOCAN 4.5 – Orrendo sul gol del piccolo faraone, nonostante l’ottima giocata di quest’ultimo, e goffo nell’autorete che regala al Milan la preziosa vittoria in casa dello Zenit. Sarebbe da chiedere al buon Spalletti che ci faceva in campo lui, e Bruno Alves in panchina.

KERZHAKOV 5 – Semplicemente, non pervenuto. Bastano Zapata e Bonera per annullare il funambolo di casa, non sostiene la manovra offensiva e pecca in area per fiuto del gol in alcune sporadiche occasioni. Evanesciente.

WITSEL 5 – Mr. 40 milioni: poverino non è colpa sua se il Presidente dello Zenit abbia, beato lui, tanto ben di Dio da buttare, ma intanto la pressione è tutta sulle sue spalle, e si vede. 50 partite nel Benfica, un solo gol e per di più su rigore. Cosa avranno visto per pagare Witsel quanto Thiago Silva sarebbe interessante chiederlo. Non è incisivo, non si inserisce e non fa avvertire la sua presenza in mediana, eccezion fatta per la folta chioma.

Orazio Rotunno

 

Giornalista pubblicista, coordinatore presso SportCafe24 da oltre due anni. Amo lo sport in ogni sua forma e disciplina, raccontandolo con la voce di chi spesso non ne ha una, con un unico valore trainante. La verità: nel più profondo dei suoi significati.

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SPORTCAFE24.COM

Servizio Copywriting per siti di scommesse sportive e affiliazione

MEDIA PARTNER