Connect with us

Osservatorio

Milan, tensione post derby: Pioli rischia?

Pubblicato

|

È veramente Stefano Pioli il colpevole della crisi in campionato del Milan

Stefano Pioli è rimasto saldo in testa nella burrasca che questa estate ha portato all’addio di Maldini. La proprietà ha deciso di scommettere su di lui e di lasciare andare il responsabile dell’area tecnica. La squadra è stata costruita seguendo le sue indicazioni. Le prime gare avevano dato risultati entusiasmanti, al punto che già si parlava di nuovo ciclo vincente e della capacità del tecnico di rimodellare la squadra. Poi è arrivato il derby. Dopo i quattro consecutivi persi la scorsa stagione tra campionato, Supercoppa Italiana e Champions ci si aspettava che il Milan rimodellato, avesse un altro atteggiamento rispetto al passato. Cosa che non è accaduta.

La legge del 5

Il derby arrivava con Milan e Inter appaiate in vetta alla classifica a punteggio pieno. Il Milan era molto fiducioso, grazie alla campagna acquisti condotta e ad una partenza sprint, culminata con la vittoria a casa della Roma. Ci si attendeva un derby combattuto, deciso magari da una invenzione di qualche campione, invece l’Inter ha vinto il quinto derby consecutivo, con un roboante 5-1. Si tratta della vittoria più larga dei nerazzurri dallo 0-4 della stagione 2009-2010 firmato Thiago Motta, Milito, Maicon e Stankovic.
Per tornare ad un derby perso con 5 reti, bisogna invece tornare indietro al 24 marzo 1974. Allora il Milan giocava in casa e perse con lo stesso identico successo di ieri: 1-5 con rete rossonera di Chiarugi e reti nerazzurre firmate da Oriali, da un autogol di Sabadini, e da Boninsegna, Mazzola e Mariani.
La squadra di Pioli è scesa in campo ancora una volta molle, facendosi imporre il ritmo e i cambi di gioco da quella di Inzaghi. La coppia Thiaw-Kjaer è stata un disastro, ma è stata tutta la squadra a non essere pervenuta.
C’è un dato che deve fare riflettere: in tre dei cinque derby persi, il Milan ha incassato il gol nei primi 10 minuti, sintomo di un approccio sbagliato al match.

Le parole di Pioli

Ciò che ha fatto ancora più infuriare i tifosi sono state le parole di Pioli. Il tecnico ha esordito con “nei primi 4 minuti abbiamo tenuto palla solo noi”, per proseguire con “fino al 3-1 eravamo in ballo” e con “Scuse ai tifosi? No, mica abbiamo perso apposta”. 
Ciò che critica e tifosi imputano al tecnico è l’aver schierato una difesa troppo alta, esponendosi di fatto alle micidiali riparte dell’Inter e quello di non avere un piano tattico alternativo.
Ci sono poi due dati che lo inchiodano. Pioli allena il Milan dal 9 ottobre 2019 e ha disputato 14 derby. Di questi ne ha persi 9, vinti 3 e pareggiati 2. Inoltre, negli ultimi undici derby, per dieci volte il Milan è andato in svantaggio. L’unica volta in cui non è accaduto è stato il 1 marzo 2022, quando il match terminò 0-0.

Il destino dell’allenatore

Dopo il derby, l’hashtag #pioliout è diventato virale, ma il tecnico rischia davvero? Al momento no, anche perchè non può essere un ko, per quando doloroso, a mettere in discussione tutto ciò che è stato programmato in stagione. Tuttavia, dopo la faraonica campagna acquisti estive la società non accetterà ulteriori sconfitte come quella di ieri. L’obiettivo della società in questa stagione è lottare per lo scudetto ed essere competitivi in Champions. Se la squadra si allontanasse da questi obiettivi, allora potrebbero arrivare decisioni clamorose. La gara con il Newcastle da questo punto di vista può essere già uno spartiacque importante. Se Calabria e compagni dovessero perdere anche in Inghilterra, allora si potrebbe già aprire la prima mini-crisi dei rossoneri. A quel punto il destino di Pioli potrebbe non essere così saldo.

Davide Luciani

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SPORTCAFE24.COM

Servizio Copywriting per siti di scommesse sportive e affiliazione

MEDIA PARTNER