Connect with us

La Opinión

Gabri Veiga ha aperto il vaso di Pandora

Pubblicato

|

Gabri Veiga soffiato dall'Al Ahli al Napoli

Il passaggio di Gabri Veiga al fútbol arabe ha aperto il vaso di Pandora. Uno dei talenti più cristallini della Liga e del calcio europeo,  ha scelto di essere ricoperto dai milioni dell’Al Ahli, piuttosto che indossare la maglia della squadra campione d’Italia. Toni Kroos ha definito l’operazione “vergonzosa” e tutta la stampa del Mediterraneo ha emesso una fatwa verso la nuova potenza economica del calcio mondiale.

Negli ultimi 35 anni il potere è passato dai club italiani a quelli spagnoli, passando successivamente all’Inghilterra e adesso ai paesi della Penisola Araba. Scagliarsi contro lo strapotere economico di  fanatici con un budget sconfinato non ha senso, visto che in passato anche noi europei abbiamo creato squadre fantascientifiche sfruttando i fiumi di denaro (spesso sporchi) riversati da imprenditori e magnati nel calcio.

Molti ritengono il fenomeno arabo come una bolla, ma visto l’interesse mondiale nei confronti del calcio e dei suoi protagonisti il rischio è che tra pochi anni si crei una sorta di Nba del fútbol nel deserto. Qualche anno fa con un collega di Al Jazeera avevamo lanciato una beta di un sito in arabo sul calcio italiano e europeo, e già 8-10 anni fa si avvertiva quell’interesse notevole da parte dell’ambiente nei riguardi delle gesta di campioni come Messi, CR7 e Ronaldinho. Adesso, dopo il mondiale in Qatar, – una competizione squallida in un paese in cui non sono rispettati i diritti umani e in cui il 90% della gente è ridotta alla schiavitù -, Musalli Al-Muammar (presidente dell’Al-Nassr) e tutti gli altri paperoni sauditi-qatarioti hanno deciso di giocare al loro personale Fantacalcio.

Agnelli, Laporta e lo scaltro ‘Florentino’ avevano già capito quale fosse l’andazzo e per questo hanno cercato in tutti i modi di promuovere il progetto SuperLiga, un sogno che è stato demolito stranamente da Fifa, Uefa e dai club inglesi gestisti casualmente da fondi arabi.

La Fifa e la Uefa dovranno intervenire presto per riportare il calcio verso una sana competizioni ed un equilibrio tra i diversi campionati. Serve fissare un tetto salariale e un limite di spesa per evitare di snaturare lo sport più bello del mondo. Allo stesso tempo, serve investire nella formazione ed educazione dei giovani calciatori, visto che vecchi e meno vecchi si vendono facilmente come modelli e modelle di OnlyFans.

Il tempo a disposizione dei potenti del calcio è veramente poco, bisogno intervenire subito per evitare di trasformare il gioco più bello del mondo nell’harem sportivo dei sultani.

Direttore Editoriale Sportcafe24.com. Da oltre 10 anni mi occupo della gestione editoriale del nostro magazine, formando giornalisti sportivi e copywriter.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SPORTCAFE24.COM

Servizio Copywriting per siti di scommesse sportive e affiliazione

MEDIA PARTNER