Connect with us

La Opinión

Milano è rossonera. Inzaghi e Marotta fallimentari. Il futuro? Migliorare ‘la Var’ e partite con montepremi

Pubblicato

|

Sono l’unico a pensare che Inzaghi andrebbe rispedito a Roma. L’immagine di Perisic seduto al suolo prima del secondo tempo è quella di un fuoriclasse consapevole che la squadra più forte del campionato ha regalato uno scudetto al Milan.

Vincere due coppette è nulla in comparazione al campionato, come raggiungere gli ottavi di finale Champions e uscire con una vittoria di Pirro.

Ma il fallimento dell’Inter non ha solo il volto di Inzaghi, che ha sfruttato il lavoro compiuto nello scorso biennio da Antonio Conte, ma anche quello di Zhang e di una società che ha fallito mestamente sul mercato. Marotta quest’anno è stato deficitario, ma molti giornalisti hanno paura di dirlo.  Domenico mi spiegava che “ha dovuto lavorare con una proprietà che ha costretto il management ad incassare 180 mln vendendo i due giocatori più forti (Hakimi e Lukaku) e facendogliene spenderne solo 40, se siamo rimasti competitivi è soprattutto grazie a Marotta e Ausilio, l’unico responsabile è Zhang che anche quest’anno smantellerà la squadra per recuperare soldi”. Sono parzialmente d’accordo con lui, ma quei 40 milioni sono stati spesi malissimo, perché l’Inter ha giocato praticamente senza panchina.

Per l’Inter era l’occasione giusta di aggiungere una seconda stella sulla maglia e ho l’impressione che i tifosi nerazzurri dovranno attendere altri 5-10 anni per vincere un altro campionato.

Il Milan ha realizzato una hazaña. È stata l’annata perfetta e lo scorso campionato aveva già fornito degli indizi sul miracolo compiuto da Pioli e dai suoi ragazzi. Da Maignan a Tomori, da Tonali alla coppia Theo-Leao, le loro prestazioni sono state mostruose. Ho dei dubbi sul futuro dei rossoneri e non credo che la prossima stagione il Milan firmerà il back-to-back.

Ultime due considerazioni: è fondamentale migliorare l’uso del VAR per rendere il sistema calcio più equo. Gli errori madornali di Torino-Inter e di Spezia-Milan non devono più succedere, come altre situazioni al limite che hanno favorito i rossoneri per compensare i torti arbitrali. Infine, è necessario fissare un montepremi per tutte le gare, in quanto è l’unica condizione che consente il corretto svolgimento delle ultime giornate di campionato. Sono stanco di vedere squadre demotivate che scendono in campo e alterano il regolare svolgimento del campionato.

¡Suerte!

Direttore Editoriale Sportcafe24.com. Da oltre 10 anni mi occupo della gestione editoriale del nostro magazine, formando giornalisti sportivi e copywriter.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SPORTCAFE24.COM

Servizio Copywriting per siti di scommesse sportive e affiliazione

MEDIA PARTNER