Connect with us

Prima Pagina

Leao da oggetto misterioso a punto fermo: cosa fa il Milan? La serie – 1×01

Pubblicato

|

Rafael Leao è l’uomo del momento in casa Milan. Con Ibra infortunato, Giroud che va a corrente alternata, Brahim Diaz che non segna da cinque mesi e Rebic appena tornato dall’infortunio, Pioli si aggrappa al portoghese. Leao sta mantenendo i rossoneri in cima alla classifica a suon di prestazioni importanti. Il suo score in campionato parla di 8 gol e tre assist in 23 gare, di cui 20 da  titolare. Già superato il suo record di gol che è di 6 e che furono messi a segno nelle due precedenti stagioni a Milano. Inoltre, con un gol nelle rimanenti dodici gare, Leao stabilirebbe il nuovo record di reti in campionato. Quello in una singola stagione lo ha già battuto, dato che è a 11 gol tra campionato, Champions e Coppa Italia. Lui è l’uomo su cui Elliot deve costruire l’attacco del futuro. Tuttavia, il destino del portoghese è ancora incerto. Vediamo quale potrebbe essere il suo destino.

Leao: dove giocherà?

Il destino di Leao è legato alla questione pendente  del suo trasferimento in Francia nel 2018 che vede coinvolti anche Sporting Lisbona e Lille. Il Tas ha reputato il club francese responsabile in solido per il trasferimento del portoghese. Ora toccherà alla Fifa quantificare la cifra che il club dovrà riconoscere ai portoghesi. Tuttavia, la pronuncia del Tas “libera” in parte Leao che ora potrebbe firmare il rinnovo del contratto. Il suo attuale accordo scadrà nel 2024 e attualmente percepisce 2 milioni netti a stagione. Mendes, procuratore del giocatore, sta lavorando al prolungamento fino al 2026, ma pretende 5 milioni di euro per il suo assistito. Questa volta Maldini si è mosso in anticipo per evitare il ripetersi dei casi Donnarumma, Calhanoglu e Kessiè. La volontà del giocatore è quella di rimanere a Milano per aprire un ciclo, ma le strade del mercato sono imponderabili.

Già a gennaio il Borussia Dortmund e l’Arsenal si sono fatti avanti per il portoghese, ma le loro proposte sono state rispedite al mittente. Il club tedesco e quello inglese sono le due grandi candidate ad assicurarsi Leao se il portoghese fosse messo sul mercato. I gialloneri in estate diranno addio a Haaland e dovranno ricostruire l’attacco. Leao non ha le caratteristiche del norvegese e non sarà lui il suo sostituto naturale, tuttavia potrebbe essere un tassello importante per costruire un attacco nuovo di zecca. Discorso simile per l’Arsenal. I Gunners con Arteta sono tornati a lottare per un posto in Champions, ma anche loro la prossima stagione dovranno costruire un nuovo tridente. Aubameyang ha già salutato e Lacazette dovrebbe seguirlo a fine stagione. Certo se i Gunners non raggiungessero la Champions il loro appeal diminuirebbe agli occhi di Leao, tuttavia questa è una pista concreta.

Più indietro rispetto a queste due società ci sono Atletico Madrid e Liverpool. La squadra di Simeone vive l’annata più complicata sotto la gestione del Cholo e nella prossima stagione si prospetta un’autentica rivoluzione. Leao è uno degli obiettivi che maggiormente interessano l’allenatore argentino, pronto ad aprire un nuovo ciclo a Madrid. Anche in questo caso molto dipenderà dall’accesso alla prossima Champions. Diverso il caso dei Reds che di partecipare alla prossima edizione sono praticamente certi. Klopp ha la grana Salah da risolvere. L’egiziano sembra non voler rinnovare il contratto che scade nel 2023 e questo pone il club inglese in una posizione pericolosa. Se la prossima estate l’egiziano spingesse per essere ceduto, allora Leao sarebbe uno dei preferiti da Klopp per sostituirlo.

La partita, dunque, è tutta da giocarsi. Il Milan attualmente è in pole per trattenere Leao e farne un perno per le prossime stagioni, ma Elliot si deve muovere a chiudere l’affare per non rimanere ancora una volta con il cerino in mano.

Davide Luciani  

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SPORTCAFE24.COM

Servizio Copywriting per siti di scommesse sportive e affiliazione

MEDIA PARTNER