Connect with us

Qué Golazo

È all’Inter, love story con la giornalista! Pari nel derby: Allegri finisce sotto accusa

Pubblicato

|

allegri monica bertini

Il pareggio colto dalla Juventus nel derby con il Torino per 1-1 ha lasciato l’amaro in bocca in casa bianconera. La brusca frenata nella corsa alla Champions League ha creato malumori, soprattutto nei riguardi di Massimiliano Allegri.

⚪⚫ Pareggio nel derby con il Torino: pioggia di critiche per Allegri

Il risultato ma soprattutto la prestazione negativa, con la squadra per larghi tratti in balìa del Toro, ha alimentato le polemica. E le critiche sono arrivate in maniera copiosa, non solo da parte dei tifosi. Anche gli addetti ai lavori si sono scagliati contro il tecnico, tra cui Lele Adani alla Bobo TV: “Contro il Torino ho visto due o tre passi indietro rispetto alle precedenti uscite contro Atalanta e Verona. Il pallone lo faceva girare Mandragora e i doppi passi li faceva Vojvoda, non Cancelo. Bremer ha giocato come Koulibaly ovvero che marca e copre allo stesso tempo“.

Sul banco degli imputati è finito anche Dusan Vlahovic, azzerato da Bremer. A sottolineare la sua prestazione è stato anche Antonio Cassano che sempre alla Bobo TV ha provato a giustificare la prova dell’attaccante, colpevolizzando invece il gioco dato da Allegri alla squadra: “Vlahovic le prime partite ha fatto bene grazie anche all’entusiasmo ma contro l’Atalanta e con il Torino ha fatto una fatica immane. Ci mette forza di volontà, fisico e fa a sportellate, ma è sempre solo. Morata e Dybala devono fare i terzini in questo modo di giocare e non si può vedere. A questo punto meglio mettere direttamente due terzini di ruolo. Guardare Morata giocare così mi fa diventare il cuore piccolo così“.

A parlare di Vlahovic è stato anche lo stesso Allegri, che ha spiegato come l’ex Fiorentina non sia abituato a gestire ritmi e pressioni di giocare ogni 3 giorni, motivo per cui si aspetta una veloce crescita del suo attaccante. “Vlahovic deve imparare ancora tanto – ha detto Allegri in conferenza stampa –, doveva portare Bremer in giro per il campo e non dargli punti di riferimento“. Il giornalista di Sportitalia, Alfredo Pedullà, ha quindi puntato il dito anche contro le parole del tecnico bianconero: “Allegri parla di Vlahovic. Se qualcuno gli chiedesse del non gioco, forse faremmo prima dell’alba“. Insomma critiche soprattutto al mister, ritenuto il principale responsabile di una squadra dal potenziale enorme che però non vengono espresse a pieno.

🔴 Bremer incanta ancora, il Torino fissa il prezzo per la cessione: sarà battaglia tra Inter, Juve e Milan

Altra prestazione maiuscola di Gleison Bremer. Il difensore del Torino ha annichilito Dusan Vlahovic nel derby contro la Juventus, costringendo al cambio Max Allegri. Facile immaginare che in estate ci sarà una vera e propria asta per il suo acquisto.

Il centrale ha rinnovato il contratto fino al 2024 proprio per dare forza contrattuale al Torino, che così può fissare il prezzo e prepararsi alla cessione con tutta calma. Lo stesso Juric in conferenza stampa ha ammesso come il brasiliano abbia ambizioni di crescita, ecco perché il presidente Cairo ha già fissato il prezzo per il trasferimento: non meno di 30 milioni di euro. Una cifra importante, che però non spaventa le pretendenti, che già stanno bussando da tempo alla porta dei granata.

In prima fila c’è sicuramente l’Inter, che probabilmente dovrà sostituire il partente De Vrij che non intende rinnovare il contratto in scadenza a giugno. A seguire c’è proprio la Juventus, che nel derby ha saggiato sulla propria pelle (e su quella di Vlahovic) ancora una volta le qualità di Bremer, così come anche il Milan non ha definitivamente rinunciato a lui. Intanto il Torino si gode le prestazioni eccellenti del proprio difensore e, con un Belotti ritrovato, può anche provare a cullare sogni che sanno di Europa.

🆕 SCOPRI ANCHE: Il forte sfogo di Pandev, l’assenza di Immobile e il caso granata

❤ Colpo grosso di Ausilio, storia d’amore tra il d.s. dell’Inter e la giornalista Monica Bertini

Capita spesso che personaggi del mondo dello spettacolo e quelli del calcio intreccino relazioni amorose. Le più comuni sono quelle tra veline o attrici con i giocatori più famosi, ma qualche volta capita che a fare scalpore siano anche giornalisti e dirigenti.

Questo è il caso rivelato da Dagospia che riferisce come, in seguito ad una serie di reciproci corteggiamenti, sia nato l’amore tra il direttore sportivo dell’Inter, Piero Ausilio, e la nota giornalista Monica Bertini, attualmente alla guida del programma “Pressing” in onda su Italia 1.

Secondo i ben informati, non ci troveremmo di fronte ad un semplice flirt, bensì ad una vera e propria storia d’amore appena sbocciata. Ancora una volta i due mondi del calcio e della televisione si riconciliano dando vita ad una bellissima relazione sentimentale.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SPORTCAFE24.COM

Servizio Copywriting per siti di scommesse sportive e affiliazione

MEDIA PARTNER