Connect with us

Non Solo Sport

Roberto Carlos, il terzino sinistro che non sapeva difendere

Pubblicato

|

Roberto Carlos con la maglia dell'Inter

Passaggio di consegne

Nell’estate del 1995 la Milano nerazzurra salutò Ernesto Pellegrini per dare il benvenuto al nuovo presidente, Massimo Moratti. La campagna acquisti dell’Inter fu lunga e variegata: Totó Fresi, Maurizio Ganz, Felice Centofanti, Javier Zanetti, Paul Ince, Rambert e un certo Roberto Carlos.

Roberto Carlos

La stagione non inizia sotto una buona stella e l’Inter di Ottavio Bianchi fatica più del previsto, ma c’è un giocatore che più di tutti brilla e si carica la squadra sulle spalle. Il terzino sinistro Roberto Carlos è inesauribile, l’ex brasiliano del Palmeiras ara la fascia e all’occorrenza fa anche il goleador. Nelle prime tre partite in maglia interista Roberto Carlos mette a segno tre reti.

Roy Hodgson

Nel mese di Ottobre però Moratti decide di esonerare Ottavio Bianchi, lo scarso rendimento della squadra spinge il patron nerazzurro a cambiare la guida tecnica, sulla panchina del club meneghino siede Roy Hodgson, ex commissario tecnico della Svizzera. L’allenatore inglese cambia subito l’assetto tattico dello scacchiere nerazzurro, si passa ad un 4-4-2 molto concreto e poco fantasioso.

Alessandro Pistone

Mister Hodgson ha letteralmente stregato il presidente Moratti, che ripone nell’inglese fiducia totale. Nell’idea dell’allenatore nerazzurro Roberto Carlos è uno di quei punti deboli di quella Inter, il terzino non è capace di difendere. Hodgson chiede alla dirigenza un’intervento sul mercato e nella finestra invernale dal Vicenza arriva Alessandro Pistone, sostituto naturale del brasiliano sula fascia sinistra.

Roy Hodgson - Photo by The guardian

Rapporti tesi

Roberto Carlos perde il posto sulla fascia, spesso gioca fuori ruolo, schierato addirittura come interno di centrocampo al fianco di Paul Ince. I rapporti tra Hodgson e il terzino brasiliano sono tesi, l’atmosfera che serpeggia nello spogliatoio non è delle migliori.

Real Madrid

Al termine di una stagione incolore l’Inter arriva settima in campionato, la tifoseria rumoreggia e Massimo Moratti si trova con le spalle al muro. Ne farà le spese Roberto Carlos, mentre Roy Hodgson rimarrà seduto sulla panchina di San Siro.
Il terzino brasiliano, che a detta dell’allenatore inglese non sapeva difendere, andò al Real Madrid facendo le fortune del club spagnolo e diventando uno dei terzini sinistri più forti di sempre.

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

FACEBOOK & TWITCH

SPORTCAFE24.COM

I NOSTRI PARTNERS