Connect with us

La Opinión

Infortuni, polemiche e rancori passati: Napoli-Juventus è già decisiva per Allegri?

Pubblicato

|

L’attesa sta per finire, dopo la sosta per gli impegni delle Nazionali il campionato di Serie A torna protagonista. La sfida cartello del weekend è per forza di cose Napoli-Juventus che si giocherà allo stadio Maradona. Il match è diventato ormai un appuntamento fisso per il vertice della classifica, con i partenopei che negli scorsi anni sono stati l’unica, vera, rivale dei bianconeri, prima dell’avvento dell’Inter di Antonio Conte.

Gli incontri degli anni scorsi sono sempre stati vissuti con un carico di adrenalina altissimo. Il passaggio di Higuain da Napoli a Torino, lo scontro ideologico tra il pragmatismo di Allegri e il bel gioco di Sarri, cosa che ne ha fatto prendere il posto in panchina proprio alla Juve. Senza dimenticare il doppio rinvio dello scorso anno con la gara prima persa al tavolino dal Napoli e poi recuperata.

🔵 Il caso Osimhen avvelena Napoli-Juventus

E anche quest’anno gli strascichi polemici non mancano. A far discutere è stato prima di tutto il caso Osimhen, espulso contro il Venezia e squalificato per due giornate. Sanzione poi ridotta ad una sola giornata, il che consentirà al nigeriano di essere in campo contro la Vecchia Signora. A creare dissidio, stavolta tra i tifosi juventini, è stata la decisione della Corte d’Appello Federale presieduta dal giudice Carmine Volpe, napoletano doc e accusato (sui social dai tifosi, ndr) di aver preso una decisione di parte.

Una discussione che lascia il tempo che trova. Come se la territorialità e la provenienza di un magistrato potessero influenzare il giudizio di un uomo che ha semplicemente applicato la legge. Già, perché mettere in dubbio la buonafede di un giudice equivale a mettere in discussione l’intero sistema giuridico. Fa strano, semmai, ascoltare tali tesi complottistiche provenire dall’ambiente juventino. Segno che, forse, anche dal punto di vista del peso politico, qualcosa stia davvero cambiando?

⚪⚫ Calciatori rientrati in ritardo dal Sudamerica: la Juve paga a causa delle Nazionali

Pensieri sinistri a parte, ciò che fa riflettere è la condizione psicofisica nel quale alcuni calciatori saranno sottoposti per questo impegno. I calciatori sudamericani sono stati impegnati la scorsa notte per le gare di qualificazione al mondiale e torneranno in Italia soltanto nella giornata di venerdì (alcuni in tarda serata, ndr). Ciò significa che i suddetti calciatori non saranno di fatti disponibili, oppure in condizioni tutte da verificare ma sicuramente provati da un viaggio transoceanico. Ed è proprio la Juventus a pagare lo scotto più pesante. Danilo e Alex Sandro hanno giocato dal primo minuto con la maglia del Brasile contro il Perù, Cuadrado ha disputato l’intero match tra Colombia e Cile, così come Bentancur con l’Uruguay.

È rimasto invece in panchina Paulo Dybala in Argentina-Bolivia, notizia che potrebbe tutto sommato far piacere ad Allegri che potrebbe pensare ad un suo impiego, magari anche a partita in corso. Inoltre le assenze per infortunio di Chiesa, Kaio Jorge, Arthur e Ramsey, mettono la Juventus in una condizione di totale emergenza. Messo molto meglio il Napoli che pagherà solo lo scotto del ritorno tardivo di Ospina, che però dovrebbe normalmente prendere posto tra i pali sabato pomeriggio.

I tifosi della Juventus sono dunque in subbuglio. Sui social in molti fanno notare come queste defezioni rendano squilibrato il match, chiedendo (ironicamente) l’intervento delle autorità per rinviare la partita. Un chiaro segnale di come le polemiche relative alla gara dello scorso anno, in realtà, non siano state completamente superate.

🆕 LEGGI ANCHE: Mondiale biennale e Salary Cup: come può cambiare il calcio. David Luiz in Serie A?

⚽ Juventus in affanno: condannata a non sbagliare la gara con il Napoli

Nonostante le evidenti difficoltà e le tante defezioni, la Juventus non può permettersi di perdere. Una sconfitta metterebbe i bianconeri in una condizione di classifica particolarmente complicata: se il Napoli dovesse vincere la distanza dalla vetta sarebbe addirittura di 8 punti, tantissimi considerando le sole tre giornate disputate. Essere all’inizio della stagione darebbe comunque la possibilità ai bianconeri di recuperare il terreno, ma il K.O. sarebbe mal digerito dalla piazza torinese. Allegri dovrà ancora una volta confermarsi un asso della panchina: il match del Maradona proprio non si può sbagliare. Il progetto legato al ritorno di Allegri potrebbe finire già in discussione.

Per il Napoli, invece, si tratterà di un’occasione più unica che rara. Ma stavolta gli azzurri riusciranno a dimostrare di avere la maturità necessaria per non sbagliare gli appuntamenti importanti?

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SPORTCAFE24.COM

Facebook

I NOSTRI CLIENTI

BETCAFE24