Connect with us

Podcast

Lite Conte-Agnelli, aperta un’inchiesta: cosa rischiano! L’Inter ha scelto il nuovo capitano | TG Sport

Pubblicato

|

conte agnelli

Continua a far discutere la lite tra Antonio Conte e Andrea Agnelli avvenuta in semifinale di Coppa Italia tra Juventus e Inter. Il Giudice Sportivo ha deciso di non emettere nessuna sanzione nei loro confronti, in quanto l’arbitro Mariani e il quarto uomo Chiffi non hanno visto e sentito nulla durante il match. Ecco perché è intervenuta la Procura Federale che ha deciso si aprire un’inchiesta sull’accaduto.

🔴 Lite tra Conte e Agnelli, la Procura apre un’inchiesta: cosa rischiano

Tra coloro che saranno ascoltati ci sarà sicuramente il quarto uomo Chiffi. Dopo averlo fatto, dunque, il capo della Procura Chinè farà chiarezza sull’accaduto e deciderà se sentire anche Agnelli, Marotta, Conte e Paratici. Da qui, si valuteranno le eventuali violazioni dell’articolo 39 del Codice di Giustizia Sportiva, grazie al quale la Procura può agire ad ampio raggio: si potrebbe andare dall’archiviazione del caso o alla sanzione qualora venissero riscontrati comportamenti antisportivi. A questo punto diverse sarebbero le opzioni: come una semplice ammonizione, un’ammenda fino all’inibizione nei confronti dei dirigenti o una multa e squalifica per l’allenatore.

Cosa abbiamo capito dalle semifinali di #CoppaItalia?
La nostra analisi.

Pubblicato da SportCafe24 su Giovedì 11 febbraio 2021

🔵 L’Inter ha individuato il suo capitan futuro

Intanto l’Inter pensa al futuro, con l’obiettivo di blindare i punti fermi della squadra. Tra questi c’è Nicolò Barella, perno del progetto nerazzurro. Con lui l’Inter vuole costruire un futuro solido, tanto da aver pensato di affidargli la fascia da capitano per il post Handanovic.

Barella, nonostante abbia solo 24 anni, è un esempio in campo per i compagni: umiltà, impegno e lavoro sodo. Ha un contratto ancora lungo con l’Inter (ovvero fino al 2024, ndr), ma è chiaro che non appena si potrà, andranno riviste delle condizioni, anche per allontanare club interessati a strappare il centrocampista ai nerazzurri.

🥊 Diritti TV, caos in Lega Calcio: rissa tra due presidenti di Serie A!

Ha del clamoroso quanto accaduto durante l’ultima assemblea di Lega. Il tema della discussione è la ridistribuzione dei diritti TV per il prossimo triennio, con una netta divisione tra chi preferirebbe continuare con SKY e chi cedere i diritti a DAZN. Una spaccatura così netta da generare tensioni, anzi: una vera rissa.

I toni si sono infatti accesi a tal punto che il presidente del Genoa, Enrico Preziosi, e l‘avvocato Campoccia, rappresentate dell’Udinese, sono arrivati a mettersi le mani addosso mostrando il peggio di loro. Per separarli sono dovuti intervenire gli altri presidenti, con l’ennesima figuraccia a cui si è prestata il calcio italiano.

Per la cronaca, la decisione sull’assegnazione dei diritti TV è stata rinviata alla prossima settimana, visto il disordine creatosi. Ma al momento in netto vantaggio pare ci sia DAZN che ha presentato un’offerta da 840 milioni di euro contro i 750 milioni proposti da SKY.

SPORTCAFE24.COM

Facebook

I NOSTRI CLIENTI

BETCAFE24