Connect with us

La Opinión

Perché uscire dall’Europa League non sarebbe un dramma | Napoli Podcast

Pubblicato

|

Editoriale Napoli 5 Dicembre

Tra una settimana e poco meno, al San Paolo, Napoli-Real Sociedad deciderà gli esiti del cammino europeo degli azzurri. 10 punti seppur con un’andatura un po’ claudicante e un atteggiamento che ai tifosi non è andato giù. Ritmi bassi, da dopolavoro, fame assente, l’impressione che “vada bene anche così“.

Ecco, forse uscire non sarebbe neanche un dramma. Perché? Certo, sarebbe una sconfitta e una scottatura non indifferente ma l’impressione è chein un periodo storico cosìpossa solo fare bene. Perché i calendari ingolfati dai troppi impegni portano stanchezza, infortuni e contagi. Specialmente se lo scorso campionato è finito ad agosto e questo è iniziato a settembre, con un mese e mezzo di preparazione raffazzonata. é un pensiero, un’idea fugace da abbandonare presto e riporre in un cassetto. Alla fine il Napoli con la Real Sociedad verosimilmente giocherà per vincere, come sempre. Però sì, l’effetto collaterale è lì ed è una cosa che può far rialzare la testa dopo le sconfitte.

Al Napoli manca continuità, quella che pochissime squadre con il doppio-triplo impegno riescono a trovare. Zoppica l’Atalanta, zoppica l’Inter, la Juve, la Lazio. Avere sempre due giorni per preparare una partita non aiuta: non c’è riposo, non c’è sosta, non c’è possibilità di recuperare energie fisiche e mentali. Sarebbe una sconfitta, un tonfo clamoroso e deludente, perdere con la Real Sociedad: ma si sa che non tutti i mali vengono per nuocere.


SPORTCAFE24.COM

Facebook

I NOSTRI CLIENTI

BETCAFE24