Matteo De Angelis
No Comments

Serie A, che noia: la Juventus cala il sipario, tutto già scritto?

I bianconeri, a +8 sulla Roma, hanno in pugno lo scudetto numero 30. E dietro la lotta sembra già decisa

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Higuain e Totti. Riusciranno a riaccendere la corsa al titolo?

Higuain e Totti. Riusciranno a riaccendere la corsa al titolo?

La lotta al vertice in serie A sembra già essere arrivata all’epilogo finale. La Juventus, nel secco 3-0 di qualche giorno fa rifilato alla Roma, ha dimostrato all’Italia intera di essere un gradino sopra le altre compagini nostrane. Con la conseguenza che ora, a una sola giornata dal giro di boa, i bianconeri vantano un rassicurante vantaggio di 8 punti dai giallorossi secondi in classifica. La Vecchia Signora – i tifosi juventini sono autorizzati ai consueti scongiuri – ha già ucciso il campionato.

TRENTA SUL CAMPO – I numeri degli uomini di Antonio Conte parlano chiaro: 16 vittorie, un pareggio e una sconfitta in 18 gare disputate finora nel torneo. 42 le reti realizzate (miglior attacco del campionato), appena 11 i gol subiti (solo uno in più della Roma). Come se non bastasse la Juventus è l’unica squadra di serie A ad aver sempre vinto tra le mura amiche e, dopo la clamorosa debacle di Firenze, ha ottenuto dieci vittorie consecutive. Negli ultimi 900 minuti inoltre solo Maxi Moralez è riuscito nell’impresa di segnare un gol a Buffon. Numeri che parlano chiaro, numeri che non hanno bisogno di commenti. I bianconeri hanno nelle mani il terzo scudetto della gestione Conte e, a meno di clamorosi harakiri, al termine della stagione potranno sistemare in bacheca il tricolore numero 30 della loro storia. Con buona pace di quanti ancora, a distanza di quasi otto anni da Calciopoli, danno adito a polemiche su quanti scudetti la Vecchia Signora abbia realmente conquistato. Ora le tre stelle sono ufficiali.

CHE BARBA LA CHAMPIONS – E dietro? Gli amanti del calcio, quelli che la domenica pomeriggio non possono perdere l’appuntamento con i match seduti comodamente sul divano, avranno almeno il piacere di godere un’accesa lotta per la Champions League? Probabilmente no. Roma e Napoli, rispettivamente seconda e terza forza del torneo, sembrano le compagini destinate a guadagnare un posto nell’Europa delle grandi. Resta da capire chi entrerà dalla porta principale e chi invece dovrà superare l’insidioso ostacolo playoff. Ma, a ben vedere, nulla di così entusiasmante. Anche perché le due squadre che avrebbero dovuto dare del filo da torcere alla Juventus nella corsa al titolo, Inter e Milan, sono distanti anni luce dai bianconeri. Sia per quanto riguarda i punti in classifica, sia per quanto riguarda il gioco espresso sul rettangolo verde. I nerazzurri, a -8 dal terzo posto, sembrano ancora peccare di eccessiva discontinuità. I rossoneri, addirittura a -17 punti dalla zona Champions, avrebbero bisogno di una decina di gare in più delle altre squadre per sognare la rimonta. La speranza allora si chiama Fiorentina. Gli appassionati si augurano che la Viola possa irrompere prepotentemente a mettere i bastoni tra le ruote a Roma e Napoli. Gli infortuni di Mario Gomez prima e quello di Giuseppe Rossi ora sono però stati dei duri colpi per la società toscana. Vincenzo Montella riuscirà a riaccendere la lotta per la Champions? Ma soprattutto, riuscirà a dare nuova linfa a un torneo che – almeno nelle zone nobili di classifica – sembra aver già calato il sipario con oltre cinque mesi d’anticipo?

Matteo De Angelis

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *