Daniel Degli Esposti
No Comments

Ligue 1: la Top 11 del girone d’andata

Non solo PSG, Monaco e Lille. Il Lorient e il Nantes si fanno largo fra le grandi.

Ligue 1: la Top 11 del girone d’andata
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Nella Top 11 del girone d’andata spiccano il PSG, il Lille e il sorprendente Lorient di Jouffre e Aboubakar. Ibrahimovic MVP, Enyeama nella storia.

La Ligue 1 riaprirà i battenti venerdì 10 gennaio 2014 e regalerà agli appassionati un girone di ritorno incerto e spettacolare. In attesa del calcio d’inizio, ripercorriamo le emozioni dell’andata con la Top 11 di SportCafe24. Hubert Fournier, allenatore del sorprendente Reims, schiera la sua formazione con uno spregiudicato 3-4-3.

Zlatan Ibrahimovic ed Edinson Cavani, stelle del PSG e della Top 11 di SportCafe24.

Zlatan Ibrahimovic ed Edinson Cavani, stelle del PSG e della Top 11 di SportCafe24.

PORTIERE: VINCENT ENYEAMA. VOTO 8. L’estremo difensore del Lille entra di diritto nella Top 11 grazie alla sua imbattibilità di 1063 minuti; se la squadra di René Girard è ancora in corsa per il titolo e ha ottime possibilità di qualificarsi alla prossima Champions League, grandi meriti devono essere attribuiti all’insuperabile portiere nigeriano, che ha subito soltanto otto reti. Guardiano.

DIFENSORE 1: PAPY MISON DJILOBODGI. VOTO 7,5. Il forte centrale del Nantes ha disputato un girone d’andata sensazionale. Il suo fisico possente ha trascinato la squadra di Der Zakarian a ridosso dell’Europa; Djilobodji non si è limitato a proteggere la sua porta, ma ha anche messo a segno tre preziosissime reti. Colosso.

DIFENSORE 2: NEMANJA PEJCINOVIC. VOTO 7.  Il centrale del Nizza guida la classifica di rendimento dei difensori del massimo campionato transalpino. La sua costanza e la rete che ha messo a segno contro il PSG lo inseriscono di diritto nella Top 11 di SportCafe24. Affidabile.

DIFENSORE 3: THIAGO SILVA. VOTO 7. Noblesse oblige. Lo straordinario centrale del PSG domina i campi di tutta la Francia con la grazia e l’eleganza del suo talento cristallino. Il suo carisma e la sua esperienza semplificano enormemente la vita di Sirigu; le sue giocate rasserenano l’intera retroguardia di Laurent Blanc. Fenomeno.

MEDIANO: JÉRÉMY TOULALAN. VOTO 7,5. Nel meraviglioso scenario del Louis II, l’ormai canuto centrocampista francese sta vivendo una seconda giovinezza: oltre alle consuete doti di interdizione, Toulalan ha deliziato i tifosi del Monaco con una strepitosa percentuale di passaggi completati e con una notevole continuità di rendimento. Solido.

CENTROCAMPISTA 2: IDRISSA GUEYE. VOTO 7. Questo piccoletto senegalese – classe 1989 – ha impressionato i tifosi del Lille per la sua straordinaria versatilità e per la capacità con cui ha tenuto il campo nella lunga striscia positiva del suo LOSC. Il suo contributo e gli sforzi del “collega” Mavuba hanno tenuto alta l’intensità del centrocampo di René Girard. Incisivo.

CENTROCAMPISTA 3/FANTASISTA: JAMES RODRIGUEZ. VOTO 7,5. Il giovane colombiano del Monaco guida la classifica degli assist-man della Ligue 1. Grazie alle sue giocate, l’attacco di Claudio Ranieri ha superato la sua tipica prevedibilità e ha prodotto guizzi molto interessanti. Se James riuscirà a superare le preoccupanti pause che caratterizzano le sue partite, potrà diventare una delle mine vaganti del prossimo lustro. Geniale.

RIFINITORE: YANN JOUFFRE: VOTO 7,5. 5 gol, 5 assist. Lo straordinario autunno del Lorient porta la sua firma e il marchio di un altro membro della Top 11, Vincent Aboubakar. A 29 anni, Jouffre ha trovato una dimensione che gli consente di esprimersi ai massimi livelli; un po’ centrocampista, un po’ rifinitore, un po’ attaccante. Un mix che, nel girone d’andata, lo ha reso speciale. Decisivo.

ATTACCANTE 1: EDINSON CAVANI. VOTO 7,5. In un’altra epoca, il suo impatto sulla Ligue 1 sarebbe stato paragonato a quello di un meteorite: 13 partite da titolare, 12 gol. Il suo problema più grande è anche la sua magica delizia, l’uomo che condivide con lui le esultanze e il palcoscenico: si chiama Zlatan Ibrahimovic. Senza il marziano di Malmoe, CavAlien sarebbe il bomber principe del campionato; se l’altro è Batman, lui non può non essere Robin.

ATTACCANTE 2: VINCENT ABOUBAKAR. VOTO 8. Il segreto di Pulcinella del Lorient dei miracoli. Il forte attaccante camerunense ha segnato 11 reti e guida la classifica dei goleador umani; se si escludessero gli extra-terrestri di Parigi, Aboubakar sarebbe capocannoniere della Ligue 1. Se lui e Jouffre manterranno il livello di gioco del girone di andata, il Lorient potrà davvero sognare l’Europa League. Trascinatore.

UNIVERSALE: ZLATAN IBRAHIMOVIC. VOTO 9. Per definire il ruolo dell’attaccante svedese, bisogna aprire il vocabolario del volley. 15 gol, 6 assist, un impatto assoluto in ogni settore del gioco. Se voleva migliorare i fuochi d’artificio della stagione passata, è decisamente sulla buona strada. Aspettando l’Europa… Riuscirà a scacciare i suoi fantasmi anche in Champions? Top 1.

Daniel Degli Esposti

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *