Davide Luciani
No Comments

Milan: tra una stagione da salvare e un futuro da scrivere

Il Milan prova di uscire dalla crisi in cui è piombato, cercando di rinforzare la squadra sul mercato, ma pianificando anche la prossima stagione

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Naingollan, obiettivo del Milan

Naingollan, obiettivo del Milan

Il 2014 del Milan sarà all’insegna della rivoluzione. L’addio di Braida, datato 31 dicembre, ha di fatto dato il via al nuovo corso rossonero. In questi ultimi sei mesi di stagione, gli ultimi di Allegri sulla panchina rossonera, l’obiettivo è chiaro. Cercare di centrare almeno un posto in Europa League e passare ai quarti di Champions. Da giugno poi, si penserà al nuovo corso rossonero.

CACCIA A NAINGOLLAN – Per l’immediato l’obiettivo è un centrocampista e c’è un nome in cima alla lista: Naingollan. Galliani ha in mano il giocatore, ma è stato costretto a rallentare la trattativa in attesa del placet di Berlusconi. Un centrocampista è vitale per il proseguo della stagione rossonera, visto che il reparto è quantitativamente e qualitativamente scarso. Va poi detto che in Champions, Allegri non potrà contare su Montolivo e Muntari, entrambi squalificati. Quindi se si vuole avere una minima chanche di passare il turno, ammortizzando parzialmente con i soldi dei quarti il possibile anno senza Europa della prossima stagione, bisogna rafforzare il reparto. Se Berlusconi non colmerà i 750 mila euro di disavanzo che ballano tra l’offerta di Galliani e la richiesta di Cellino, l’unico altro modo per arrivare a Naingollan, sarà quello di sfoltire la rosa.

GIOCATORI IN PARTENZA – Finora l’unico giocatore ceduto è stato Niang, in prestito al Montpellier, ma nella lista cessioni ci sono altri nomi. I primi destinati a lasciare il club rossonero sono i giovani Gabriel e Vergara che hanno bisogno di giocare e farsi le ossa. In uscita c’è anche Zaccardo, ma solo se vi sarà la possibilità di piazzarlo a titolo definitivo. Infine, potrebbe partire uno tra Costant ed Emanuelson, ma solo se Galliani riuscisse a sostituire uno dei due con il sogno D’Ambrosio, in uscita dal Torino.

SEEDORF-GALLIANI, INCONTRO A RIO – Intanto, le strategie per la prossima stagione sono in atto. Galliani e Seedorf si sono incontrati, a capodanno, a Rio. Un incontro casuale, in cui però, i due non avranno mancato di parlare del sempre più probabile approdo dell’olandese a Milanello nella prossima stagione, come allenatore. Con Seedorf sulla panchina rossonera, muterà tutto. Dallo staff ai metodi di gestione degli allenamenti. Seedorf piace per carisma, intelligenza e signorilità. Ormai il suo ritorno al Milan è questione di mesi. Prima però bisogna pensare al futuro più prossimo e cercare di salvare, per quanto possibile, una stagione disgraziata.

Davide Luciani

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *