Nadia Gambino

Squadre, allenatori e calciatori top e flop della serie A 2013

Squadre, allenatori e calciatori top e flop della serie A 2013
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

tevez-llorenteL’anno nuovo sta per arrivare e gli appassionati di calcio, aspettano il momento pregustando già non solo il cenone di Capodanno, ma il big-macth che aprirà le danze del 2014 del campionato di serie A: ad affrontarsi infatti saranno Roma e Juve, le prime due della classe.

Top squadre – In questo 2013 infatti, tra i top club, troviamo appunto la Juventus, che chiude il 2013 ancora in testa alla classifica, leader incontrastata della serie A, insieme alla Roma, rimasta la sola anti-Juve del nostro campionato, schiacciato dal predominio assoluto dei bianconeri.

Top calciatori – In assoluto, il top tra i calciatori é Giuseppe Rossi. L’attaccante della Fiorentina è al momento il capocannoniere della serie A e il trascinatore della Viola di Montella. Per molti era un calciatore finito, dopo due anni da incubo lontano dai campi di calcio a causa di infortuni gravi. Invece i Della Valle, hanno creduto in lui, lo hanno riportato in Italia ancora convalescente e lo hanno affidato all’allenatore e così, Pepito è rinato, sta guidando la sua squadra nei primi posti in classifica e sta prenotando un posto sicuro per l’attacco della nazionale di Prandelli per i prossimi mondiali.

Tevez – Llorente – Finalmente la Juve ha i suoi top player in attacco. Strappato al Milan al fotofinish nella sessione estiva del mercato, Tevez, ha preso per mano l’attacco della Juve, diventando il leader fin dalle prime apparizioni. Discorso diverso per Llorente, arrivato dopo i postumi di un infortunio, all’inizio ha giocato solo scampoli di gare senza però lasciare il segno. Messo alla gogna dai critici che lo vedevano più bello che bravo, Conte lo ha aspettato, difeso e rilanciato, per la gioia di Marotta e dei tifosi.

Destro – Falcidiato dagli infortuni e dalla sfortuna, l’acquisto più importante della scorsa stagione, strappato a Juve, Inter e Milan che gli avevano messo gli occhi addosso, è finito sulla graticola, lontano dal campo e dai tifosi. Ma il ritorno in campo dopo le cure ha ridato il sorriso a Mattia, tornato importante dopo i 3 gol pesanti delle ultime gare.

 Top squadre – Inutile citare la Juventus, vicina più mai al terzo scudetto di Antonio Conte, che se batterà la Roma nel prossimo macth clou di campionato allungherà di 8 punti il distacco dai giallorossi. Ecco perchè la Roma, unica vera anti-Juve, potrebbe avere la possibilità, vincendo sui bianconeri, di tenere il campionato aperto e perchè no, sognare il tricolore. La Roma della scorsa stagione, è rinata grazie all’addio dell’ormai separato in casa Osvaldo e delle cessioni eccellenti di Lamela e Marquinhos che hanno portato un tesoretto che Sabatini ha egregiamente investito rifacendo il look alla squadra a cominciare dal portiere De Sanctis, il difensore Benatia, il talentuoso centrocampista Strootman e gli attaccanti Gervinho e Ljajic. Risultato: Roma seconda.

Top allenatori – Garcia è arrivato a Roma e subito il suo lavoro ha portato i suoi frutti: 12 vittorie e cinque pareggi, si presenterà a Torino il prossimo 6 gennaio da imbattuto. Un bel biglietto da visita per la squadra di Conte, altro top tra gli allenatori, il gioco della sua Juve è un capolavoro di squadra e singoli assemblati benissimo dal tecnico salentino. Ma tra i top non può mancare Mandorlini, l’allenatore del Verona neo promosso, sta vivendo e sta facendo vivere un sogno alla città. Ha lanciato la squadra al sesto posto in classifica e ha ridato a Toni una seconda vita calcistica.

 Flop giocatori – El Shaarawy si piazza al primo posto tra i flop di questo inizio di campionato. Il Piccolo Faraone si è perso tra la crisi del Mila e i numerosi infortuni. In questo momento, anche la sua partecipazione ai mondiali, che fino a qualche mese fa sembrava sicura, ora è a rischio. 

Identica la posizione di Hernanes, smarrito nella crisi profonda della Lazio e del mister Petkovic.

Flop squadre – Il Milan, ridotto a piccola squadretta a 5 punti dalla zona retrocessione ha il primato di flop. Zero in gioco, zero in mentalità, zero in mentalità. Il derby perso a quattro minuti dalla fine è la fotografia di un campionato da dimenticare ed archiviare tra i più brutti della storia rossonera. Il Catania fa compagnia ai rossoneri. La squadra che lo scorso anno incantava i tifosi non c’è più. L’attacco fa acqua da tutte le parti e la difesa prende troppi gol.

Flop allenatori – Allegri sta chiudendo la sua avventura al Milan nel peggiore dei modi, la minestra riscaldata di questa estate, sta portando solo sconfitte e critiche alla società e alla squadra che se vuole ritrovare la gloria di un tempo, deve per forza essere aiutata da Berlusconi, troppo distante e distratto dalle disavventure private da non accorgersi che la sua creatura oramai è tutta da rottamare. Insieme a Petkovic, quasi esonerato dalla Lazio di Lotito, dopo le prestazioni deludenti dei biancocelesti, mai rinsaviti dalla sconfitta bruciante in finale di coppa Italia contro i cugini della Roma. I giorni di Petkovic sulla panchina della Lazio sono contati, dietro di lui ormai aleggiano le ombre dei suoi successori.

Nadia Gambino

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *