Daniel Degli Esposti
No Comments

Premier League: Suarez lancia il Liverpool. Ok City e United

I Reds superano 3-1 il Cardiff e, aspettando Arsenal-Chelsea, volano in testa alla classifica. Le due squadre di Manchester segnano, divertono e vincono.

Premier League: Suarez lancia il Liverpool. Ok City e United
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il sabato della 17° Giornata di Premier League sorride al Liverpool: Suarez trascina i Reds in vetta alla classifica. Bene City, United, Newcastle e Stoke.

IL LIVERPOOL VOLA. La diciassettesima giornata della Premier League si è aperta con l’anticipo di Anfield fra Liverpool e Cardiff City. I Reds hanno messo in archivio il match con un primo tempo spaziale: Luis Suarez ha travolto le resistenze dei Bluebirds con due gol e uno splendido assist, che Raheem Sterling ha trasformato nella rete del 2-0. Nella ripresa, la squadra di Brendan Rodgers ha gestito il triplo vantaggio e ha saputo fronteggiare la reazione del Cardiff; anche se Mutch ha accorciato le distanze, El Pistolero ha continuato a creare pericoli alla porta dei gallesi e, in attesa del big-match tra Arsenal e Chelsea, ha condotto la sua squadra in vetta alla classifica. I numeri della stella dell’Uruguay sono impressionanti: in 12 partite di Premier League, Suarez ha segnato 19 reti e ha già raggiunto il suo record personale di marcature, confermando di essere l’attaccante più forte del campionato più competitivo del mondo.

Luis Suarez sta giocando una stagione strepitosa: ha segnato 19 gol in 12 partite di Premier League.

Luis Suarez sta giocando una stagione strepitosa: ha segnato 19 gol in 12 partite di Premier League.

LO UNITED C’È. Il Manchester United vince la sua seconda partita consecutiva e riprende la sua difficile rincorsa verso la zona-Champions League. Nella prima frazione di gioco, Welbeck e Januzaj hanno fatto capire al portiere del West Ham che la sua giornata sarebbe stata molto difficile: dopo una serie di assalti andati a vuoto, al 26° il britannico ha aperto le marcature e ha lanciato la corsa dello United. Il giovane belga ha raddoppiato al 36° e ha trasformato il match dei Red Devils in una gradevole esibizione; nel secondo tempo, la perla di Ashley Young ha completato la festa di David Moyes. Dopo ottanta minuti di sofferenza, solo il gol tardivo di Carlton Cole ha salvato l’onore degli Hammers; i londinesi restano invischiati nelle zone più pericolose della classifica della Premier League e, per scacciare gli incubi di una nuova retrocessione, dovranno dare una scossa alla loro stagione.

Danny Welbeck ha sbloccato il match dell'Old Trafford.

Danny Welbeck ha sbloccato il match dell’Old Trafford.

PAZZO CITY. Il match più divertente del sabato è andato in scena a Craven Cottage, dove il Fulham ospitava il Manchester City. Anche se i Citizens ha confermato di avere uno degli attacchi più esplosivi e divertenti della Premier League, le pause difensive che hanno frenato il loro rendimento esterno si sono ripresentate in maniera del tutto inattesa e sorprendente all’inizio del secondo tempo, quando l’esito della gara sembrava ormai scontato. I ragazzi di Manuel Pellegrini erano andati negli spogliatoi con due reti di vantaggio: Kompany e Yaya Touré avevano costretto un buon Fulham a una rimonta pressoché impossibile. Nella ripresa, i classici venti minuti di black-out degli sky blues hanno riacceso le speranze dei londinesi: dopo la rete di Richardson, l’autogol del capitano belga ha riequilibrato la gara. 69°: 2-2, palla al centro e City allibito. All’improvviso, però, le stelle di Pellegrini si sono riaccese: Navas e Milner hanno portato a Manchester la vittoria, i tre punti e qualche consapevolezza “esterna” in più.

Yaya Tourè esulta con la maglia del City.

Yaya Tourè esulta con la maglia del City.

LE ALTRE: BENE NEWCASTLE E STOKE. Negli altri match della 17° Giornata della Premier League, il Newcastle ha espugnato Selhurst Park con un netto 3-0. Il Crystal Palace ha ceduto ai colpi dei francesi Cabaye e Ben Arfa e ha contribuito alla propria sventura con l’autorete di Gabbidon. I Magpies sorridono anche per le sventure dei loro eterni rivali: contro il Norwich, il Sunderland non è andato oltre lo 0-0 ed è rimasto in fondo alla classifica. WBA e Hull City si sono bloccate sull’1-1: all’86°, Vydra ha risposto al vantaggio ospite di Livermore. Nell’ultima partita del sabato, lo Stoke City ha fatto valere la legge del Britannia Stadium contro l’Aston Villa: Charlie Adam e Peter Crouch hanno reso inutile la rete dell’ex-Lazio Libor Kozak.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *