Antonio Fioretto
No Comments

Lo Scudetto vede Napoli e non muore: ecco perchè Benitez può vincere il tricolore | Faccia a Faccia

Un tecnico dall'esperienza più unica che rara, un potenziale offensivo devastante e la campagna acquisti di Gennaio che si preannuncia pirotecnica: ecco perchè il Napoli è da Scudetto

Lo Scudetto vede Napoli e non muore: ecco perchè Benitez può vincere il tricolore | Faccia a Faccia
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
De Laurentiis, Presidente del Napoli

De Laurentiis, Presidente del Napoli

Re Mida, Don Rafè ed il Pipita. Tre indizi, dicono, fanno una prova. Ed è per questo motivo che la nuova triade partenopea ci spinge a pensare che per il Napoli e per tutti i suoi splendidi tifosi, sognare non solo si può, addirittura si deve.

La stagione in corso, che doveva essere per forza di cose quella dello Scudetto, si è rivelata invece in linea con quelle precedenti. Una mini-crisi di tre sconfitte consecutive –Juventus, Parma e Borussia Dortmund– ha improvvisamente trasformato l’ambiente napoletano, facendo passare gli azzurri da possibili fenomeni a brocchi qualificati. Napoli, d’altronde, è così: una città dai mille colori e dai mille giudizi, capace di vivere su un’altalena di emozioni. Eppure, nonostante le piovose critiche riversatesi sull’ undici campano, i tre indizi menzionati in apertura sono una prova inconfutabile del fatto che il ciuccio quest’anno può seriamente puntare al tricolore.

DELA FA SUL SERIO Ha portato gli azzurri dalla Serie C agli Ottavi di Champions, sfornando campioni del calibro di Hamsik e Cavani. Questo però non è bastato a togliergli da dosso la nomea di “presidente tirchione”. Aurelio De Laurentiis, allora, sembra essersi deciso a tappare la bocca di tutti. La promessa è quella di intervenire sul mercato di gennaio, portando ai piedi del Vesuvio tre giocatori di valore assoluto. E in effetti i nomi che circolano sono davvero importanti: Agger, Skrtel, Kolarov, Mascherano. Insomma, se DeLa si decide a diventare il nuovo Re Mida napoletano, il girone di ritorno potrebbe rappresentare un cammino trionfale, che porta dritto dritto al primo posto.

RAFA IL GRANDE Esperienza, qualità, carisma, talento. Il mix di Rafa Benitez, o meglio Don Rafè come chiamato dai tifosi partenopei, è frutto di un curriculum unico in Europa. Ha vinto tanto, anzi tantissimo. Competizioni e trofei collezionati tra Spagna e Inghilterra, oltre alla Champions alzata al cielo. Un tecnico abituato a vincere, o quantomeno a competere ad altissimi livelli, è proprio quello che serviva a una piazza ambiziosa come quella del Napoli. Il cammino in Champions ha dimostrato di cosa è capace Benitez. Il binomio presidente-allenatore potrebbe finalmente essere quello vincente.

ATTACCO ATOMICO Intanto il buon Re Mida ha già portato la prima pepita d’oro, anzi Pipita. Gonzalo Higuain è un fuoriclasse, non ci piove. Prima punta eccelsa, che guida un reparto tra i più forti d’Europa. Callejon, Mertens, Insigne, Hamsik, Pandev. Roba che poche squadre possono permettersi. Il reparto offensivo è da top team assoluto, e se come sembra verrà compensato con acquisti mirati in altre zone del campo, potrà condurre il Napoli verso grandissimi traguardi.

SCUDETTO – SCUFATTO Siamo alle solite, dunque. Critiche aspre e troppo affrettate. Il Napoli è da Scudetto. O quantomeno può lottare fino alla fine. La Juventus di questi tempi somiglia sempre più a una schiacciasassi, ma non è escluso un calo nel girone di ritorno. Il Napoli dovrà essere pronto a fiondarsi sui punti lasciati per strada dai bianconeri e non lasciare nemmeno le briciole.

Antonio Fioretto (@FiorettAntonio)

 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *