Enrico Cunego
No Comments

A tutta Liga: Ateltico e Barça inarrestabili, Real stoppato a Pamplona

Le due capoliste vincono i rispettivi impegni contro Villareal e Valencia, mentre i blancos rischiano grosso con l'Osasuna. Cinquina Sociedad, pari Atletic

A tutta Liga: Ateltico e Barça inarrestabili, Real stoppato a Pamplona
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Liga - Rosso per Sergio Ramos in quel di Pamplona

Rosso per Sergio Ramos in quel di Pamplona

27 i gol di questa giornata di Liga. Una giornata che ha confermato la superiorità di Barcellona ed Atletico, entrambe vincenti, e che ha visto il Real rischiare di uscire sconfitto dal terribile “Reino de Navarra” di Pamplona, ottenendo un pareggio in extremis ma vedendosi scivolare a 5 punti dalla coppia di testa. In risalita la Real Sociedad, sesta, che rifila 5 reti ad un Betis sempre più ultimo e disperato. Fondamentali successi in zona salvezza per Valladolid,  Malaga, Granada e Valencia, mentre è pari in Almeria-Espanyol ed in Siviglia-Atletic Bilbao. Andiamo a vedere nel dettaglio cosa è accaduto nelle gare del week-end.

LEVANTE-ELCHE 2-1 (41′ ed 80′ David Barral; 26′ Sapunaru)

Nell’anticipo del venerdì fondamentale successo in rimonta del Levante nel derby della Comunità Valenciana con l’Elche. Bianco-verdi che passano in vantaggio con il romeno ex Porto Sapunaru al 26′ su un azione di mischia generata da un calcio di punizione. Il Levante reagisce ed al 41′ pareggia col proprio bomber David Barral, che colpisce di testa un cross dalla sinistra. Nel finale sempre David Barral, ancora con la “cabeza”, realizza il decisivo gol che chiude la gara. Con questa vittoria il Levante raggiunge a quota 20 i “cugini” del Valencia, portandosi a +7 sul terzultimo posto. Elche che incappa nella seconda sconfitta consecutiva e che rimane al quattordicesimo posto con 17 punti.

OSASUNA-REAL MADRID (16′ e 39′ Oriol Riera; 45′ Isco, 80′ Pepe)

Il “Reyno de Navarra” si conferma un campo veramente complicato per chiunque e dopo il Barcellona anche il Real Madrid è costretto al pareggio. Punto che sta veramente stretto all’Osasuna, che fino al 45′ conduceva per 2-0. Due colpi di testa in mischia di Oriol Riera, infatti, avevano fatto sognare i supporter navarri, che stavano assistendo ad un dominio di gioco da parte dei propri beniamini. Ma ecco che Isco, il migliore dei madrileni, a tempo quasi scaduto segna con un preciso tiro da fuori area riaprendo così i giochi. Un minuto prima Sergio Ramos era stato espulso per somma di ammonizioni, ma la parità numerica verrà ristabilita al 79′ con l’espulsione di Siva. Un minuto dopo ecco il gol che evita un pesante ko al Real Madrid, grazie a Pepe che sugli sviluppi di una punizione incorna la rete del pareggio. Con questo punto il Real vede allontanarsi la coppia Atletico Madrid-Barcellona, ora distante 5 punti, mentre l’Osasuna con 14 punti si ritrova un punto soltanto sopra la coppia Almeria-Rayo Vallecano, in zona retrocessione con 13 punti.

RAYO VALLECANO-GRANADA 0-2 (35′ Fran Rico, 89′ Riki)

Ottima vittoria per il Granada, che sbanca Vallecas con un gol per tempo. Vantaggio andaluso al 35′ con una punizione dalla sinistra di Fran Rico che nessuna devia e che beffa Cobeno, estremo difensore del Rayo. Bianco-rossi che cercano di pareggiare ma che, a causa anche dell’espulsione al 43′ di Nacho Martinez pe doppio giallo, si espongono ai letali contropiedi ospiti. In uno di questi, all’89’, Brahimi lancia con una palla geniale Riki, il quale supera Cobeno e deposito in rete resistendo anche al ritorno del difensore avversario. Vittoria d’oro per la squadra di proprietà della famiglia Pozzo, che sale a 20 punti agganciando il Valencia e si mantiene lontana proprio dal Rayo Vallecano, che a 13 punti è al terzultimo posto insieme all’Almeria

BARCELLONA-VILLAREAL 2-1 (30′ e 68′ Neymar; 48′ Musacchio)

Il Barça approfitta del passo falso del Real ma quanta fatica! Un ottimo Villareal ben messo in campo fa sudare sette camicie ai blaugrana, che grazie al sempre più decisivo Neymar, che al 30′ sblocca la gara grazie ad un rigore concesso per fallo di mano di Mario in area di rigore. Il Barça non reisce a chiudere la pratica ed a inizio ripresa subisce il pareggio di Musacchio, che completamente indisturbato svetta di testa su angolo e segna il pareggio. A questo punto Martino manda in campo anche Xavi per arrivare alla vittoria, che giunge al minuto 68′: perfetto cross dalla sinistra di Fabregas che trova Sanchez, il quale mette in mezzo una palla facile facile per Neymar, che da due passi regala la vittoria ai suoi. Barça sempre primo insieme all’Atletico con 43 punti, mentre il Villareal rimane al quinto posto con 28 punti conquistati.

MALAGA-GETAFE 1-0 (75′ Santa Cruz)

Nell’ultima gara del sabato vittoria sofferta ma fondamentale per il Malaga, che contro un buon Getafe passa solo a l 75′ con l’intramontabile Roque Santa Cruz. Il paraguayano appena entrato segna il gol decisivo con un colpo di testa che premia la perfetta punizione del portoghese Duda, che trova con il conta giri il compagno di squadra pronto a segnare il gol decisivo. Andalusi che salgono a 17 punti, più 4 sulla zona retrocessione, mentre i madrileni, vittime di un logico periodo di fase calante dopo un ottobre-novembre strepitosi, scivola all’ottavo posto con 23 punti.

ALMERIA-ESPANYOL 0-0

Finisce a reti bianche l’incontro di mezzogiorno della domenica, caratterizzato da un polemico calcio di rigore assegnato all’Almeria per fallo su Suso all’entrata dell’area di rigore. Dal dischetto Verza è impeccabile e segna spiazzando Casillà, ma l’arbitro impone la ripetizione a causa dell’entrata di un giocatore dell’Almeria in area di rigore. Al secondo tentativo Verza calcia malamente e spara alto sopra la traversa. Un episodio altamente polemico che costa i 3 punti agli andalusi, ora terzultimi insieme al Rayo con 13 punti. Espanyol che invece limita i danni e che torna a Barcellona con un punto che conferma il dodicesimo posto dei bianco-azzurri, a 19 punti in classifica

REAL SOCIEDAD-BETIS 5-1 (6′ e 68′ Agirretxe, 55′ Ansotegi, 62′ Griezmann, 85′ Xabi Prieto; 19′ Jorge Molina)

Urugano Sociedad su un piccolo Betis, sempre più ultimo in classifica con 10 punti, a -4 dalla salvezza. All’Anoeta soltanto Jorge Molina al 19′ riesce a fermare la valanga di reti dei padroni di casa, che passano al 6′ con Agirretxe. Nel secondo tempo i baschi si scatenano ed al 55′ raddoppiano con Ansotegi, per poi triplicare 7 minuti più tardi con Griezmann, giunto al decimo gol in campionato. Al 68′ Agirretxe trova il secondo gol di giornata ed all’85’ Xabi Prieto fa manita. Quarta vittoria nelle ultime 5 gare per la Real, ora sesta in graduatoria con 26 punti, a -4 dall’Atletic quarto. Senza più la Champions League ora i bianco-blu possono puntare alla rincorsa al preliminare della competizione europea più importante.

SIVIGLIA-ATLETIC BILBAO (4′ Alberto Moreno, 6′ Susaeta)

Tutto in due minuti tra andalusi e baschi. Al 4′ Alberto Moreno porta in vantaggio i padroni di casa con un tiro dal limite seguente ad uno schema da calcio d’angolo, due minuti più tardi arriva l’immediato pareggio bianco-rosso con Toquero che approfitta di un folle retropassaggio di testa da parte di Federico Fazio. L’attaccante basco scarica un diagonale che Susaeta da due passi corregge in rete. Seguono diverse occasioni in cui si mettono in luce i due portieri Iraizoz e Beto, ma alla fine il risultato non cambia. Atletic che si mantiene al quarto posto con 30 punti, mentre il Siviglia continua la sua rincorsa europea al settimo posto con 23 punti

ATLETICO MADRID-VALENCIA 3-0 (59′ Diego Costa, 64′ Raul Garcia, 81′ Diego Costa)

L’Atletico domina completamente la gara con un Valencia completamente sottomesso ed in crisi di gioco e risultati, tanto che il giorno dopo della sconfitta verrà esonera Miroslav Djukic. Nel primo tempo i bianco-rossi assediano la porta di Diego Alves ma non riescono a giungere alla rete del vantaggio. Nel secondo tempo è tutta un’altra musica ed al 59′ i “colchoneros” passano in vantaggio grazie al proprio bomber Diego Costa, che finalizza al meglio in diagonale uno splendido contropiede dei suoi. Raddoppio al 64′ con Juanfran che prova un cross basso dalla destra, il pallone carambola sui piedi di Oriol Romeu giungendo a Raul Garcia, il quale non lascia scampo ad un incolpevole Diego Alves. Tris che giunge all’81’ con Diego Costa, che atterrato da Barragan trasforma l’inevitabile penalty spiazzando Diego Alves. Con questa doppietta il brasiliano raggiunge in testa alla classifica marcatori Cristiano Ronaldo con 17 reti. Atletico che continua a rimanere anche in testa alla classifica della Liga, condividendo il primato col Barcellona a 43 punti. Valencia che come detto è in crisi nera e che langue a metà classifica con 20 punti, in compagnia dei “cugini” del Levante e del Granada

REAL VALLADOLID-CELTA VIGO 3-0 (60′, 67′, 86′ Javi Guerra)

E’ “Javi Guerra Show” in quel di Valladolid. Il bomber dei bianco-viola realizza una tripletta che schianta il Celta Vigo nel posticipo del lunedì sera. Partita equilibrata fino al minuto 56′, quando Charles, bomber dei galiziani, viene espulso per doppia ammonizione. Da li in poi è uno show del giocatore più rappresentativo dei castigliani, capace di segnare una doppietta in 7 minuti e di chiudere definitivamente la gara all’87’. Con questa importantissima vittoria il Valladolid sale a quota 15 punti uscendo dalla zona rossa della classifica ed agganciando proprio il Celta, che fa un notevole passo indietro rispetto alla vittoria per 3-1 sull’Almeria

CLASSIFICA: Barcellona, Atletico Madrid 43 punti; Real Madrid 38; Atletic Bilbao 30; Villareal 28; Real Sociedad 26; Siviglia, Getafe 23; Granada, Valencia, Levante 20; Espanyol 19; Malaga, Elche 17; Celta Vigo, Real Valladolid 15; Osasuna 14; Almeria, Rayo Vallecano 13; Betis Siviglia 10.

PROSSIMO TURNO

Elche-Malaga

Villareal-Siviglia

Betis-Almeria

Atletico Madrid-Levante

Granada-Real Sociedad

Espanyol-Valladolid

Getafe-Barcellona

Atletic Bilbao-Rayo Vallecano

Celta Vigo-Osasuna

Valencia-Real Madrid

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *