Calogero Destro
No Comments

Mondiale per club: sorpresa Raja in finale!

Gli idoli di casa piegano l’Atletico di Ronaldinho 3-1 e adesso sognano il trionfo, ma in finale dovranno vedersela col Bayern

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

A Marrakech, gli africani del Raja Casablanca battono per 3-1 l’Atletico Mineiro di Ronaldinho e raggiungono il Bayern Monaco nella finale del mondiale per club 2013.

La partita- I primi minuti vedono un dominio dei brasiliani, che guidati dalle giocate del “Gaucho” e dalle accelerazioni dell’ex City, Jo, sfiorano per diverse volte il vantaggio, ma sono sfortunati. Prima dell’intervallo anche i marocchini si affacciano dalle parti dei parti dei brasiliani, con Moutuali che mette paura a Victor. Il primo tempo, però, si conclude sullo 0-0. Nella ripresa, al ’51, arriva il vantaggio dei padroni di casa: la rete è di Iajour, che sull’assist del solito Moutuali fulmina Victor con un destro chirurgico. Ma al ’64 l’Atletico trova il pari con una prodezza della sua stella più luminosa: Ronaldinho trasforma esemplarmente una punizione dal limite che non lascia scampo al portiere avversario, è 1-1. I brasiliani cercano ripetutamente il vantaggio, che all’83, però, arriva per il Raja, con un penalty guadagnato da Iajour e realizzato da Moutuali.
Gli uomini di Stival si riversano tutti davanti per cercare la rete che manderebbe la partita ai supplementari, ma in contropiede è ancora Iajour a punire Victor e a siglare il gol che chiude definitivamente ogni discorso.

Verso la storia- Il Raja è la seconda squadra africana che riesce a qualificarsi alla finale del torneo dopo l’impresa riuscita al Mazembe, che nel 2010 eliminò in semifinale un’altra brasiliana: l’Internacional di Porto Alegre, per poi cedere all’Inter. I marocchini potrebbero diventare la prima squadra africana ad alzare il trofeo, ma di fronte ci sarà la corazzata Bayern, che aspetta proprio quest’incontro per sancire ufficialmente il titolo di squadra più forte del mondo.

La storia corre veloce, un po’ come il Casablanca, che stasera, alle 19,30, al Marrakech Stadium, proverà a cambiare le sorti di un destino, che sembra già inesorabilmente segnato.

Calogero Destro

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *