Redazione
No Comments

Zanzibar: un esotico Natale nell’arcipelago della Tanzania

Una vacanza all'insegna del relax ed alla scoperta della natura

Zanzibar: un esotico Natale nell’arcipelago della Tanzania
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Per i viaggiatori dell’ultimo minuto, i lavoratori che non hanno avuto tempo di organizzare le proprie ferie natalizie, le famiglie che cercano una meta affascinante e adatta a tutte le età, i giovani indecisi se optare per ambienti esotici o montagna, è tempo di decidersi!

Il Natale è alle porte e la vacanza giusta ha il nome di Zanzibar. Come dire di no al caldo sole di dicembre, alle bianche spiagge e soprattutto alle offerte vantaggiose delle compagnie aeree che partono dall’Italia verso Zanzibar a prezzi a dir poco vantaggiosi?

GEOGRAFIA E CLIMA – Il territorio di Zanzibar comprende l’arcipelago situato nell’Oceano Indiano di fronte alla costa della Tanzania, nell’Africa sud orientale, pochi gradi al di sotto dell’equatore. La presenza di molte isole, più o meno grandi, caratterizza il golfo di Zanzibar, la principale è Unguja, dove si trova la capitale, Stone Town. Il clima è tropicale, dunque caratterizzato da temperature gradevoli durante tutto il corso dell’anno, le medie variano dai 28° ai 30°. Ma l’isola, come la maggior parte dei posti esotici, alterna periodi di caldo torrido e clima arido a intense stagioni delle piogge. Da evitare assolutamente i mesi tra marzo e aprile e quelli tra ottobre e novembre.

Zanzibar

Centro storico Stone Town

STON TOWN – La capitale è piena di vita e rappresenta una delle città di rilevanza storica tra le più importanti dell’Africa. Un tempo fulcro amministrativo coloniale e capitale del Sultanato di Zanzibar, Stone Town è un centro multietnico e multiculturale in cui riscoprire le testimonianze della cultura Swahili e gli influssi di popolazioni moresche, arabe, persiane ed europee.

Le attrazioni turistiche da non perdere comprendono il vecchio centro storico (Mji Mkongwe), patrimonio dell’Unesco, labirinto di case dai particolari portoni intagliati in legno, botteghe, bazar e palazzi colorati. Facile da visitare a piedi oppure noleggiando una bicicletta, l’ambiente africano e orientale vi riporterà ai tempi in cui la città era porto commerciale di antichi tesori, tessuti e spezie.La residenza ufficiale del Sultano che regnava sul paese, il cosiddetto “Palazzo delle meraviglie”, è una delle luoghi turistici più visitati della città, attualmente ospita il Museo Nazionale della cultura Swahili e di Zanzibar. Da non perdere anche i Bagni Persiani, il mercato Darajani, il Palazzo del Sultano e le due cattedrali (una cattolica ed una anglicana).

Zanzibar

Barriera corallina di Zanzibar

SPIAGGE – Ma il punto forte in assoluto di Zanzibar, è il suo mare, le sue acque cristalline e le sue spiagge paradisiache ed incontaminate.

Kiwengwa: una delle spiagge più frequentate dagli italiani, si sa, siamo un popolo che adora i confort, infatti, su questo lido sorgono diversi resort che offrono ogni tipo di servizio. Qui sarà possibile rilassarsi e prendere il sole oppure noleggiare un pedalò e praticare diversi sport acquatici.

Nungwi: questa spiaggia è gettonata come la più bella fra tutte, chilometri di sabbia bianca ed acque cristalline che riflettono il sole, come la maggior parte dei lidi sull’isola, raramente è affollata. Ritrovate la pace dei sensi con una passeggiata in riva o rigeneratevi all’ombra di una delle fantastiche palme che circondano la spiaggia.

Kizimkazi: In questa bellissima spiaggia, oltre a godervi il panorama, potrete farvi condurre a vivere un’esperienza indimenticabile: tramite un accordo i pescatori locali saranno disposti a portarvi a largo per farvi nuotare in mezzo a decine di delfini.

FORESTA DI JOZANI e SAFARI – Agli amanti degli animali e della natura propongo un visita a questa fantastica riserva. Scegliete il tour adatto ai vostri gusti e passeggerete tra una maestosa vegetazione fitta e tropicale, e se sarete fortunati incontrerete qualche specie rara di scimmia, magari dal manto rosso e dai ciuffi neri sul viso. Da non perdere assolutamente anche l’opportunità di partecipare ad un Safari in jeep sulle tracce di animali selvatici come leoni, tigri e gazzelle.

Carol Deriu

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *