Manlio Mattaccini
No Comments

Basket: al Varese il derby, Siena senza Hackett batte Roma | La 10a giornata

Sempre in tre al comando; Bologna sconfitta a Caserta e perde altro terreno. Stasera il posticipo tra Pesaro e Milano

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Jack Galanda, ha trascinato Pistoia in A1

Jack Galanda, ha trascinato Pistoia in A1

Per chi nutrisse ancora dei dubbi, Siena è tornata. Quella squadra, rivoluzionata nel corso degli anni, e proprio per questo data ogni anno come comprimaria, dimostra di essere sempre lì, a guardare dall’alto le avversarie. Certo, i tempi in cui spadroneggiava con facilità disarmante in Italia e si giocava la Final Four sono lontani, ma la squadra è viva e ha voglia di giocarsela sia in Italia sia in Eurolega, dove la sconfitta di misura patita in casa dell’Olympiakos lascia ben sperare per il passaggio alla Top 16, dove già è approdata Milano. La Montepaschi, con Hackett rimasto per tutti i 40′ in panca, batte Roma 82-70 nella riedizione della finale-scudetto di giugno, con il roster capitolino che cede soltanto nella seconda metà gara. Al comando, come nel precedente turno, rimangono Brindisi e Sassari, in uno stato di forma eccezionale. Cantù vince in volata un derby con Varese compromesso prima dell’ultimo quarto e rimane in scia al terzetto di testa. Perde terreno invece Bologna, sconfitta a Caserta e al terzo insuccesso nelle ultime quattro partite.

CHE DERBY A VARESE. Una partita spettacolare e combattuta per tutta la sua durata alla fine sorride a Cantù. Un’ottima Varese cede soltanto negli ultimi minuti e butta alle ortiche un successo tanto onorevole quanto importante per il proprio torneo. E dire che le cose si erano messe subito bene per i padroni di casa, che trovano una buona percentuale dai tiri e all’intervallo sono sopra 47-42. I punti di vantaggio diventano addirittura 9 prima dell’ultimo quarto, ma Cantù trascinata da Aradori con il pesante supporto di Cusin e Gentile ottiene nel finale il sorpasso che si rivelerà decisivo per il 77-82 finale. Varese rimane a quota 8 in classifica: nelle prossime cinque partite urge la vittoria, per non farsi sfuggire la Final Eight di Coppa Italia.

SASSARI E BRINDISI PRESENTI. La coppia del Sud continua a brillare. Al “PalaSavelli”, tana della Sutor Montegranaro, Sassari scappa via sin dall’inizio e vince piuttosto agevolmente una partita senza andare mai sotto nel punteggio. Orfani di Travis Diener, assente per infortunio, ci pensa il cugino Drake in collaborazione Thomas a bucare la retina e a condurre i suoi verso un emblematico 69-88 finale. Duro momento per la squadra di Recalcati, ex coach della Nazionale, che rimane ben lontana dalle zone nobili della classifica.
Successo più sofferto per Brindisi, che ospitava in casa la neopromossa Pistoia di Jack Galanda. Gli ospiti giocano una bella partita e riescono a mettere in difficoltà la capolista, soprattutto nei primi 25′ di gara. In una partita con percentuali non eccelse, Pistoia si ritrova nel secondo quarto con nove punti di vantaggio. Johnson s’infortunia alla caviglia, e Brindisi ne approfitta per recuperare terreno e riportarsi in vantaggio, andando a chiudere la terza frazione di gioco con un più quattro. La GiorgioTesi rimane in partita col cuore, ma Snear sigla la tripla che tiene a debita distanza gli avversari, incitati da un nutrito gruppo di tifosi giunto dalla Toscana. Il 68-60 della sirena consente ai padroni di casa di riprendere la propria marcia dopo la sconfitta a Bologna.

RISULTATI COMPLETI 10° GIORNATA:

GrissinBon ReggioEmilia – Vanoli Cremona 93-75
Sutor Montegranaro – BancoSardegna Sassari 69-88
Cimberio Varese – AcquaVitasnella Cantù 77-82
Enel Brindisi- GiorgioTesiGroup Pistoia 68-60
PastaReggia Caserta – Granarolo Bologna 65-57
Umana Venezia – Sidigas Avellino 84-69
MontePaschi Siena – Acea Roma 82-70
Libertas Pesaro – EA7 Milano (stasera ore 20.30)

CLASSIFICA:

Siena, Brindisi, Sassari 16
Cantù 14
Bologna, Roma 12
Milano, Venezia, Reggiana 10
Varese, Avellino, Caserta 8
Montegranaro, Pistoia 6
Cremona 4
Pesaro 2

Manlio Mattaccini

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *