Simone Viscardi
No Comments

Parla Prandelli: bilancio fallimentare, ottimismo mondiale

Per il ct le eliminazioni di ieri hanno fatto toccare il punto più basso al nostro calcio, ma il futuro potrebbe ancora essere roseo, grazie alla Nazionale.

Parla Prandelli: bilancio fallimentare, ottimismo mondiale
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

È un Prandelli in bilico tra pessimismo per il presente e speranza verso il futuro, quello intervenuto ai microfoni dei cronisti nella sede della Federcalcio, a Roma.

Prandelli ha parole di elogio per SiperMario Balotelli

Prandelli ha parole di elogio per SiperMario Balotelli

BILANCIO FALLIMENTARE – Impossibile non essere preoccupati di fronte alla realtà dei fatti, che vedono una sola squadra italiana – il Milan – qualificata con sofferenza alla seconda fase di Champions League. Una partita che può essere di svolta, secondo il ct azzurro, per la stagione dei rossoneri e per quella di SuperMario Balotelli, per il quale si augura un anno nuovo all’insegna della continuità: “È stato bravo, lui quando la squadra è in inferiorità numerica si assume più responsabilità, ma dovrebbe farlo sempre”. La sfortuna, per il tecnico di Orzinuovi, ha invece caratterizzato l’avventura europea di Juve e Napoli; una malasorte che però non deve essere un alibi per i demeriti delle nostre compagini, con particolare riferimento ai bianconeri :”Dobbiamo riflettere sulla qualità del nostro calcio: non siamo più i migliori, dobbiamo accettarlo”. Eliminazioni che potrebbero avere una lama a doppio taglio: andare tutte avanti, per Prandelli, sarebbe stato anche uno slancio di autostima per i giocatori in vista del prossimo anno.

OTTIMISMO MONDIALE – Già, il 2014, anno del Mondiale e faro di speranza per la rinascita del nostro movimento calcistico : “Io sogno in grande e chiedo lo stesso ai miei giocatori: giocare un Mondiale da protagonisti.Poi, certo, per ‘reggere’ i sogni bisogna recitare alla grande anche sul campo, ma ogni tanto succede e anche in Brasile potrebbe accadere… Io e i miei ragazzi faremo da traino a tutto il movimento, come al solito”. Piccola polemica per il massiccio utilizzo degli stranieri nel nostro torneo, a discapito dei talenti nostrani: “Auspico che non si debba arrivare all’imposizione di un tetto massimo, ma se la rotta non cambia il rischio di emulare l’Inghilterra c’è”.

ALLARME VIOLENZA – L’ultima riflessione del mister riguarda gli scontri avvenuti ieri sera fuori dal Meazza, tra Ultras milanisti e frange di Hooligans olandesi. Il paragone, ancora una volta, è con il calcio inglese e le misure che furono prese ai tempi dell’Heysel – anche lui era presente quella notte – nei confronti delle squadre d’oltremanica: “È un problema serio, di tutto il Paese: anche qui, dobbiamo tutti adoperarci per invertire la rotta, altrimenti prima o poi ci diranno che le nostre squadre non possono superare i confini italiani”.

Simone Viscardi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *