Orazio Rotunno

Trema ancora l’Emilia: 15 morti, 6 mila gli sfollati. Monti: ” Il calcio dovrebbe fermarsi “

Trema ancora l’Emilia: 15 morti, 6 mila gli sfollati. Monti: ” Il calcio dovrebbe fermarsi “
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Annullata l'amichevole di stasera a Parma fra Italia e Lussemburgo per rispetto verso le vittime.

MODENA, 29 MAGGIO – Il calcio si ferma, niente amichevole Italia-Lussemburgo. Lo stop di stasera, secondo il premier Monti andrebbe allargato ai prossimi 2-3 anni dopo quanto emerso dal calcioscommesse, : ” non è una proposta del governo, ma una domanda da farsi “. La situazione è drammatica, nuovamente. Dopo il sisma del 20 maggio la l’Emilia è di nuovo sotto le macerie, epicentro vicino Modena. Le vittime sono 15, ma purtroppo è un dato in costante aumento.

ORE 9.03 – LA PRIMA SCOSSA DI UNA LUNGA SERIE – Ritorna l’incubo, la mente ancora a neanche dieci giorni fa, ai cari caduti, alle abitazioni in macerie. Magnitudo 5.8, si registra la scossa più forte, la terra torna a tremare. Il sisma viene avvertito dalla Lombardia al Veneto all’Emilia Romagna. Vittime tutte nel Modenese, a San Felice, Mirandola, San Giacomo Rovereto di Novi, Concordia, Finale Emilia e Cavezzo. I terremoti si ripetono a cadenza quasi oraria, prima verso le 10.06, poi una nuova  scossa, durata ben 30 interminabili secondi, attorno alle 12.56, di magnitudo 5.4. Sono al momento 15 i morti accertati, migliaia i dispersi e gli sfollati. Da subito all’opera la protazione civile, l’esercito a San Felice e tutte le forze dell’ordine a disposizione. Messaggi di sostegno dal Papa a Napolitano. Il governo si è detto pronto al massimo sostegno economico, il momento di crisi non impedirà il miglior soccorso possibile ai superstiti senza più un tetto. Sono giunte al momento quasi 15.000 richieste di soccorso, disposte 7 strutture di accoglienza con 250 posti. Lascia perplessi il repentino ritorno a lavoro degli operai nelle fabbriche già colpite dal sisma del 20 maggio: sono 3 gli operai rimasti vittime del sisma odierno per il crollo di un tetto in fabbrica.

 

Orazio Rotunno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *