Manlio Mattaccini
No Comments

Premier: l’Arsenal impatta con l’Everton, è 1-1. Ma ora ha +5 sulle inseguitrici

Gran partita dell'Everton, che avrebbe meritato anche qualcosa in più del pari. Arsenal comunque imbattuto e allunga in classifica

Premier: l’Arsenal impatta con l’Everton, è 1-1. Ma ora ha +5 sulle inseguitrici
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il “frenatone” che ha coinvolto le big d’alta classifica non risparmia nemmeno l’Arsenal. I Gunners, già consci di mantenere la vetta prima di scendere in campo contro l’Everton, sprecano l’occasione di guadagnare ulteriori punti preziosi verso Chelsea e Liverpool. Tra il pensiero all’impegno decisivo in Champions contro il Napoli, e la traversa presa da Giroud al ’93, in mezzo c’è tanto Everton: gli ospiti giocano una grandissima partita, che rischiano di perdere e che forse, ai punti, avrebbero meritato addirittura di vincere.

PRIMO TEMPO. Wenger alla vigilia predica calma e concentrazione: i facili entusiasmi sono dietro l’angolo, e certi match un giorno si possono pagare caro. L’Everton dal canto suo sta disputando un gran torneo, e con i cugini del Liverpool tornati ad alti livelli ha in corso un derby perpetuo che durerà fino alla fine della stagione, che potrebbe trovare le due squadre a combattere per un prestigioso posto in Europa. Sin dalle prime battute di gioco i “Toffeemen” fanno intendere che non sarà una giornata facile per il pubblico dell'”Emirates”. L’Arsenal non riesce a trovare ritmo e spazio e subisce spesso il possesso palla avversario (a fine garà sarà 44% Gunners – 56% Everton). Barkley, classe ’93, insieme a Mirallas illumina il centrocampo: anche se Lukaku e soci non trovano facilmente la porta di Szczezny. La palla più nitida del primo tempo ce l’hanno però i padroni di casa: Gibbs da buona posizione non riesce a infilare in rete un assist al bacio di Cazorla.

SECONDO TEMPO. Il leit-motiv non cambia nemmeno nella ripresa. La differenza è che gli spazi aumentano, e le occasioni aumentano sia da una parte sia dall’altra. Ramsey al 55′ stava per segnare uno dei suoi gol “letali”, ma Howard gli nega quello che sarebbe stato un vantaggio ingiusto. Col passare dei minuti, Wenger pensa ad una soluzione: effettua tre sostituzioni contemporaneamente e getta nella mischia Flamini, Rosicky e Walcott. L’Everton non si scompone, e al termine di una splendida combinazione tra Osman, Lukaku e Mirallas, sfiora la rete del vantaggio. All’81 arriva il gol, ma lo segna l’Arsenal: Ozil sfrutta un assist di testa di Walcott, “lisciato” da Giroud, e sembra mettere sul piede giusto, a poco dal termine, una partita quanto mai sofferta. L’onta della sconfitta però cancellata da Deloufeu: il giovane canterano del Barça, in Inghilterra per fare esperienza, rincuora i Toffees e sigla all’84 il gol del definitivo e meritato pareggio. Giroud, al ’93, pesca il jolly : ma il suo tiro dalla distanza si stampa sulla traversa, lasciando a metà gola l’urlo della vittoria per i Gunners. Al fischio finale, la classifica dice che ora l’Arsenal ha cinque punti di vantaggio e sale a quota 35. Everton a 28, in piena zona Champions.

Dodicesima giornata Premier League: Mesut Özil, nuova stella dell'Arsenal

Ozil: il suo gol non è bastato per far vincere l’Arsenal

Manlio Mattaccini

 

FORMAZIONI UFFICIALI:

Arsenal (4-4-1-1): Szczesny; Jenkinson; Mertesacker; Koscielny; Gibbs; Wilshere; Arteta; Ramsey; Cazorla; Ozil; Giroud. All: Wenger

Everton (4-3-3): Howard; Coleman; Distin; Jagielka; Oviedo; Barkley; Barry; McCarthy; Mirallas; Lukaku; Pienaar. All: Martinez

PRIMO TEMPO

13′ Everton senza paura nei primi minuti di gioco: tiene perfettamente il campo e non rinuncia a proporsi in qualche azione offensiva

26′Arsenal pericoloso: Cazorla mette dentro l’area un velenoso rasoterra, ma Gibbs in scivolata non impatta: sfuma una buona occasione per sbloccare questa rognosa partita

 31′ Lukaku prova un potente tiro, ma è ribattuto da Koscielny

37′ Barkley, giovane talento dell’Everton e del calcio inglese, dispensa assist a profusione per i compagni, che però non riescono a impensierire pericolosamente Szczesny

45′ Finisce la prima frazione: 45′ molto equilibrati, con l’Everton che non ha fatto demeritato. L’Arsenal, per vincerla, deve fare qualcosa in più nella ripresa

SECONDO TEMPO

50′ Colpo di testa di Cazorla parato da Howard

53′ Everton pericoloso: tiro di Pienaar da buona posizione respinto dal numero uno dei Gunners

55‘Ramsey con un bel tiro al volo impegna severamente Howard, costretto ad una deviazione in corner

66′ Altro pericolo sventato da Szczesny

67′ Tre cambi per l’Arsenal: dentro Rosicky, Walcott e Flamini, escono Ramsey, Cazorla e Wilshere. Wenger rivoluziona la squadra per tentare di vincerla

71′ Cambio anche per i Toffeemen: esce Pienaar, entra Osman

72′ Flamini subito pericoloso: il suo destro è radente ma esce di pochissimo

78′ Mirallas combina alla grande con i compagni: il suo destro è potente ma è deviato in angolo

80′ Cambio per gli ospiti: esce proprio Mirallas, dentro Deulofeu

81′ GOL DELL’ARSENAL: OZIL!!! Il tedesco sfrutta l’assist di testa di Walcott e un liscio di Giroud: il suo tap in è vincente e può risultare decisivo!!!

84′ PAREGGIO EVERTON: DEULOFEU!! Il canterano, entrato in campo da pochissimi minuti, approfitta di Lukaku che non impatta il pallone in rovesciata e con un gran destro da dentro l’area segna il gol dell’1-1!!!

89′ Everton vicino al vantaggio! Lukaku si fa anticipare da Szczezny!!!

91′ Tremenda progressione di Lukaku! Il belga si avvicina prepotentemente all’area avversaria, ma il suo sinistro finisce alto!

93′ Traversa di Giroud! I Gunners sfiorano il gol della vittoria beffarda: il tiro del francese da fuori area trova il legno!

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *