Fabio Pengo
No Comments

Torino-Lazio 1-0: basta solo Glik. Petkovic a rischio esonero

Il Torino batte la Lazio sapendo soffrire e dimostrandosi leggermente più cinico. Petkovic rischia l'esonero: summit in corso tra Claudio Lotito e Igli Tare

Torino-Lazio 1-0: basta solo Glik. Petkovic a rischio esonero
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

I granata di Ventura inseguono la vittoria contro i biancocelesti dallo scorso 10 marzo; quella è stata l’unica vittoria negli ultimi quindici precedenti. Nelle ultime 10 gare il Torino racimolato solo 3 punti ed è quindi fondamentale cercare di trovare questa vittoria di fronte al proprio pubblico. Dall’altro lato gli uomini di Petkovic devono rifarsi della brutta sconfitta rimediata contro il Napoli all’Olimpico.

LA PARTITA

1′ – La partita ha inizio.
3′ – Primo fallo della gara ai danni di Candreva.
5′ – Brutto intervento di Glik che entra con il piede a martello su un avversario; Tagliavento si limita ad un richiamo.
9′ – La Lazio sta schiacciando il Torino; l’unica cosa che i granata stanno facendo egregiamente è partire in contropiede grazie alla velocità di Cerci.
15′ – Il Torino inizia a farsi vedere in attacco; le squadre hanno lasciato ogni tatticismo.
19′ – Gol Torino: la squadra granata passa in vantaggio con Glik che sfrutta un rimpallo in area laziale originato da una punizione dai 50 metri.
21′ – Occasione del raddoppio con Cerci che però spara addosso a Marchetti.
25′ – Reagisce la Lazio con Candreva e Pereirinha; ma il toro si chiude bene.
30′ – La Lazio continua ad attaccare; non ci sta proprio a perdere e sta attaccando con ben 7 uomini ben oltre il centrocampo. Il Torino resiste.
35′ – Ammonizione per la Lazio: dopo Biglia è Perea ad aggiungersi alla lista dei cattivi.
38′ – Buona azione della Lazio: lancio di Ledesma per Perea che con un colpo di tacco serve Hernanes; i tre difensori del Toro però lo chiudono e gli tolgono la sfera.
39′ – Conclsione dalla distanza di Biglia; ottimo intervento di Padelli.
47′ – La partita decolla: Cerci si invola solitario verso la porta biancoceleste ma all’ultimo i difensori laziali recuperano e gli tolgono la sfera; cambio di fronte improvviso con la Lazio pericolosa e Basha che commette fallo sulla fascia destra per bloccare l’azione. Ammonizione sacrosanta.

Tagliavento fischia e decreta la fine del primo tempo.

46′ – Inizia il secondo tempo.
48′ – Lazio che inizia la seconda frazione di gioco così come è finita la prima: attaccando il toro dalle fasce.
54′ – Il Toro è costretto a difendersi negli ultimi 30 metri; Glik e compagni costretti agli straordinari.
60′ – Assedio Lazio; ormai il Toro si affida solo alle ripartenze di Cerci che si trova sempre in inferiorità numerica.
62′ – Cambio Lazio: fuori Biglia dentro Floccari per un 4-2-4 super offensivo.
64′ – Ancora Lazio con Candreva super attivo: nonostante l’ora di gioco continua a proporsi e a sfornare ottimi cross per i compagni.
67′ – Occasione Lazio: uno scivolone di Glik ha permesso a Floccari di tirare verso la porta di Padelli; la conclusione è stata deviata fortunatamente per il portiere che ha rischiato di subire gol.58′ – Cana ci prova con una conclusione dalla distanza ma la sfera finisce in tribuna.
69′ – Ripartenza solita del Toro e conclusione di Cerci che viene inghiottita da Marchetti.
74′ – Occasione gol per il Torino: discesa fulminante di Cerci che è più veloce di tutta la difesa laziale; sull’uscita di Marchetti l’ala destra del Toro prova il pallonetto ma all’ultimo secondo la palla rimbalza su una zolla di terreno sfaldata e il tiro finisce a lato.
80′ – Quella della Lazio è diventata una corsa contro il tempo.
81′ – Un tiro di Candreva dalla distanza stava per diventare un assist per Perea; Padelli si distende ed allontana la sfera.
85′ – La squadra granata resiste alle folate di Candreva e Perea che sbattono sempre contro un muro.
90′ – Ancora Lazio che cerca di pescara Perea con dei cross tagliati ma Darmian e D’Ambrosio sono attenti.
94′ – Termina la gara: Il Torino batte la Lazio sapendo soffrire e dimostrandosi leggermente più cinico

Fabio Pengo

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *