Redazione
No Comments

Spring Awakening: il musical rock arriva finalmente a Roma

Il grande successo del musical rock del teatro moderno con tematiche giovanili

Spring Awakening: il musical rock arriva finalmente a Roma
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il 3 dicembre al Teatro Brancaccio di Roma ha debuttato il tanto atteso musical Spring Awakening, su licenza esclusiva MTI, Music Theatre International. L’opera è tratta dalla pièce teatrale “Risveglio di primavera” di Frank Wedekind, scrittore, drammaturgo e attore teatrale tedesco.

Cast di Spring Awakening

Cast di Spring Awakening

CAST – L’opera rivisitata dall’autore Steven Saten ha esordito in Italia il 12 dicembre 2012 a Livorno, la tournée è ora approdata a Roma, qui la messa in scena durerà fino a domenica 8 dicembre. Il cast italiano è composto da: Flavio Gismondi, Arianna Battilana, Federico Manignetti, Tania Tuccinardi, Paola Fareri, Renzo Guddemi, Vincenzo Leone, Chiara Marchetti, David Marzi, Albachiara Porcelli, Andrea Simonetti. Il tutto sotto la regia di Emanuele Gamba. Un’equipe eccezionale che si esibisce insieme alle performance di band rock dal vivo.

IL SUCCESSO – Quest’insolita ed unica opera ha appassionato milioni di giovani di tutto il mondo, che talvolta rivedendo se stessi e apprezzando il dinamismo e la vitalità della rappresentazione, hanno colto a pieno il senso di questo lavoro. Il clamoroso successo ottenuto, sia di critica che di pubblico, ha permesso a Spring Awakening di affermarsi come uno degli spettacoli più originali ed innovativi del teatro moderno. Ambientato nella Germania del diciannovesimo secolo, la pièce, con le sue musiche di Duncan Sheik, ha come protagonisti un gruppo di giovani adolescenti alle prese con i problemi che questa delicata fase della vita presenta. Il contrasto con i genitori o con gli insegnanti fanno da sfondo al fulcro della vicenda, che sta nella scoperta della sessualità e delle prime esperienze dei ragazzi in questo campo.

LE ORIGINI –  L’opera originale è stata censurata in Germania per “l’immoralità”  di alcune rappresentazioni, troppo forti e veritiere le scene di masturbazione, aborto e stupri per il pubblico tedesco. Dopo alcuni anni, l’opera venne riscritturata ed “alleggerita”, per poi essere messa in scena nel maggio del 2006 a New York. Nell’anno successivo il musical ha vinto otto premi ai Tony Awards (riconoscimento annuale per il successo delle opere teatrali in America) per miglior regia, miglior libretto e miglior attore. L’album che contiene i pezzi musicali originali ha vinto nel 2006 un Grammy Awards, uno dei concorsi più importanti degli Stati Uniti in cui vengono premiati i risultati ottenuti nell’industria musicale.

Carol Deriu

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *