Azio Agnese

Ljajic, i guai non finiscono mai

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Escluso dalla nazionale serba per non aver cantato l'inno

Anno nero per Ljajic

BELGRADO, 29 MAGGIO – Per la serie i guai non vengono mai uno per volta, Adem Ljajic – centrocampista serbo – , dopo lo spiacevole episodio avvenuto con Delio Rossi, si è visto recapitare un invito da parte del nuovo allenatore della nazionale balcanica, Sinisa Mihajlovic, a lasciare la nazionale stessa fin quando il suo atteggiamento non ritornerà ad essere quello di un giocatore professionista.

NO INNO, NO NAZIONALE – Sarebbe stato questo il motivo del dissidio tra il neo allenatore serbo ed il centrocampista della Fiorentina. Infatti nell’amichevole disputata venerdi tra la Spagna e la Serbia al momento dell’inno nazionale serbo, Ljajic non ha accennato ad intonare nemmeno una strofa del medesimo. A quanto pare le ragioni della mancanza da parte del giocatore serbo ma di origine montenegrina sarebbero di natura politico-religiosa. Ljajic appartiene ad una minoranza musulmana ormai quasi scomparsa dal paese nato dalle macerie della ex Jugoslavia.

CODICE ETICO – L’ex allenatore di Catania, Bologna e Fiorentina al momento del suo insediamento alla guida della nazionale serba ha fatto firmare a tutti i calciatori convocati una sorta di codice etico-morale che come caposaldo prevede l’assoluta fedeltà e appartenenza alla nazione e l’obbligo di cantare l’inno in tutte le sue parti. La regola, uguale per tutti, è molto chiara: chi non rispetta il “patto di ferro” è fuori dal giro della nazionale.

Azio Agnese

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *