Antonio Scali

Tutto Milan: restano Ibra e Thiago, piacciono Witsel e Sahin

Tutto Milan: restano Ibra e Thiago, piacciono Witsel e Sahin
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

MILANO, 28 MAGGIO 2012- Il Milan riparte da Ibra e Thiago Silva. Nonostante l’interessamento dei maggiori club d’Europa i due top players del Milan hanno dichiarato di voler restare in rossonero.  A una condizione però:  serve una squadra competitiva per tornare a vincere.

MANCANO I SOLDI– I vertici di via Turati sono andati su tutte le furie dopo le parole di Ibra il quale, pur confermando l’amore verso il Milan, ha detto che mancano i soldi per fare quattro – cinque acquisti importanti per la prossima stagione. La società ha prontamente smentito queste voci di crisi e lo stesso Raiola, procuratore dello svedese, ha cercato di mettere una pezza. Si tratta ovviamente di una sfogo eccessivo da parte del calciatore perché può causare un pesante danno di immagine alla società guidata da Berlusconi. Tuttavia anche Thiago Silva sembra sottoscrivere l’Ibra pensiero:  “Resto al Milan perché sono felice ed è casa mia, ma per vincere c’è bisogno di rinforzi di qualità”. Confermare i due grandi campioni è sicuramente un punto di partenza, ma non basta per creare una grande squadra dopo gli adii di tanti senatori. Se i soldi mancano Galliani dovrà ingegnarsi per sfruttare qualche occasione invitante, magari con un pizzico di fortuna, come avvenne l’anno scorso con l’acquisto di Nocerino.

L’INFORTUNIO– Alla “Gazzetta dello Sport” Thiago Silva ha anche parlato del suo infortunio che lo ha allontanato dal campo nella parte finale e decisiva della stagione: “E’ tutta colpa mia: forse senza quell’incidente non avremmo perso il titolo. Sono stato io a voler giocare per forza contro la Roma. Sapevo di non stare bene, però in quel momento sentivo che dovevo aiutare la squadra, così ho deciso di provare. Il mister non mi ha mai forzato, anzi. Fino alla fine mi ha ripetuto “Thiago fai quello che ti senti, io mi fido di te”.

SUPER PIPPO– Ancora incerto su cosa vorrà fare da grande Pippo Inzaghi, bomber amatissimo dai tifosi, che ieri è intervenuto al memorial “Nicolò Galli”. Dopo tanti gol pare che Pippo abbia deciso di appendere le scarpette al chiodo: “Sono qui a godermi Firenze che è una città bellissima, inoltre a Coverciano sta per partire il corso allenatori a cui parteciperò”. Oltre al futuro in panchina, Inzaghi sembra stuzzicato dall’ipotesi di tornare un giorno al Milan, cioè a casa sua, come dirigente: “Il Milan rimarrà per sempre la mia vita, nel mio cuore. Spero che faccia parte del mio futuro, non più da giocatore, ma magari da dirigente. Se non sarà subito, tornerò lì un domani, perché il Milan mi ha dato tutto”.

SCENARI FUTURI- Confermato l’acquisto del portiere Gabriel Vasconcellos Ferreira in arrivo dal Cruzeiro. Tra le altre piste che il Milan continua a seguire arrivano conferme per Witsel, centrocampista del Benfica. Il giocatore è però legato al club portoghese da una clausola rescissoria di 40 milioni di euro. Sul turco Sahin del Real Madrid si prospetta un derby di mercato con l’inter mentre potrebbe essere riscattato Aquilani dal Liverpool.

 

Antonio Scali

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *