Connect with us

Football

Le pagelle di Sassuolo-Atalanta: inarrestabile Berardi, Livaja nullo

Pubblicato

|

Domenico Berardi, espulso contro l'Inter.
German Denis, il migliore dei suoi

German Denis, il migliore dei suoi

Tre minuti. E’ il tempo con cui il Sassuolo segna le due reti che decidono la sfida casalinga contro l’Atalanta. Una vittoria fondamentale maturata al termine di una gara che nel primo tempo si è giocata all’insegna dell’equilibrio, con entrambe le squadre impegnate a studiarsi per tutti i primi 45 minuti e poco concludenti verso la porta.

Nella ripresa il Sassuolo ha iniziato col piglio giusto e trascinato da Berardi e Marrone è arrivato a chiudere la gara tra il 64′ ed il 67′. Primo gol che arriva grazie ad una punizione calciata in porta dal terribile Berardi, sulla respinta di Consigli Marrone è bravo a mettere in mezzo per il ben appostato Simone Zaza, al quarto centro personale. Tre minuti dopo è sempre il solito Berardi a partire in contropiede ed a scambiare con Marrone, il quale con un geniale scavetto mette il centravanti calabrese solo davanti a Consigli: naturale il settimo gol stagionale del classe 1994. Nel finale il giovane Antei viene espulso nelle file del Sassuolo, mentre l’Atalanta, che durante l’intero incontro ha avuto poche occasioni da gol, vede sfumare pure il gol del possibile 1-2 all’81’, quando Pegolo si supera con un miracolo vero e proprio sull’incredulo Denis, l’ultimo a mollare per i nerazzurri, che lontano dall’Atleti Azzurri d’Italia hanno più di un problema: sesta sconfitta esterna su 7 gare giocate fuori casa, numeri che fanno da contraltare ai  13 su 18 conquistati tra le mura amiche.

Per il Sassuolo, invece, si tratta della terza vittoria stagionale, la seconda casalinga. Ora c’è una striscia di 7 punti nelle ultime 3 gare, numeri che testimoniano la trasformazione di una squadra che aveva iniziato in maniera orribile la stagione. Giocando così attenti in difesa e con un Berardi in queste condizioni, la salvezza è assolutamente a portata di mano. Andiamo a vedere chi si è contraddistinto positivamente e chi negativamente durante la gara.

TOP

Domenico Berardi: e chi lo ferma più? Settimo gol stagionale per l’attaccante calabrese e terza partita consecutiva a segno. Giocatore assolutamente decisivo per questa squadra, propizia anche il primo gol con una punizione insidiosa che Consigli non riesce a trattenere, certificando il suo marchio di fabbrica nella terza vittoria stagionale per i nero-verdi. Sempre più star della squadra, Di Francesco si aggrappa a lui per centrare una leggendaria salvezza. VOTO 7,5

Luca Marrone: come Berardi anche lui è di proprietà della Juve e come il suo compagno di squadra è decisivo per la vittoria odierna. Sempre presente nelle azioni d’attacco dei suoi e diligentissimo nel lavoro in mediana, il centrocampista torinese aggiunge due assist alla sua grande prestazione. Sul primo gol è bravo ad arrivare per primo sul pallone respinto da Consigli riuscendo a servire in mezzo all’area il ben appostato Zaza, mentre sul secondo è oro colato il suo assist con “scavetto” verso Berardi, il quale aveva iniziato un azione di contropiede condotta alla grande da entrambi. Elemento sempre più indispensabile per Di Francesco, se gioca così ci sono buone possibilità di rivederlo con la maglia della Vecchia Signora l’anno prossimo VOTO 7,5

German Denis: può sembrare strano, per una squadra che perde non riuscendo a segnare reti, inserire come migliore un attaccante, ma l’argentino è l’ultimo a mollare e dimostra ancora una volta grande impegno e grinta. Assolutamente isolato a causa anche della giornataccia del compagno di reparto Livaja, il buon German si impegna su ogni contrasto ed all’81’ segnerebbe anche un gol, se solo Pegolo non compiesse un incredibile miracolo parando con la gamba un tiro a botta sicuro dell’ex Napoli. La sua grinta ed il suo attaccamento alla maglia devono essere d’esempio per la truppa di Colantuono, che può e deve fare di più. VOTO 6

FLOP

Marko Livaja: dov’è il match-winner che ha risolto la gara col Bologna? Il croato gioca in modo indisponente ed egoista, cercando spesso e sempre senza gloria l’azione personale. La squadra ne risente ed in particolare Denis, che non riuscendo a collaborare col proprio compagno rimane isolato tra i difensori nero-verdi. Sostituito al 68′ da Marilungo, l’ex Inter deve rimediare subito a questa brutta giornata. VOTO 5

Luca Cigarini: è ormai lampante: se non gira lui non gira l’Atalanta. Il talentuoso centrocampista ex Napoli non è nelle sue giornate migliori e spesso sbaglia anche palloni semplici, risultando davvero poco brillante ed ispirato. Rimandato per questa gara, ma siamo sicuri che l’esperto centrocampista seriano si riscatterà presto. VOTO 5

Ezequiel Schelotto: altra prova opaca per l’argentino naturalizzato italiano, che si impegna ma pecca di imprecisione sbagliando diversi passaggi e lanci per gli attaccanti. A fine primo tempo viene sostituito da Marcello Gazzola, dimostrando ancora una volta come Di Francesco si aspetti molto di più da uno come lui. Neanche la gara con la sua ex squadra, dove aveva fatto vedere grandi cose, è riuscito a smuoverlo, di questo passo rischia di perdere la titolarità. VOTO 5,5

Sassuolo (3-4-3): Pegolo 6,5; Bianco 6,5, Acerbi 6,5, Antei 5,5; Longhi 6, Magnanelli 6,5, Marrone 7,5, Schelotto 5,5 (46′ Gazzola 6); Floro Flores 6 (70′ Kurtic 6), Zaza 7, Berardi 7,5 (82′ Marzorati SV)

Allenatore: Eusebio Di Francesco 7,5

Atalanta (4-3-1-2): Consigli 6; Bellini SV (6′ Scaloni 6), Stendardo (28′ Cazzola 6), Canini 5,5, Brivio 5,5; Migliaccio 6, Carmona 6, Cigarini 5; Moralez 6; Livaja 5 (68′ Marilungo 5), Denis 6.

Allenatore: Stefano Colantuono 5,5

Enrico Cunego

SPORTS AGENCY SC24

Pubblicità

Facebook

BETCAFE24

Trending