Connect with us

Calcio Estero

Ligue 1, ciclone Marsiglia ad Ajaccio: termina 1-3

Pubblicato

|

Anche oggi deludente Ajaccio

Anche oggi deludente Ajaccio

Troppo Marsiglia per l’Ajaccio. I corsi cedono 3-1 ad una formazione apparsa nettamente superiore rispetto ai bianco-rossi. La squadra di Baup ha dalla sua parte fantastici singoli come Gignac, Thauvin e Payet, che segnano i 3 decisivi gol per l’OM e si rivelano un pericolo micidiale e continuo per la retroguardia avversaria. Dopo il momentaneo pareggio dell’Ajaccio Gignac ha chiuso la gara con uno splendido euro.gol decretando una superiorità evidente giustificata dalla rete ad inizio secondo tempo da parte di un meraviglioso Thauvin. Con questa gara l’OM conquista il secondo successo consecutivo, scavalcando momentaneamente al quarto posto il Nantes e preparandosi con più ottimismo all’ormai inutile trasferta di Champions a Londra contro l’Arsenal. Dall’altra parte, l’Ajaccio dell’ormai ex allenatore Fabrizio Ravanelli continua a languire nei bassifondi della classifica, restando penultimo con 8 punti e mostrandosi davvero inferiore rispetto agli avversari.

PRIMO TEMPO- Baup deve rinunciare ad Andrè Ayew, che ha un problema al ginocchio destro, e quindi schiera un tridente a supporto dell’unica punta Gignac composto da Valbuena, Payet e Thauvin. In difesa Mendy vince il ballottaggio con Morel sulla fascia sinistra, mentre sulla destra agisce Abdallah. Per l’Ajaccio Bracconi schiera un 4-4-2 con l’ex Roma e Bari Tallo a fare da partner d’attacco ad Eduardo, mentre si affida a Cavalli per provare a scardinare la difesa dell’OM. In difesa la coppia centrale è composta dal venezuelano Perozo e da Dielna. Ad inizio gara le due squadre si equivalgono, con l’Ajaccio che sembra tenere a bada gli attacchi avversari. Ma al 20′ ecco che Gignac, con un fulmineo tiro a giro, centra il palo alla sinistra di Ochoa, svegliando una gara fino a quel momento abbastanza soporifera. Il Marsiglia aumenta la propria aggressività offensiva ed al 27′ passa con Gignac, che raccoglia dalla destra un cross di Thauvin, scaricando un tiro che si infila tra le gambe di Perozo e Dielna, non lasciando scampo all’incolpevole Ochoa. L’Ajaccio non ci sta e 4 minuti trova l’immediato pareggio: calcio di punizione dalla trequarti di Cavalli che trova libero il sudamericano Perozo, il quale insacca facilmente. Il replay, però, segnala che Perozo era partito in posizione di fuorigioco, il gol quindi era da annullare. Poco male, perchè 8 minuti dopo Pierre Andrè Gignac si inventa uno dei gol più belli di questo campionato: traversone dalla destra di Abdallah che l’attaccante ex Tolosa controlla con il petto e nello stesso tempo riesce a calciare con una girata fantascientifica si infila nell’angolino alla sinistra del povero Ochoa. Un gol stratosferico che fa accusare il colpo all’Ajaccio, che non riesce più ad impensierire in avanti gli avversari, consegnando di fatto la gara agli uomini di Baup. Finisce così la prima metà di gara.

SECONDO TEMPO- La ripresa parte con un Ajaccio nervoso che rimedia 2 ammonizioni (Pierazzi e Perozo), mentre dall’altra parte il Marsiglia si dimostra subito voglioso di chiudere la pratica con un sinistro da fuori area di Cheyrou che sibila vicinissimo al palo alla destra di Ochoa. La pratica viene chiusa al 58′ da Thauvin, il quale si inserisce in area sull’invitante pallone di Payet, ritrovandosi a tu per tu con Ochoa e battendolo facilmente di piatto destro. Cala così il sipario sulla gara nonostante Bracconi provi a cambiare la gara con gli ingressi in campo di Camara e del promettente classe ’94 Gonçalves, ma è tutto inutile. Il Marsiglia gestisce al meglio la gara non concedendo nulla all’avversario e giostrando tranquillamente il pallone lontano dalla propria area di rigore. Solo nel finale, con l’ingresso in campo del volenteroso Jordan Ayew, il Marsiglia rischia di arrivare al quarto gol. Finisce così 3-1 per un Marsiglia che nel prossimo week-end affronterà il Lione al Velodrome, mentre l’Ajaccio dovrà vedersela col Bordeaux prima del derby corso contro il Bastia.

IL MIGLIORE

Pierre Andrè Gignac: 6 gol in campionato con quello di oggi per l’ex Tolosa, che firma un erogol e sveglia la squadra con un palo improvviso. Anima di questa squadra e sempre più leader, se continua a giocare così l’OM può tornare a dire la sua in chiave preliminare di Champions.

IL PEGGIORE

Eduardo: continua a deludere questo attaccante brasiliano anche oggi rimasto a secco. Dopo una buona scorsa stagione il verde-oro finora ha deluso le aspettative, apparendo anche oggi avulso al gioco dei propri compagni, per altro poco lucidi in fase di impostazione

TABELLINO

AJACCIO (4-4-2): Ochoa; Hengbart, Perozo, Dielna, Crescenzi; Andrè, Pierazzi, Cavalli (63′ Gonçalves) , Lasne; Eduardo (72′ Arrache), Tallo (59′ Camara). Allenatore: Christian Bracconi

OLYMPIQUE MARSIGLIA (4-2-3-1): Mandanda; Abdallah, N’Koulou, Diawara, Mendy; Romao, Cheyroy; Thauvin (85′ Khalifa), Valbuena (72′ Lemina), Payet; Gignac (78′ Jordan Ayew). Allenatore: Elie Baup

Marcatori: al 27′ Payet (OM), 31′ Perozo (AJ), 39′ Gignac (OM), 58′ Thauvin (OM)

Ammonizioni: 17′ Thauvin (OM) e Cavalli (AJ), 49′ Pierazzi (AJ), 53′ Perozo (AJ), 83′ Camara

Arbitro: Lionel Jaffredo di Vannes

Enrico Cunego

SPORTS AGENCY SC24

Pubblicità

Facebook

BETCAFE24

Trending