Connect with us

Musica

Marco Mengoni annuncia un cambiamento: arriverà davvero la novità?

Pubblicato

|

Marco Mengoni

Marco Mengoni

Non è mai facile trovare un proprio spazio nel mondo della musica, né tanto meno intraprendere un percorso che in breve tempo riesca a portare ad una certa notorietà, ma è anche chiaro che le etichette discografiche, ormai, sanno come poter realizzare progetti in grado di raggiungere immediatamente ottimi risultati. Con il talent show tutto ciò è reso ancora più facile: i produttori sanno che l’artista in questione ha già una propria fama, che piace ai molti, che la sua voce è interessante e che, dunque, è più intuibile il genere su cui puntare per un album. Uno fra i tanti personaggi che superbamente si sono insediati nelle classifiche musicali italiane è Marco Mengoni.

DA X FACTOR ALL’ARISTON – Certo, non sarebbe corretto definire il giovane cantautore come uno dei tanti “sottoprodotti commerciali” con cui le case discografiche si sono arricchite, ma sicuramente molti dei punti da me sopra citati corrispondono anche a lui. Ha raggiunto una notevole notorietà con la vittoria di X Factor 2009, ottenendo il disco di platino con l’EP Dove si vola. Pochi mesi dopo ha partecipato a Sanremo 2010 con Credimi Ancora, arrivando terzo e ottenendo con il singolo il disco di platino. Continuano le gioie per Mengoni tra premi e riconoscimenti, anche di livello internazionale. Dopo un biennio ricco di successi, si intravede nel cantante la voglia di un cambiamento. Cercare di produrre una musica di maggior “qualità” e comunque di non deludere le grandi aspettative dei produttori, ovviamente sul fattore vendite: ecco l’album Solo 2.0. Il disco, che ritengo il migliore, sembra esser un misto tra il Mengoni virtuoso ed “esagerato”, quasi da esser considerato vanesio, e il cantautore che tende ad allontanarsi dalle melodie pop più scontate. Ovviamente (purtroppo), l’album non ha raggiunto la fama del precedente ed il giovane cantante di Ronciglione sembra aver perso anche parte della sua recente fama, “nascondendosi” per un breve periodo dai riflettori della scena musicale italiana e delle celebrità.

IL TRIONFO A SANREMO –  Pertanto, quale sarà l’ennesima novità che mostrerà un cambiamento di Marco Mengoni? La risposta è nessuna. Non vi è alcuna novità nel tornare ad essere del tutto banale, nel raggiungere il successo con canzoni pop anonime, con la solita ballad in “salsa Modà” che vince il festival e scala le vette delle classifiche, con un titolo dell’album pseudo-originale (se l’inserimento di un hashtag è considerabile tale). Eppure, tralasciando i singoli e la canzone scritta da Gianna Nannini, nell’album vi sono canzoni interessanti e di “maggiore qualità”, scritte da cantautori del calibro  dell’imparagonabile Ivano Fossati e di Cesare Cremonini, oltre ad aver, finalmente, lasciato da parte gli eccentrici e oltremodo esagerati virtuosismi.  Nonostante ciò, sono canzoni come L’Essenziale, Non passerai e Pronto a correre ad aver dato all’album una notorietà tale da ottenere il disco di platino.

Pertanto, Marco Mengoni resta uno dei cantanti più amati dalle teenagers italiane che da un pubblico più maturo, che non si ferma alle melodie banali del pop più commerciale e melodico.

Quando sembrava che l’ennesima voce italiana fosse stata plagiata dalle esigenti richieste, prettamente economiche, dei produttori, ecco che torna la speranza. Rientrato da Los Angeles, il cantante italiano annuncia di voler stravolgere tutto, di osare di più, nonostante abbia anche detto di continuare sullo stile che, in parte, aveva già introdotto nel suo ultimo album.

Con la mera speranza del sottoscritto di ascoltare la particolare voce di un Mengoni più indipendente, che non si lasci abbindolare dalla luce dei riflettori e dai produttori discografici, è già importante rilevare la sua voglia di cambiamento che lascia trepidanti tutti gli interessati del giovane cantante di Ronciglione.

Alessandro Triolo

SPORTS AGENCY SC24

Pubblicità

Facebook

BETCAFE24

Trending