Connect with us

Non Solo Sport

Datagate, Letta: la privacy degli italiani non è stata violata

Pubblicato

|

National Security Agency

National Security Agency

ROMA – Prosegue il caso DATAGATE frutto delle rivelazioni dell’ex tecnico della National Security Agency degli Stati Uniti, Edward Snowden. Secondo le informazioni fornite dallo stesso Snowden, attualmente rifugiato in Russia, l’agenzia di sicurezza interna americana avrebbe dato il via ad una raccolta dati su vasta scala che ha altresì avuto come target la sorveglianza delle principali comunicazioni istituzionali di numerosi paesi. Le suddette attività investigative avrebbero avuto luogo in ottemperanza a due imponenti operazioni chiamate Prism e Tempora. Sempre facendo riferimento alle dichiarazioni dell’informatico ex NSA, risulta che i servizi di spionaggio americani abbiano tenuto sotto controllo almeno 35 leader tra i quali anche il Cancelliere tedesco Angela Merkel.

LETTA A MONTECITORIO – Prosegue anche l’epopea del Presidente del Consiglio Enrico Letta il quale, nonostante sia letteralmente travolto da spiacevoli vicissitudini sia a destra che a sinistra, continua ad andare avanti, a tirar dritto, a sopravvivere. Nonostante in questi giorni la principale questione politica resti il c.d. “Caso Ligresti” nel quale è coinvolto il Ministro Cancellieri, Letta ritiene opportuno riferire a Montecitorio i risultati degli “incontri americani”. “Non risulta – afferma il Premier – che la privacy dei cittadini italiani sia stata violata da attività condotte da organismi informativi nazionali o da questi svolte in collaborazione con servizi di intelligence stranieri. Fin da Luglio di quest’anno le autorità statunitensi ci hanno assicurato che gli organismi informativi di quel Paese non hanno rivolto in via sistematica i propri strumenti di ricerca contro il nostro Paese”. I lettori perdoneranno la curiosità di questo cronista, ma alla luce di queste affermazioni, chi scrive si pone due domande:

  1. “Non risulta” è effettivamente equiparabile o sostituibile a “Non c’è stata”?
  2. Se la privacy dei cittadini italiani “Non risulta” violata, in che modo un’attenzione rivolta non “in via sistematica” può non violare la privacy?

Va da se’ che entrambe le domande condividono la stessa risposta. Letta continua affermando che i servizi italiani non hanno mai partecipato nè hanno mai ricevuto richiesta di partecipare ai programmi Prism e Tempora. Hanno invece ricevuto una proposta di collaborazione finalizzata alla condivisione di dati non riguardanti cittadini italiani e la proposta è stata declinata“.

PRESIDENZA USA –  Secondo quanto riferito dal Sottosegretario di Stato Usa, John Kerry, Obama vuole lo stop alla sorveglianza degli alleati”.  “E’ necessaria – prosegue Letta nel suo intervento – la massima chiarezza nei rapporti con l’intelligence Usa e la piena fiducia e sincera cooperazione tra i servizi dei Paesi alleati. Occorre mantenere salda la bussola dei rapporti transatlantici”.

Valerio Bucceri

 

SPORTS AGENCY SC24

Pubblicità

Facebook

BETCAFE24

Trending