Connect with us

Non Solo Sport

Verso le Elezioni: Matteo Renzi attacca Letta e la Cancellieri

Pubblicato

|

Matteo Renzi
Matteo Renzi intervistato da Santoro

Matteo Renzi intervistato da Santoro

Matteo Renzi, intervistato ieri sera a Servizio Pubblico da Michele Santoro  lancia una bordata tutta politica alla Cancellieri, a Epifani e anche a Letta. Trovando inaccettabile la conclusione della vicenda. Come segretario del Pd non l’avrebbe difesa e che il ministro della Giustizia, avrebbe fatto un servizio al paese se si fosse dimessa. “..In Italia le dimissioni le chiedono tutti e non le dà nessuno. Letta se voleva gliele chiedeva e non le ha chieste “. Secondo Matteo Renzi, è stato un errore usare una scorciatoia anzichè un canale istituzionale.

CONTRO IL SISTEMA ITALIA – Il sindaco di Firenze e aspirante candidato premier approfitta del caso per puntare il dito contro il sistema Italia. La sudditanza della politica, nei confronti del potere economico, agli interessi delle famiglie e degli amici degli amici. La situazione di Matteo Renzi è delicata perché è evidente che avrebbe preferito le primarie da premier e non da segretario di un partito in difficoltà. Un compito arduo, perché se spara sul governo entra in conflitto lacerante con metà partito e con Letta.

LE ELEZIONI NON SONO UNA CATASTROFE – Sarebbe una catastrofe andare al voto anticipato?, gli gira la domanda Santoro. ” Non sarebbe una catastrofe – risponde Matteo Renzi – ma non credo che avverrà e non sarebbe il caso. Il 2014 è anno in cui si scopre ce c’è un bluff, dopo che hanno parlato delle riforme. Un partito che ha gli attributi in questo momento incalza la maggioranza per vedere se le cose si fanno. Quindi, nel palazzo il Pd deve essere un pungolo e fuori deve riscoprire la gente “.

BLOCCO DELLE ISCRIZIONI –  Affondi che non risparmiano il Cavaliere, ritenuto responsabile del fallimento Alitalia. Per Renzi il Cavaliere tenta di addebitare ad altri i propri errori di immobilità, poichè non è vero che i sindacati lo abbiano ostacolato. Negli stessi minuti, il suo partito decide di bloccare le iscrizioni per gli scandali scoppiati nei congressi provinciali. Dopo un’estenuante trattativa, il congresso di Rovigo viene annullato, le federazioni di Asti e Lecce verranno ascoltate lunedì per sapere se sono in grado di fornire una lista affidabile di iscritti. A Frosinone si devono rifare 36 congressi di circolo e vengono annullati alcuni congressi nella provincia di Cosenza.

Giuseppe Folchini

SPORTS AGENCY SC24

Pubblicità

Facebook

BETCAFE24

Trending