Connect with us

Football

Galliani indagato: Berlusconi smentisce

Pubblicato

|

Adriano Galliani e il risveglio col Boa

Adriano Galliani, dirigente rossonero

Adriano Galliani, dirigente rossonero

Cosi come nei casi di omicidio il primo ad essere sospettato e incriminato è sempre il maggiordomo, anche per Galliani è arrivato il momento di procurarsi un alibi.

LA VICENDA– Dopo la deludente partita di campionato dove, oltre a perdere per 2 a 0, il Milan si è completamente dimenticato di scendere in campo contro la Fiorentina, la parte del capro espiatorio è toccata all’ AD rossonero.
La goccia che ha scatenato la tempesta mediatica è stata lanciata dall’ANSA (una delle più autorevoli società di informazioni). Secondo quanto riportato, Barbara Berlusconi si sarebbe diretta subito negli spogliatoi a fine gara. Immaginiamo già il terrore reverenziale e la paura che la 29enne esponente della famiglia presidenziale abbia instillato negli animi dei giocatori. A parte l’ironia, sembra che la Barbara rossonera abbia chiesto un “deciso cambio di rotta” nella filosofia del Milan, facendo notare che, tralasciando la situazione preparatori e osservatori (da sempre punto debole in quel di Milanello), i soldi sono stati spesi “male. Insomma sembra che l’acquisto di Matri, fortemente voluto da Allegri (e probabilmente assecondato da Galliani proprio per dare un cenno di autorevolezza in più all’allenatore livornese), la vendita di alcuni giocatori (Ibra e Thiago) per risanare un bilancio di cui forse si fa proprio colpa all’AD, e l’incapacità di operare in quei reparti bisognosi proprio di rinforzo, tutti questi errori a quanto pare non sono andati giù alla proprietà.

L’ IMMANCABILE MARIO– Ma Balotelli? Come può non centrare qualcosa l’attaccante rossonero? Infatti anche l’acquisto di SuperMario, secondo alcuni addetti ai lavori, è stato fatto digerire di malavoglia a Berlusconi, che lo aveva definito una “mela marcia”.
Subito arrivate le smentite dallo stesso Galliani: “Mario è incedibilissimo, senza di lui non saremmo arrivati in Champions“.

Barbara Berlusconi

Barbara Berlusconi silura Galliani

LA SMENTITA– Come ormai da copione berlusconiano, non c’è stato bisogno di aspettare molto per l’arrivo delle smentite da parte di Barbara: “Non ho mai chiesto il cambiamento dell’ad Adriano Galliani. Nei numerosi colloqui telefonici con mio padre dopo la sconfitta con la Fiorentina ho chiesto semplicemente un cambio di filosofia aziendale per il Milan”.

LE DICHIARAZIONI DI GALLIANI– Lo stesso Galliani ai microfoni si è affrettato subito a congelare la proprio posizione: “sì, ho sentito il presidente Berlusconi, ma non ho alcun commento da fare. L’amministratore delegato è responsabile di tutto, anche del mercato. Ci sono stati altri momenti difficili, in 28 anni ci sono momenti buoni e altri meno buoni”. Maliziosamente la si potrebbe interpretare come “in 28 anni ho portato il Milan sul tetto d’Europa e del Mondo, e non una sola volta, anche se ultimamente ho commesso alcuni errori”.
Un Galliani apparso tranquillo, come ha voluto egli stesso precisare all’uscita della Lega di Serie A “Sono sereno, non è successo niente. Nessun commento forever”. Evidentemente la chiamata arrivata dal “capo” Silvio ieri sera ha rassicurato l’AD, con un rimando, però, al CDA societario che si terra nel mese di Aprile.

ALLENATORE SI O NO–  A chi, poi, ha messo sul tavolo il problema allenatore (la conferma di Allegri è un altro errore imputato a Galliani, che fece di tutto l’anno scorso,e soprattutto a fine stagione, per mantenere il tecnico), risponde:” La panchina di Allegri dipende dai risultati? Non è una settimana decisiva. Tutti gli allenatori dipendono dai risultati, se uno perde all’infinito non c’è allenatore che tenga”.
Insomma il tecnico è avvisato: se il Milan non invertirà la rotta, il primo a saltare sarà lui.

CONCLUSIONI– In questo puzzle lungi dall’essere completato, sembra quasi che la società e Galliani abbiamo barato, forzando alcuni pezzi ad andare li dove non dovevano e non potevano essere inseriti.
La partita col Barcellona di mercoledi sera è, forse, l’ultimo appiglio a cui Allegri povrà aggrapparsi per non cadere in mare. I salvagenti a bordo sono finiti, e lo stesso Galliani ,che ha concesso al livornese non poche chance,  sembra essere sul patibolo, in bilico e pronto ad essere gettato  in pasto agli squali.

Luca Porfido

SPORTS AGENCY SC24

Pubblicità

Facebook

BETCAFE24

Trending