Orazio Rotunno

Inter-Isla: patto d’onore. Ma è secco il no ad uno scambio con Coutinho

Inter-Isla: patto d’onore. Ma è secco il no ad uno scambio con Coutinho
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Pozzo valuta possibili contropartite, il brasiliano però è incedibile. Possibile l'inserimento di qualche giovane primavera.

MILANO, 25 MAGGIO – Entrambi si vogliono, si cercano, ma il fidanzato deve sempre chiedere al padre la mano della sposa. E il futuro genero in questione, il Presidente Pozzo, non è tra i più facili con cui trattare. I suoi gioielli valgono oro, sa farseli pagare tanto e non ha urgenza di vendere. Condizioni ideali con le quali trattare, un pò meno per i tanti innamorati dei talenti friulani.

ISLA “BONITA” PER L’INTER, CARA PER L’UDINESE – Un corteggiamento che parte da lontano, da sempre corrisposto dal giocatore che recentemente ad una tv cilena ha affermato di volere solo i neroazzurri, i primi a volerlo cn insistenza e con cui ha confessato di avere avuto già numerosi contatti. E’ l’erede designato di Maicon, ma la partenza non più scontata del brasiliano non tappa le ali all’arrivo del jolly bianconero. Duttile tatticamente, saprebbe adattarsi alla perfezione come interno di centrocampo nel 4-3-3 di Stramaccioni, ruolo ricoperto nei primi mesi di questa stagione a seguito dell’esplosione di Basta sulla corsia di destra. le sue condizioni di salute sono ancora deficitarie dopo la rottura dei legamenti del ginocchio, ma entro settembre dovrebbe essere pienamente recuperato. E’giovane, 23 anni appena, ma già con una buona esperienza nel nostro campionato e a livello continentale, grazie agli ottimi Mondiali e alla Coppa America disputati col Cile. Pozzo in questi giorni è parso stizzito dai continui ammiccamenti fra le due parti: ” Continuano a fare i conti senza l’oste “, ha affermato il Patron dell’Udinese. Ed è un oste caro. In cima alle preferenze c’è Coutinho, la società friulana da sempre preferisce contropartite tecniche a solo cash, ma dai dirigenti dell’Inter è giunto un deciso no: la parentesi spagnola del brasiliano ha confermato le sue grandi potenzialità e Stramaccioni crede in lui. Più facile quindi il coinvolgimento nella trattativa dei numerosi giovani interessanti della primavera, da Bessa a Duncan, entrambi classe 93′ e di grandi prospettive. L’affare si farà, con tutta probabilità: ma sempre alle condizioni del caro mercato friulano e del ” suocero ” cattivo.

PAZZO MERCATO, DA ISLA A PAULINHO: QUANTI NOMI – Mauricio Isla è solo l’ultimo dei nomi caldi del mercato interista. E’la società più attiva, concretamente già all’opera dopo il riscatto di Guarin e l’acquisto di Palacio, oggi a Milano per le visite mediche. I dirigenti sono volati sino in Brasile per trattare il regista del Corinthias Paulinho, valutato 10 mln di euro, decisivo con una rete nel finale nei quarti libertadores proprio sotto gli uomini di Moratti. , un giocatore come Isla serve come il pane per la rifondazione tecnico-tattica neroazzurra e difficilmente se lo laSembrano tornati i bei vecchi tempi del Presidente-pigliatuttosceranno scappare vista l’intraprendenza mostrata in questi primi giorni di calciomercato.

Orazio Rotunno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *