Connect with us

Calcio Estero

Liga BBVA, il derby di Barcellona anticipa la dodicesima giornata

Pubblicato

|

Messi-Neymar, una coppia sempre più affiatata
Neymar vuole incantare ancora

Neymar vuole incantare ancora

Non c’è un attimo di tregua per i protagonisti della Liga. Non fa in tempo a concludersi l’undicesima giornata che immediatamente si apre la dodicesima con l’anticipo tra Barcellona ed Espanyol. Il classico derby tra “ricchi” e “poveri” della città catalana, paragonabile, con le dovute proporzioni al derby torinese tra Torino e Juventus. Il Barça vuole continuare a volare alto in classifica e nonostante l’incombente impegno di Champions in cui fronteggerà il Milan, schiera l’artiglieria pesante. Dall’altra parte delle barricate i cugini bianco-blu, reduci dall’opaco 0-0 interno con il Malaga, sognano di fare uno sgambetto che avrebbe del clamoroso. L’impresa appare ardua ma non dimentichiamoci che la squadra di Aguirre è stata l’unica squadra ad infliggere una sconfitta ad un Atletico Madrid prima e dopo sempre vincente, risucirà il bis col Barcellona? Vediamo come si preparano le due squadre alla vigilia di questo derby.

QUI BARCELLONA- Barcellona che come anticipato affronterà la “stra-cittadina” con un il miglior reparto offensivo possibile. Dietro al trio delle meraviglie Sanchez, Messi e Neymar agiranno i soliti Xavi, Busquets ed Iniesta, mentre in difesa il tecnico rosarino è costretto a fare un cambio, dato che Adriano non potrà agire sulla sinistra a causa di problemi muscolari manifestati nella garà di martedì contro il Celta Vigo. Al suo posto il canterano Montoya, che già al “Balaidos” ne aveva preso il posto. Gli altri 3 componenti della muraglia difensiva sono Dani Alves, Puyol e Piquè, che rientra nell’undici titolare dopo la giornata di riposo concessagli da Martino nel turno infrasettimanale. Molta aspettativa su Lionel Messi, che non segna da 4 partite e che intende interrompere questo strano digiuno con una grande prestazione contro i cugini. Il Tata” Martino, che in conferenza stampa ha rifiutato ogni comparazione col Barcellona del 2009 (quello dei 6 titoli) affermando che quella squadra rimane la migliore di sempre, si aspetta un’altra convincente prestazione dei suoi, in modo da mandare un messaggio chiaro al Milan, prossimo avversario di Champions al Camp Nou.

BARCELLONA (4-3-3) Victor Valdes; Daniel Alves, Piquè, Puyol, Montoya; Xavi, Busquets, Iniesta; Sanchez, Messi, Neymar

QUI ESPANYOL- Vigilia tormenta per la compagine bianco-blu, che affronterà il Barcellona priva di 4 giocatori apparentemente fondamentali per questa squadra: Mattioni, Pizzi, Simao e Stuani. Tutti e 4 i giocatori non sono stati convocati per motivi puramente tecnici dal coach Aguirre, che in conferenza stampa ha tuonato ” chi pensa che partiamo già sconfitti non mi serve”. Scelte veramente sorprendenti quelle del messicano, che martedì aveva schierato 3 dei 4 giocatori citati dal primo minuto. Evidentemente il tecnico vuole dare una scossa alla squadra, che sta vivendo un momento altalenante ma che, ricordiamolo, due sabati fa era riuscita a battere la corazzata Atletico Madrid. Con la squadra completamente rivoluzionata Aguirre si prepara ad affrontare il Barcellona con un 4-2-3-1. In porta Casilla, difesa con Rodriguez, che prende il posto dell’ex meteora milanista Mattioni, e Fuentes sulle fasce, mentre al centro agiranno il messicano Moreno ed il brasiliano Sidnei. Davanti alla difesa i due mediani saranno David Lopez e Victor Sanchez, mentre Sergio Garcia, Manuel Lanzarote e Thievy Bifouma agiranno per innescare l’unica punta, ovvero il colombiano Jonathan Copete.

ESPANYOL (4-2-3-1) Casilla; Rodriguez, Sidnei, Moreno, Fuentes; David Lopez, Victor Sanchez; Sergio Garcia, Lanzarote, Thievy; Copete

L’arbitro dell’incontro sarà un madrileno, ovvero il signor Velasco Carballo, fischietto internazionale.

Riuscirà l’Espanyol ad infastidire il Barcellona od i cugini blau-grana avranno vita facile?

Enrico Cunego

SPORTS AGENCY SC24

Pubblicità

Facebook

BETCAFE24

Trending