Connect with us

Focus

“Clamoroso” Antonio Conte: “Non vogliono farci vincere!”

Pubblicato

|

Antonio Conte, prepara la Juventus del futuroe a meno di Vidal

Che barba che noia, che noia che barba! Come la Mondaini stesa sul letto accanto al marito assorto nella lettura della Gazzetta dello Sport, anche noi sbuffiamo spazientiti di fronte all’ennesima replica dello stesso barbosissimo spettacolo: “Le voci che mi vogliono ai ferri corti con l’ad Marotta e la società fanno parte di quella destabilizzazione che si vuol fare per non farci vincere anche quest’anno” – tuona Antonio Conte alla vigilia della partita casalinga contro il Genoa – “Si vuole far vedere che ci sono problemi tra noi e si sta cercando di sfasciare tutto. In due anni” – incalza il tecnico bianconero esibendo le medaglie – “è stata creata una macchina da guerra che ha vinto quattro trofei e ha abbattuto i costi. Ieri si è parlato di conti (all’assemblea degli azionisti presieduta da Andrea Agnelli, ndr), ma quello che conta sono i risultati sportivi e nei due anni della mia gestione abbiamo vinto quasi tutto. Fare di più, secondo me, era impossibile“.

LE DISAVVENTURE DI ANTONIO MAGNO – Il condottiero di mille vittoriose battaglie si sente circondato, i nemici sono ovunque e la gratitudine non è di questo mondo: il solito Antonio Conte, insomma, lo stesso pacato “uomo di sport” che lo scorso gennaio scatenò un autentico putiferio mediatico pochi minuti dopo il fischio finale di Juventus-Genoa 1-1 (toh, ma guarda, sarà un caso?) prendendosela con i poteri occulti che tramano contro l’indifesa creatura bianconera e con chiunque gli capitasse a tiro: “Io questa sera vado a casa con mille pensieri, brutti pensieri” – disse allora il tecnico salentino con gli occhi iniettati di sangue – “che sia chiara questa cosa”. Che barba che noia, che noia che barba.

Andrea Agnelli

Andrea Agnelli: “Bisogna essere meno ingenui e più cinici, perché a livello europeo alcune ingenuità si pagano caro, come a Madrid”

LA COLPA? E’ SEMPRE DEGLI “ALTRI” – Ma chi destabilizza? Chi sta cercando di sfasciare tutto? Chi è questo Grande Fratello che cospira nell’ombra per soffiare alla Juve uno scudetto che altrimenti vincerebbe in scioltezza? Certo, prima bisognerebbe ritrovare “fame, verve ed entusiasmo” – ammette Conte – “e tornare ad assalire gli avversari in campo e sugli spalti, oggi allo Juventus Stadium si è tornati un po’ a teatro” (e chi vuole intendere intenda, come direbbe lui); poi – aggiunge il mister con grande obiettività – sarebbe urgente migliorare il gioco, perché “giocando male puoi avere fortuna in 2-3 partite, ma le vittorie finali, quelle a cui puntiamo noi, non possono prescindere dal bel gioco, e l’armonia di un’orchestra. Questo è il nostro motto e continuerà ad esserlo. Non può essere altrimenti”; infine, già, perché non è tutto qui, occorrerebbe recuperare giocatori importanti come Vucinic, Lichtsteiner e Quagliarella (“Mi auguro che tornino a breve”) e augurarsi che il momento-no di altri (“se c’è la necessità e mi viene chiesto allora si può fare turnover anche in porta”) non sia destinato ad allungarsi ulteriormente. Sciocchezzuole, quindi, cosa volete che sia! Sistemate le piccole magagne elencate fin qui, la vittoria non potrebbe sfuggire all’armata bianconera e al suo focoso condottiero senza l’intervento di chi destabilizza e cospira: che sia chiara questa cosa. Ma chi è, allora, il malefico burattinaio cui allude il tecnico della Juve? Questo, purtroppo, non è altrettanto chiaro.

E chi è il losco individuo che “non ha permesso” all’Inter di tornare a casa coi tre punti dalla trasferta di Torino, come ha sottolineato un Marco Branca tirato a lutto con altrettanto savoir faire nell’immediato dopo-partita dell’Olimpico? Sarà mica lo stesso? E’ forse uno a cui piace tramare nell’ombra, sì, ma garantendo la par condicio? O forse, come è più probabile, la par condicio è rispettata solo da tecnici e dirigenti del football italiota, e solo quando si tratta di fare brutte figure? Che barba che noia, che noia che barba!

Enrico Steidler

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending