Antonio Foccillo
No Comments

Premier League, 9a giornata: presentazione e probabili formazioni

Chelsea- Manchester City sarà il match clou della giornata. Il Tottenham ospiterà l'Hull City sperando in un passo falso proprio delle due, mentre l'Arsenal cercherà l'allungo in casa del Crystal Palace.

Premier League, 9a giornata: presentazione e probabili formazioni
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Manuel Pellegrini, tecnico del Manchester City

Manuel Pellegrini, tecnico del Manchester City

Dopo la tre giorni europea, la Premier League riapre i battenti per la nona giornata di campionato. Attesa spasmodica per la giornata di domani che vedrà la sfida ”milionaria” tra Chelsea e Manchester City.

MATCH DI OGGI: APRE L’ARSENAL – Il lunch match del sabato vedrà i Gunners far visita alla neo promossa Crystal Palace. L’Arsenal guida la classifica di Premier con 19 punti e in esterna ha totalizzato ben 10 punti sui 12 disponibili. Una marcia inarrestabile quella di Ozil e compagni, che dovrebbe continuare agevolmente oggi sul campo di un Palace in profonda crisi, con appena 3 punti conquistati in 8 giornate, frutto di una sola vittoria sul fanalino di coda Sunderland e ben 7 sconfitte. Si rivedranno Flamini, assente nella sconfitta interna contro il Borussia Dortmund,  Cazorla e Ramsey, che con Ozil agiranno alle spalle di Giroud. Il Crystal Palace, alla ricerca disperata di punti, si affiderà al tridente guidato da Chamak, ex del match, con ai suoi lati Bolasie e Puncheon.

Alle 16 scenderanno in campo Liverpool e Manchester United, che ospiteranno rispettivamente West Bromwich e Stoke City. I Reds occupano la seconda posizione in compagnia del Chelsea e gli uomini di Brendan Rodgers sperano di allungare la striscia positiva di tre risultati utili consecutivi dopo la prima e per ora unica sconfitta patita contro il Southampton ad Anfield Road. L’Albion non sarà però avversario facile, dato che fino ad ora non ha ancora perso in trasferta. Rodgers proporrà un 3-4-1-2 , con Johnson e Cissokho sugli esterni, mentre in avanti, con l’assenza di Coutinho per infortunio alla spalla, sarà Moses a supportare la micidiale coppia Suarez-Sturridge. L’Albion invece schiererà un più ermetico 4-5-1, con Anichebe unica punta supportato da Sessegnon.

Lo United riprende la rincorsa alla vetta della classifica dopo la vittoria di misura contro la Real Sociedad mercoledi. Numerose le assenze a cui dovrà far fronte Moyes, che sta valutando le condizioni della coppia Vidic-Ferdinand a cui dovrà molto probabilmente rinunciare. Spazio a Jones ed Evans quindi. A centrocampo Cleverley non ha ancora recuperato da un infortunio, mentre sugli esterni si rivedranno ancora il gioiellino Januzaj e soprattutto Nani. In avanti, al fianco di Rooney, Moyes recupera Van Persie, che aveva saltato il match di Champions per un infortunio al piede. Stoke con il dubbio Shawcross, che ha saltato l’intera settimana di allenamento per influenza, ma ritrova Charlie Adam e Assaidi. In avanti Ireland supporterà l’ex Inter Arnautovic.

Sempre alle 16 l’Aston Villa ospiterà proprio l’ex squadra di Moyes, l’Everton. I VIllans vengono dalla sconfitta internta contro il Tottenham che ha interrotto una serie positiva di tre partite, ma possono contare sul recupero del bomber Benteke, che riprenderà il suo posto al centro dell’attacco completato da Weimann e Agbonlahor. L’Everton dovrebbe ritrovare Steven Pienaar che affiancherà Lukaku e Mirallas nel trio d’attacco. Dubbio Heitinga con Distin che dovrebbe affiancare Jagielka.

Chiude il sabato il match delle 18:30 tra il Southampton e il Fulham, con Osvaldo e compagni vera rivelazione di questo inizio di campionato, al sesto posto e con ben 5 risultati utili consecutivi. Osvaldo guiderà l’attacco cercando di rimpinguare il suo bottino che per ora è di un solo goal all’attivo. Di contro il Fulham viene da due vittorie consecutive contro Stoke e Crystal Palace, con Bent che lascerà il posto a Ruiz a fare da suggeritore al bomber Berbatov.

DOMENICA OCCHI PUNTATI SULL’ETIHAD – Sarà Chelsea-Manchester City ad attirare l’attenzione dell’intera giornata di Premier. Un punto separa le due squadre e il match di domani potrebbe già dare un’importante indirizzo al campionato di entrambe. Gli uomini di Mourinho hanno iniziato a ingranare e dopo un’iniziale sbandamento tra campionato e Champions viaggiano ora a pieno ritmo, con quattro risultati utili consecutivi in Premier, stazionando al secondo posto. Netto il 3-0 inferto allo Schalke, palesando una forma invidibiale per i Blues. Contro il City servirà una prova di maturità, per questo lo Specialone si affiderà dietro ai titolarissimi con Ivanovic e il ritorno di Cole sugli esterni e alla coppia rodata Terry-Luiz. A centrocampo capitan Lampard affiancherà Ramires, mentre il trio che supporterà Eto’o sarà formato da Hazard, Oscar e Mata. Di contro, i Citizens viaggiano a una sola lunghezza di ritardo dai Blues e dopo la sconfitta contro l’Aston Villa si sono imposti contro West Ham ed Everton. Pellegrini dovrà fare a meno di Kompany, con Demichelis pronto ad affiancare Nastasic nella difesa a 4 completata da Zabaleta e Kolarov sugli esterni. A centrocampo Tourè e Fernandinho costituiranno al cerniera centrale con Nasri che prenderà il posto di Navas a destra. Silva confermato sull’out mancino con la coppia Aguero-Negredo di punta.

Il Tottenham ospiterà invece l’Hull City dopo la vittoriosa trasferta di Europa League. Dopo l’ampio turn over di giovedì, Villas Boas ritroverà i suoi titolarissimi, con Townsend, Holtby e Sigurdsson a supportare Soldado. Walker e Paulinho sono recuperati e dovrebbero tornare titolari. Formazione tipo quindi per lo Specialtwo, che vuole sfruttare un passo falso di City e Chelsea per superarle in classifica e portarsi a ridosso della vetta. L’Hull, dopo quattro risultati utili consecutivi, si è arresa all’Everton nella scorsa giornata. Huddlestone ritroverà i suoi ex compagni e guiderà i suoi al centro del folto centrocampo a 5 di Steve Bruce.

Il fanalino di cosa Sunderland ospiterà nel match delle 14e30 il Newcastle. Gli uomini di Poyet hanno totalizzato la miseria di un solo punto in classifica e le cose non sembrano migliorare. Nel match di domani il tecnico francese dovrebbe schierare Giaccherini alle spalle di Fletcher, in uno dei tanti esperimenti volti a cercare la giusta quadratura della squadra. Contro si ritroverà un Newcastle che intrasferta fa registrare risultati altalenanti, alternando vittorie e sconfitte. Pardew perde in un colpo Coloccini e Mbiwa, mentre in avanti confermato il tridente Ben Harfa-Remy-Gouffran.

Infine, Swansea West Ham, con Michu e compagni che vengono dal pareggio in Europa League contro il Kuban e gli Hammers in cerca di punti dopo la sconfitta contro il City.

Antonio Foccillo

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *