Manlio Mattaccini
No Comments

Bundesliga: il punto sulla decima giornata

Caldo derby tra Schalke e Borussia: il Bayer di Kießling, uomo del momento, e il Bayern di Guardiola possono approfittarne

Bundesliga: il punto sulla decima giornata
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Per Stefan Kießling, uomo-copertina del calcio tedesco, ultimamente fare gol è difficile come bersi un boccale di birra durante l’Oktoberfest. Poco importa se la palla superi la linea di porta e si accomoda nel sette dalla “porta” di servizio; l’attaccante, di origine bavarese (guarda un pò), in questo momento è il valore aggiunto del Bayer senza N. Dai suoi goal, e dalle sue prestazioni, passa la via per la gloria. E per capire se, finalmente, il Bayer potrà lottare fino alla fine per la vittoria del suo primo scudetto, o arrivare in primavera come la “mina vagante” nel tabellone finale della Champions.

BAYER – AUGSBURG: IL SOGNO CONTINUA? – Il crocevia importante, con la trasferta ad Hoffenheim, e la sfida casalinga con lo Shakhtar, avrebbe dato indicazioni importanti sul ruolo delle “aspirine” nelle due competizioni. Il primo esame è stato superato con caparbietà (e fortuna..), il secondo alla grandissima. Un 4-0 rifilato allo Shakhtar che dovrebbe far dormire sogni relativamente tranquilli alla banda di Hyypia in vista del ritorno in Champions. Alla Bay Arena adesso arriva l’Augsburg. Gli ospiti non vincono da oltre un mese e mezzo, e ultimamente prendono più di due gol a partita. Facendo quattro conti, il Bayer ha la grossa occasione di mettere da parte fieno prezioso in cascina. Rolfes e Kießling, rispettivamente capitano e bomber, compagni di squadra di una vita, hanno l’onore e l’onere di far continuare a sognare i propri tifosi.

Kevin Prince Boateng

Kevin Prince Boateng

SCHALKE – BORUSSIA SIGNIFICA SPETTACOLO, E TANTI GOAL – Un divario di otto punti in graduatoria: un po’ troppi da pronosticare ad agosto. E un ultimo turno di Champions con emozioni diametralmente opposte. Lo Schalke è stato preso a bastonate dal Chelsea di Mourinho che non ne sbaglia più una. Il Dortmund ha espugnato la tana dell‘Arsenal, rimettendosi in carreggiata e tirando la lunga volata a tre per il passaggio del turno con i londinesi e il Napoli. Discorsi che in un derby, però, diventano molto relativi. Boateng e compagni in Bundesliga stanno riprendendo a marciare, e non hanno la minima intenzione di arrestare la scalata. I gialloneri di Dortmund hanno perso, nella passata stagione, sia in casa che in trasferta. In campo il migliore attacco (Borussia) e una tra le peggior difese del torneo (Schalke): qualunque sia il punteggio, sarà uno spettacolo.

Arjen Robben

Arjen Robben

L’HERTHA A MONACO PER FARE LO “SCHERZETTO” – Il Bayern, alla sua terza partita consecutiva in casa, ospita l’Hertha Berlino. Nove gol segnati negli ultimi due match contro Mainz e Plzen, e nulla osta alla squadra di Guardiola di poter travolgere i bianco-blu della capitale. C’è un però: gli ospiti, da neopromossi, stanno disputando un torneo fino a questo momento ineccepibile, e andranno all’Allianz Arena senza l’obbligo del risultato. Le “barricate” , alquanto inutili, potrebbero lasciare spazio ad un match più aperto. Tiene banco il curioso caso di Robben: dopo il “siparietto” in Champions per essersi rifiutato di battere un rigore, come si comporterà se capitasse l’occasione?

CALENDARIO COMPLETO DECIMA GIORNATA:

Stoccarda – Norimberga (venerdi)

Bayern Monaco – Hertha Berlino (sabato)

Hannover – Hoffenheim

Bayer Leverkusen – Augsburg

Mainz – E. Braunschweig

Schalke04 – Borussia Dortmund

Wolsfburg – W.Brema

Friburgo – Amburgo (domenica)

B.Moenchengladback – E. Francoforte

Manlio Mattaccini

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *