Connect with us

Non Solo Sport

Tagli parlamentari: 50 milioni di dotazione in meno

Pubblicato

|

slitta legge elettorale, voto rinviato a lunedì

Enrico-Letta_h_partbE’ da ieri presente sul sito istituzionale della Camera (www.camera.it) il progetto di bilancio per il 2013 della sede dei deputati. La settimana prossima il testo verrà sottoposto al voto dei parlamentari per essere approvato o meno, ma nel frattempo un dato risalta su tutti: la presenza di alcuni tagli riguardanti le spese prettamente istituzionali, cioè la dotazione pubblica. La cifra risulta essere di 50 milioni, con le risorse richieste che passano da 993 a 943 milioni.

ALCUNE CIFRE – Il bilancio 2013 peserà sulle casse dello Stato per 943 milioni, 50 in meno rispetto all’anno scorso: ciò si deve in gran parte al taglio delle spese (32,7 milioni) ma anche all’utilizzo di risparmi precedenti (17,3 milioni). La spesa complessiva per la Camera cala del 3,01% rispetto al 2012: da 1,087 a 1,054 miliardi di Euro. Per quanto concerne il taglio di cui sopra, la maggior parte è da attribuire alla riduzione della voce riguardante le spese per deputati ed ex deputati (-12,4 milioni) mentre per i dipendenti attuali e precedenti il calo è di 8,4 milioni. Si risparmia inoltre sui gruppi parlamentari (2,8 milioni) e sull’acquisto di beni e servizi (8,9 milioni). Tornando sulla dotazione, essa dovrebbe mantenersi su questi livelli fino al 2016 e segna una riduzione storica perchè è la prima dal 1960. Negli anni successivi era solo aumentata o rimasta tale: la cifra precedente, 993 milioni, era stata raggiunta nel 2009 e si è mantenuta stabile fino a ieri.

DESTINAZIONE DELLE SPESE – Come verranno gestite queste nuove cifre? Il 34,60% della spesa (circa 365 milioni di Euro) servirà per le pensioni di ex deputati ed ex dipendenti mentre per le attività degli organi della Camera (inclusi gli stipendi dei lavoratori attuali) vengono destinati circa 295 milioni. Tra le altre voci di spesa, si evince come alla manutenzione ordinaria e straordinaria vengano destinati oltre 25 milioni, mentre 8.295.000 Euro sono per l’acquisto di beni di consumo e durevoli. Altre voci riguardano i trasporti (13 milioni 345 mila), assicurazioni (quasi 3 milioni) e utenze (9 milioni 530 mila). Infine le spese per locazioni e servizi accessori: la cifra stanziata ammonta a 40 milioni 780 mila.

PROSSIMI STEP – Il progetto di bilancio è presente da ieri sul sito istituzionale della Camera e verrà presentata in aula per la discussione e l’approvazione: al momento si prevede quest’ultima orientativamente nelle giornate del 30 e del 31 Ottobre.

Daniele Ernesti

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending